Cannelloni, lasagne e torte salate: piatti golosi adatti anche per chi non vuole ingrassare

Ttra le preparazioni più gradite in assoluto dagli italiani ci sono li cannelloni, i ravioli, le lasagne e le torte salate, che possono racchiudere più ortaggi mischiati a ricotta e uova, ottenendo una pietanza molto gustosa e nutriente, adatta a essere proposta in tavola come piatto unico, ma anche come antipasto, secondo, piatto di mezzo o per una scampagnata con la famiglia o gli amici, per ogni occasione e ogni stagione. Sicuramente c’è chi non ha molto tempo per prepararle, ma seguendo le indicazioni della ricetta che vi proponiamo, potrete cucinarle senza fatica. Inoltre, sono assai versatili: c’è sempre un ingrediente che può essere sostituito con un altro e, di conseguenza, sono la preparazione ideale per riciclare gli avanzi in frigorifero. Seguici…

Torta di zucchine anti fame

Ingredienti per 4 persone: 8 zucchine medio-piccole; 1 mozzarella da 400 g; 4 cucchiai di parmigiano grattugiato; olio d’oliva, sale marino, pangrattato, pepe q.b.

Preparazione: affetta le zucchine (ma puoi usare anche carote, peperoni, pomodori) a dischetti e sistemale in una pirofila unta con un filo d’olio. Cospargile con una presa di sale, una di pepe e la mozzarella a dadini.Poi spolverizza con il parmigiano grattugiato, un po’ di pangrattato, un filo d’olio e inforna a 200 °C per 30 minuti.

 

Le paste ripiene ricche di vitamine, minerali e fibre

Le paste ripiene sono tra le preparazioni più amate della cucina tradizionale italiana. Tortellini, tortelloni, ravioli, cannelloni, lasagne: bastano pochi e semplici elementi di base – uova, farina, un pizzico di sale e un ripieno a scelta, nel nostro caso di verdure – per creare queste paste farcite, ciascuna delle quali è caratterizzata da forme e ripieni diversi. I formati e i nomi variano da regione a regione ma, in qualsiasi modo venga chiamata, la pasta ripiena riscuote sempre un notevole successo, anche servita come piatto unico. Una porzione di cannelloni di magro è l’ideale per chi non mangia la verdura, oppure le lasagne al radicchio o condite con un sugo di melanzane e pomodori, i tortelloni di zucca, i ravioli con le erbette…

Attenzione però alle ricette troppo elaborate. Nel tentativo di preparare una pietanza gustosa si può correre il rischio di esagerare con i condimenti (grassi, salse, formaggi) per coprire il gusto delle verdure. L’obiettivo è rendere piacevole il sapore nuovo, non evitare che venga percepito del tutto, altrimenti non verrà mai inserito nel proprio menu.

• Per quanto riguarda la difficoltà e la velocità di preparazione, anche in questo caso non c’è da preoccuparsi: basta utilizzare della pasta di base già pronta (fresca o essiccata, a seconda del tipo di pasta ripiena da realizzare) e creare un ripieno semplice (per esempio, lava e taglia a cubetti zucchine, melanzane, peperoni e pomodori; mettili sulla piastra del forno e bagnali con 1-2 cucchiai di olio, spolverizza con erbe e spezie, pochissimo sale e pepe, mescola con le mani e inforna per 45 minuti a 200 °C).

 

Cannelloni al radicchio depurativo

Ingredienti per 2 persone: 1 cespo di radicchio; 1 cipolla; 8 cannelloni di pasta fresca; 100 g di ricotta; 125 g di yogurt denso naturale; 2 cucchiai di parmigiano grattugiato; 1 cucchiaio di olio d’oliva extravergine; sale marino integrale e pepe nero q.b.

Preparazione: lava il radicchio e taglialo a listarelle. In una padella fai appassire la cipolla tritata con l’olio, poi aggiungi mezzo bicchiere d’acqua e cuoci per 10 minuti. Unisci il radicchio, sale e pepe, e fai cuocere per 15 minuti ancora, poi togli dal fuoco e aggiungi la ricotta. Farcisci i cannelloni col mix di radicchio, poi mettili uno accanto all’altro in una teglia unta con un filo d’olio. Ricopri con il parmigiano mescolato allo yogurt e inforna per almeno mezz’ora a 200 °C.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dieta e salute, Cellulite, Ricette, Dimagrire e Cibo su Riza.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *