In estate largo ai cocktail analcolici

 

Quando il caldo secca la gola, niente di meglio di un cocktail da sorseggiare con gli amici. Fresco, dissetante, e questa estate gustiamolo senza alcool. Se d’inverno aperitivi e digestivi servono per riscaldare anima e corpo, con la bella stagione cambia tutto. Tanto che molti l’alcol proprio non lo reggono. E non solo perché il caldo lo fa andare subito alla testa. È una questione più che altro di gusto. E naturalmente di linea.

 

Gli italiani premiano la leggerezza

Secondo una recente indagine, oltre un terzo degli italiani, almeno nella bella stagione, preferisce bere analcolico, nonostante la cocktail-mania dilagante: oltre otto intervistati su dieci (84%) amano infatti bere qualcosa in compagnia. Ma solo per il 30% l’alcool è assolutamente necessario. Almeno col solleone, per il 34% l’importante è che la bevanda sia dissetante, rinfrescante, magari capace di dare un po’ di energia e di sconfiggere la fiacchezza tipicamente indotta dalla calura. E allora, cocktail analcolici, o al massimo leggermente alcolici, come le spremute di frutta “corrette champagne”, o gli aperitivi leggeri e frizzanti. Qualcuno non disdegna un bel drink da fine serata, magari con effetti afrodisiaci e inebrianti. Senza però andare a pesare sulla linea.

 

Largo ai succhi di frutto

E allora, basta coi soliti gin tonic e negroni, dannosi tanto per la salute quanto per la forma fisica. E via libera a succhi di frutta di tutti i tipi, mixati in modo sapiente e magari con qualche ingrediente “segreto”, in modo da rendere il sapore più originale e inaspettato. A cambiare poi è  anche la lista degli stuzzichini che, per oltre un italiano su due, sono irrinunciabili davanti a un bicchiere pieno. Coi primi caldi, spariscono salumi, pizzette e tartine, per lasciare spazio a piatti colmi di frutta, in particolare anguria, melone e fragole. Ma anche pinzimonio, pasta fredda e insalata di riso sono particolarmente apprezzati dai maniaci dell’happy hour.

 

Un tocco di originalità per i cocktail più cool

Ma quali sono i “gusti” più gettonati nella stagione calda? Prima di tutto, il classico succo d’arancia, da mixare però con quello di carota. E poi pesca, ananas, limone e cocomeri vari. In declino invece i succhi tropicali come maracuja, papaia e mango. Ma le sorprese arrivano soprattutto da quegli ingredienti che qualcuno vorrebbe sperimentare per unire certi effetti particolari al gusto dissetante della solita frutta. Qualche esempio? Il ginseng e il guaranà, oppure il latte di cocco, il caffè e lo yogurt. Ma a sorpresa, al primo posto tra gli ingredienti segreti da provare a tutti i costi, c’è il finocchio, mentre menta, liquirizia e anice diventano ottimi sostituti per trasformare i cocktail più classici in una bevanda decisamente più estiva.

 

Quattro ricette freschissime e a tutto gusto

 

Menta al ginepro

Per tutti gli estimatori del gin e dell’intenso sapore della caipiroska, un cocktail assolutamente naturale da farsi con:

 

– 1/3 di menta piperita

–  1/3 di ginepro

–  1/3 di achillea

– Foglie di menta fresca per guarnire

 

Servire ghiacciato.

 

Anice Cocktail

Invece del pernod o della sambuca, questo cocktail unisce il sapore pungente dell’anice con quello dissetante del finocchio:

 

– 2/5 di anice

– 2/5 di succo di finocchio

– 1/5 di semi di cumino

 

Chicchi d’uva per guarnire.

 

Liquirizia sour

Un cocktail superdissetante a base di liquirizia e zucchero, con note decisamente insolite:

 

– 2/3 di liquirizia

– 1/3 di rabarbaro

– limone e zucchero

 

Capisalvia

Un pestato originale, invece del solito caipirigna, si fa con:

 

– 3/5 di salvia

– 1/5 di rosa canina

– 1/5 di succo di limone

 

Se vuoi saperne di più visita le sezioni BellezzaSos saluteErbe e fitoterapiaDimagrireCibo e Mangiare sano su Riza.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *