Impacchi di bellezza per ridare agli occhi la freschezza perduta

Dopo una notte poco riposante i segni spesso si vedono nello sguardo. Il risveglio è difficile, gli occhi sono gonfi, borse e occhiaie, o semplicemente uno sguardo stanco, tutto questo può succedere  se si soffre di insonnia o anche solo se si ha dormito male. Per fortuna bastano pochi gesti per sorridere davanti allo specchio e riconciliarsi con il mondo. Ecco alcuni trucchi , da quello della nonna ai segreti delle top model per restituire agli occhi la perduta freschezza.
La comparsa dell’alone bluastro delle occhiaie è dovuto in parte alla rete di vasi sanguigni sottopelle, dove ristagnano sangue venoso e linfa, e in parte all’accumulo di melanina. Le borse, invece, dipendono, da ritenzione idrica con conseguente accumulo di tossine e liquidi nella zona sotto oculare. Si accentuano con l’età: la cute palpebrale si rilassa e “cala” sullo zigomo.

Cosa fare

Dormi con un cuscino, oppure metti due spessori di un paio di centimetri sotto la base del letto, dalla parte della testa. Questo evita il ristagno di sangue e linfa sotto gli occhi. Fai anche degli impacchi freddi: inumidisci un panno pulito con acqua fredda e applicalo premendo delicatamente sul contorno occhi per alcuni minuti. Ripeti tale operazione al mattino e alla sera.

Cosa Mangiare

Anche l’alimentazione è importante. Quando il riposo non basta, il problema può essere l’anemia. Integrare con cibi contenenti ferro insieme ad alimenti ricchi di vitamina C, per facilitarne l’assorbimento. Evitare the, caffè e alcol che invece ostacolano la metabolizzazione del ferro.

Acqua fredda

Riempi il lavandino di acqua fredda. Inspira profondamente e immergi il viso fino all’attaccatura dei capelli. Apri e chiudi ripetutamente gli occhi nell’acqua e intanto espira piano tutta l’aria immagazzinata nei polmoni. Ripeti tre volte. Un’alternativa più veloce: spruzzi di acqua fredda su viso e occhi, da tenere ben aperti. Asciuga con cura il viso e aspetta qualche decina di minuti prima di uscire di casa, soprattutto d’inverno quando l’aria è fredda.

Impacchi di freschezza

Una cura di bellezza dal profumo antico ma sempre valida. Riempi il contenitore del ghiaccio con acqua di rose e fai congelare nel freezer. Usa due cubetti come “ pronto soccorso” cosmetico in caso di gonfiore. Passali rapidamente sulle palpebre e sul contorno occhi senza sfregare. Sfiora con il ghiaccio anche le tempie e la fronte, lungo l’attaccatura dei capelli. Asciuga con una velina e applica l’idratante.

Il make up

Dopo avere attenuato il gonfiore e i segni di stanchezza del contorno occhi con i rimedi naturali, è ora il momento di esaltare lo sguardo con un make up “furbo”, fatto apposta per non mettere in evidenza le magagne. Per mascherare l’area scura delle occhiaie, stendi un correttore di una o due tonalità più chiare del fondotinta che applicherai poi sul volto. La dominante sarà giallo/ arancio. Per attenuare le borse applica sulla zona sotto gli occhi un fondotinta più scuro della tua carnagione normale, quindi uno strato di cipria più chiaro. Per alzare le quotazioni dello sguardo, punta sull’eye liner. Applicalo senza tirare la palpebra, con un tratto sottile dal punto centrale verso l’esterno. Non stendere il mascara nero sulle ciglia inferiori (enfatizzerebbe il problema). Per evitare grumi, estrai l’applicatore dall’astuccio senza girarlo o muoverlo avanti indietro. Applica sulle ciglia superiori dalla base verso l’alto, con un lento movimento zig zag.

Lift Gym

Ecco una ginnastica per rendere lo sguardo scattante.

Appoggia l’indice e il medio di entrambe le mani sulle sopracciglia nella parte esterna, verso le tempie, tirando delicatamente la pelle verso la fronte ed esercitando con le dita una leggera pressione. Socchiudi le palpebre fino a che le senti vibrare e “tirare”. Quindi distendile di nuovo lentamente. Esegui questo semplice esercizio di lifting natura 20 volte ogni mattino. Meglio se lo ripeti anche alla sera, per garantire l’indomani un dolce risveglio ai tuoi occhi.

Silvia Trevaini

Videonews

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *