I poweriser: quando allenarsi è puro divertimento

stampelleLa denominazione corretta della pratica è Powerbocking, e consiste essenzialmente in una serie di saltelli e corse eseguite con ai piedi gli attrezzi chiamati Poweriser ma conosciuti anche con altri nomi come powerbock, Powerizer, Street Jumper, Velocity Stilts, Skyrunner, Fly Jumper e Pro Jump.  Si tratta, in ogni caso di speciali trampoli dotati di molle in grado di far percorrere distanze sorprendenti. Se utilizzati a dovere, questi attrezzi consentono di correre e saltare oltre la norma realizzando delle evoluzioni simili a quelle praticate dai circensi.
A metà tra lo sport estremo e l’attività fisica, il tipo di movimento fisico imposto dai Poweriser consente di allenarsi in maniera efficace con estremo divertimento.

Una parte fondamentale del poweriser è sicuramente la molla, cioè la parte elastica che garantisce all’utilizzatore la possibilità di saltare o correre in maniera amplificata. La scelta del poweriser deve essere fatta in base al peso corporeo dell’utilizzatore. Quelli attualmente in commercio sono per atleti da 60 a 120 Kg per gli adulti e da 30 a 70 kg. per i bambini. Ogni molla è tarata per sopportare un certo peso.

Scegliere un attrezzo con caratteristiche al di sotto del proprio peso potrebbe provocare la rottura delle molle, mentre sceglierlo con molle sovradimensionate potrebbe rendere i poweriser troppo rigidi per un buon utilizzo.

Oltre che un vero e proprio attrezzo per il fitness, il poweriser può essere considerato anche un mezzo di trasporto alla stregua dello skateboard o dei roller blade. Nel caso in cui la città dove abitate si estende prevalentemente in pianura, i poweriser possono rappresentare una valida scelta per gli spostamenti. Consentono anche di rimanere in forma mentre ci si muove per raggiungere il posto di lavoro o si esce per un appuntamento con gli amici.

Ad apprezzarli particolarmente, non sono i ragazzi come verrebbe da credere bensì le persone adulte. Sempre più spesso capita infatti di vedere uomini d’affari in giacca e cravatta che si muovono con i trampoli ai piedi. Ne esiste sia un modello da bambini sia uno da adulti. I prezzi variano rispettivamente all’incirca da €250 a €300.

Usarli è particolarmente facile e divertente. Per il primo utilizzo occorre solo scegliere il kit giusto in base al proprio peso, indossarli, sollevarsi con l’ausilio di un compagno e trovare l’equilibrio. Una volta in piedi è possibile iniziare con piccoli passi (coadiuvati possibilmente sempre da un compagno). Quando si sarà acquisita una buona stabilità sull’attrezzo, si potrà iniziare a compiere i primi salti e in seguito a correre “come canguri”.

Le prestazioni raggiungibili con questi trampoli ai piedi sono davvero ragguardevoli. Si può saltare da 1 a 2 metri, fare passi lunghi anche 3 metri e correre sino a 30 Km/h. Il tutto è possibile grazie alla maggiore lunghezza delle leve e alla spinta prodotta dal proprio peso corporeo. Nel momento in cui si sarà raggiunta l’eccellenza nell’utilizzo, si potrà provare anche a fare capriole in avanti e indietro o superare ostacoli alti anche 2 metri. Le possibilità di cadere sono veramente limitate; nel caso si dovesse perdere l’equilibrio il rischio maggiore è di andare all’indietro. Per questo è il caso di utilizzare delle protezioni per mani e gomiti e – perché no? – anche un buon casco e delle ginocchiere. La sicurezza in questi casi non è mai sufficiente.

Come iniziare con i trampoli ai piedi

  • Acquistare il kit corretto in base al proprio peso corporeo
  • Indossare gli attrezzi avendo cura di allacciare correttamente i gambali agli stinchi
  • Munirsi di tutte le protezioni necessarie (casco, paracolpi vari)
  • Per le prime volte è meglio iniziare con una persona a fianco che aiuti sia ad alzarsi, sia a compiere i primi passi. In alternativa è possibile sfruttare un supporto stabile come un muro o una palizzata
  • Una volta acquisita sicurezza e stabilità provare a camminare da soli ma sempre con un compagno a fianco
  • Aumentare gradualmente la velocità di camminata provando nello stesso tempo a superare piccoli ostacoli
  • Quando si è diventati bravi nella camminata e nella corsa, tentare i primi salti. All’inizio provare con movimenti semplici
  • I salti possono essere fatti su una singola gamba o su entrambe. Saltare su una gamba è molto più facile poiché richiama il movimento della camminata ma verso l’alto. Farlo con entrambe è leggermente più difficile a causa della possibilità di perdere l’equilibrio.
  • A questo punto, dopo diverse settimane di pratica sull’attrezzo, si può provare a fare delle capriole sia in avanti sia indietro.

Vantaggi dell’allenamento con i Poweriser

  • Sono facili da usare
  • L’utilizzo è estremamente divertente
  • Non richiede particolari doti atletiche tranne un po’ di buon senso
  • Può essere utilizzato sia dai bambini sia dagli adulti
  • Ci si può allenare giocando e divertendosi nello stesso tempo
  • Consente di allenare doti fisiche importanti come l’equilibrio, la coordinazione, la propriocezione
  • Allena prevalentemente la parte bassa del corpo ma con un po’ di fantasia è possibile stimolare anche i muscoli del busto. Usare un paio di polsiere da sovraccarico o dei piccoli manubri completa il lavoro generale su tutto il corpo
  • È utile nella preparazione atletica di sport come lo snowboard o lo sci alpinismo dove le doti di equilibrio sono fondamentali

 

Silvia TrevainiSilvia Trevaini

Videonews

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “I poweriser: quando allenarsi è puro divertimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *