Massaggio Deep Impact

3
Il massaggio anticellulite è costituito da un’insieme di tecniche che sono volte al raggiungimento del risultato in maniera piacevole e rapida. Riduce la circonferenza delle gambe e dei glutei, eliminando i liquidi in eccesso. Questo risultato si ottiene utilizzando le tecniche del Drenaggio Linfatico  Manuale. Sono manualità tanto leggere quanto importanti, che eliminano le impurità e le tossine presenti nel liquido intracellulare dei tessuti superficiali. Tonifica i muscoli, ridonando loro forma e  vigore. Questo risultato si ottiene con manualità profonde e vigorose che rassodando e modellano le zone normalmente colpite dalla cellulite.

 

1“Nella prima parte del trattamento anticellulite ci occupiamo di drenare dalle gambe la linfa in eccesso, la cosiddetta ritenzione idrica. La linfa è un liquido incolore e trasparente contenuto nei vasi linfatici e nei linfonodi. Anatomicamente abbiamo vasi arteriosi le cui più sottili diramazioni, le metarteriole, trapassano in strutture ancora più sottili dette capillari”, ci spiega Roberto Caprile docente di tecniche di massaggio olistiche presso Prosperae.  Quando il capillare viene “massaggiato” può ricevere solamente manualità delicatissime perché altrimenti può contrarsi, impedendo così il flusso di sangue in quel dato vaso. Dal capillare arterioso si passa al capillare venoso e di qui nella venula.Per spiegare la formazione della linfa nello spazio interstiziale, occorre rifarsi alle proprietà dell’endotelio del capillare sanguigno, il quale si comporta come una membrana semipermeabile. Attraverso di essa dal capo arterioso passano all’interstizio acqua, sali minerali, vitamine ed elementi nutritivi di piccole dimensioni. Queste sostanze vengono utilizzate dalle cellule dei tessuti per il loro metabolismo e vengono poi rilasciati nello spazio interstiziale i prodotti di scarto. Questi ultimi vengono raccolti dal capillare venoso e successivamente eliminati attraverso la circolazione venosa ed il sistema emuntorio renale. Lo scambio di sostanze fra capillari ed interstizio è regolato dalla legge di Starling, secondo la quale è il gioco pressorio che si instaura ai due lati della parete capillare a determinare la fuoriuscita o il rientro di sostanze nel lume vasale considerato. Le pressioni che devono essere prese in considerazione sono la idrostatica e l’oncotica. In merito alla composizione della linfa non è possibile conoscere la quantità percentuale degli elementi costitutivi della linfa periferica o intermedia per via delle difficoltà correlate al loro prelievo. Si comprende quindi come il Drenaggio Linfatico Manuale possa permettere un miglioramento dello stato dei tessuti corporei, sia da un punto di vista estetico, per un rinnovamento più veloce delle cellule e dei tessuti invecchiati, sia in caso di ferite o di processi irritativi localizzati. Per l’apporto di linfa nuova, il processo di cicatrizzazione si verifica più velocemente, unitamente all’effetto meccanico dell’asportazione, con la linfa, del liquido d’edema, che sempre è presente in caso di ferite, siano esse accidentali o chirurgiche.

Tonificazione Muscolare Profonda

2L’obiettivo primario della tonificazione muscolare è il rilassamento generale e la riduzione della rigidità dei muscoli, la stimolazione della circolazione, l’alleviamento del dolore, il miglioramento dell’ossigenazione dei tessuti, la rimozione delle tossine e il miglioramento del tono muscolare. Grazie alla tonificazione è possibile ridurre i tempi di recupero in seguito ad episodi di affaticamento, dal momento che la stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica consente il drenaggio di acido lattico, acido urico ed altre scorie metaboliche. Il miglioramento della circolazione favorisce inoltre il ricambio di ossigeno a livello dei tessuti, soprattutto quelli delle estremità, senza però aumentare il carico a livello cardiaco. Questo massaggio può essere molto utile anche per il trattamento di alcuni tipi di edema.

L’intensa manipolazione, sia superficiale che profonda, prevista dalle tecniche del massaggio anticellulite permette di liberare i muscoli dalla tensione, rendendo legamenti e tendini più elastici e migliorando così la mobilità articolare e la postura. A livello cutaneo, la sollecitazione tattile dovuta al massaggio stimola l’epidermide e il sistema nervoso, contribuendo al rilassamento e alla riduzione dello stress e dell’ansia. Anche la pelle, dopo il massaggio, migliora notevolmente di aspetto diventando levigata e luminosa per effetto della stimolazione tattile e della rimozione degli strati superficiali di cellule morte. L’obiettivo finale del massaggio è quello di donare alla cliente una sensazione di rilassamento mentale e benessere fisico, migliorandone così lo stato di salute generale. A tutto ciò si associano migliori performance fisiche quali elasticità delle articolazioni e tonicità muscolare. Fra gli effetti più comuni descritti da chi ha ricevuto il massaggio anticellulite Prosperae vi è soprattutto la sensazione di rinvigorimento, un vero e proprio “pieno di energie” che si percepisce immediatamente dopo la seduta: questo è dovuto al rilascio di endorfine, che migliorano l’umore e danno sensazioni di appagamento. Il massaggio anticellulite Prosperae, oltre ai benefici a livello fisico, è quindi anche un toccasana per quanto riguarda gli aspetti del benessere psicologico e dell’autostima.

 

trevaini50 Silvia Trevaini

VideoNews

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *