Per avere piedi sani ci vuole la cura dell’acqua

piedi

Scarpe strette e tacchi alti possono essere causa di piccoli disturbi, ma anche di danni alle ossa e alla circolazione. Si può rimediare con i pediluvi agli oli essenziali… 

 

I piedi, che ci sorreggono e ci portano in giro per tutta la vita, hanno un ruolo fondamentale per il benessere di tutto l’organismo. Per questo meritano attenzioni e cure particolari e costanti, che non sempre diamo loro. Il più delle volte scegliamo modelli di scarpe in base alla moda del momento e non alle esigenze delle nostre estremità, le quali devono adattarsi a tutte le estrosità degli stilisti, facendo spesso sforzi sovrumani per garantirci la mobilità. Ma questi stress, a lungo andare, presentano conti a volte piuttosto salati.

 

I problemi più comuni

Le alterazioni più comuni che ne derivano sono callosità, gonfiori, screpolature, sudorazione eccessiva con macerazione del tessuto e infezioni fungine che provocano cattivo odore, il cosiddetto “piede d’atleta”, conseguenza di scarpe da ginnastica portate per troppe ore. I problemi più seri, però, vengono dall’uso abituale di tacchi troppo alti: tutto il peso del corpo si concentra sulle articolazioni dei metatarsi delle dita, che si infiammano causando callosità dolenti alla pianta che, se non curate, possono portare anche alla formazione del doloroso neuroma di Morton. L’appoggio non corretto, inoltre, ha per conseguenza il rallentamento della circolazione venosa e linfatica degli arti inferiori, causando gonfiore degli arti, varicosità, capillari fragili, cellulite.

 

Ritrovare l’equilibrio

È necessario quindi che il piede appoggi al suolo in modo da distribuire il peso corporeo su tutta la pianta. Questo equilibrio garantisce anche la buona funzionalità del ginocchio, delle anche e della schiena. Se è difficile per una donna non indossare mai scarpe eleganti e tacchi alti, è importante adottare tutte le precauzioni e le buone abitudini che permettono di alleviare i danni e prevenire dolorose complicazioni future.

 

Usa scarpe giuste

Prendi l’abitudine di usare, in casa e appena ti è possibile farlo, delle scarpe chiuse, di morbida e leggera pelle con un piccolo rialzo fisiologico (2 o 3 cm) ed eventualmente con le correzioni plantari che fossero necessarie. Le ore che passiamo in casa o in situazioni “non ufficiali” possono essere molto utili per dare sollievo a piedi stanchi e per migliorare la circolazione. Ricorda che le suole troppo sottili, come quelle delle “ballerine”, non proteggono adeguatamente la pianta dai traumi causati dal selciato duro e irregolare.

 

Fai un pediluvio serale

Fai ogni sera un pediluvio rilassante, ossigenante e drenante accompagnato da un bel massaggio che rivitalizza e annulla l’affaticamento e il gonfiore dei piedi stanchi.

 

Non correre sui tacchi

Il movimento fa bene, ma se porti abitualmente scarpe con tacchi alti evita la corsa, perché porta ad appoggiare tutto il peso del corpo sui metatarsi, e preferisci il normale e rilassante camminare con scarpe adatte.

 

Se è il caso, consulta uno specialista

Tutte le ipercheratosità del piede denotano alterazioni dell’appoggio, tranne sul tallone, dove un po’ di ispessimento è funzionale. In caso di callosità anormale sulla pianta e sulle dita, curale costantemente e consigliati con un bravo specialista del settore per verificare il corretto appoggio del piede.

 

Pediluvio al pompelmo per una serata rilassante

Procurati una bacinella abbastanza capiente perché l’acqua possa arrivare alla caviglia. Metti acqua tiepida quanto basta e aggiungi sale marino integrale grosso (un cucchiaio per ogni litro) e bicarbonato di sodio. Aggiungi 3 cucchiai di panna nella quale avrai fatto sciogliere 5 gocce di olio essenziale di pompelmo 3 gocce di olio essenziale di salvia e 10 gocce di estratto di edera. Mentre tieni i piedi a bagno per 15 minuti, passa la pianta sui grani di sale non sciolto effettuando così un benefico massaggio che attiva e migliora la circolazione. Quindi asciuga molto bene, soprattutto tra le dita. Massaggia tutto il piede con una miscela di olio d mandorle dolci a cui aggiungerai una goccia di olio essenziale di pompelmo amalgamando bene. Friziona ogni singolo dito e gli spazi interdigitali, poi risali fino al collo del piede con movimenti lenti e avvolgenti fino a far assorbire completamente l’emulsione. Ti sentirai rilassata e con le gambe veramente leggere.

 

Pediluvio alla camomilla e calendula per ritrovare la morbidezza

Prepara un decotto con camomilla e calendula: metti 3 cucchiai per ogni erba in infusione in un litro d’acqua bollente per 15 minuti, filtra e aggiungi 3 cucchiai di miele liquido, nel quale avrai sciolto 20 gocce di olio di avocado. Versa il preparato in acqua calda e lascia i piedi a bagno in essa per 15 minuti. Quindi massaggia, con le stesse modalità descritte sopra, usando burro di karité e olio di avocado in parti uguali.

 

Lemongrass e Tea tree per micosi e cattivi odori

Fai sciogliere in un bicchiere di aceto di mele 5 gocce di olio essenziale di lemongrass e 3 gocce di tea tree oil, amalgama bene, quindi aggiungi il composto all’acqua calda del pediluvio insieme a 2 cucchiai di bicarbonato per ogni litro d’acqua e lascia i piedi a bagno per 15 minuti. Dopo il pediluvio massaggia, con le stesse modalità descritte sopra, una noce di gel di aloe vera a cui aggiungerai una goccia di tea tree oil. Puoi usare questa emulsione ogni mattina e ogni sera per aumentare le difese della pelle macerata dal sudore.

 

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Bellezza, Oli Essenziali Benessere su Riza.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *