Consigli pratici per un intestino sano e regolare. Ecco come vincere la stipsi

La funzione intestinale varia molto tra una persona e l’altra. Viene considerato nella norma evacuare da 3 volte al giorno a 3 volte alla settimana. Si parla di stitichezza quando l’evacuazione avviene meno di 3 volte alla settimana. Questo problema colpisce in particolare le donne che hanno superato i trent’anni… Se anche tu ne soffri, seguici e scopri con noi le soluzioni naturali salva intestino

Come si manifesta

Si ha una diminuzione delle evacuazioni e una modificazione delle feci, che si presentano dure e scarse. Solitamente altri sintomi sono senso di gonfiore, nausea, inappetenza, crampi all’addome. Può causare diverticolite.

A volte si presenta in seguito a un viaggio, un periodo particolarmente stressante o a una malattia, ma si risolve in breve tempo (stitichezza acuta).

La stitichezza cronica, invece, quando non è provocata da cause patologiche, è il risultato di abitudini alimentari scorrette, scarsa attività fisica, particolari condizioni di vita o di lavoro che non permettono una risposta immediata allo stimolo di defecare. Le feci si induriscono restando più a lungo nell’intestino e l’evaucazione diventa più difficile e a volte dolorosa.

Le possibili cause

Alcune malattie possono provocare stitichezza: problemi alla tiroide (ipotiroidismo), diabete ecc. Anche alcuni farmaci (sedativi, farmaci che contengono ferro e alluminio, alcuni anitiipertensivi) possono causare stipsi, compresi i lassativi stessi se assunti costantemente. Va inoltre considerato che l’intestino è particolarmente sensibile ai fattori emotivi: preoccupazioni, nervosismo, ritmi di lavoro frenetici possono influire sul suo funzionamento. Possono manifestarsi problemi di stitichezza durante la gravidanza. In assenza di malattie, la stitichezza è causata da un insufficiente consumo di fibre e liquidi, e da scarsa attività fisica.

Quando rivolgersi al medico

È opportuno rivolgersi al medico se il disturbo persiste per 7 giorni, se ricorre spesso, se si scopre la presenza di sangue o muco nelle feci, se si hanno forti dolori addominali.

Integratori utili

Minerali – Magnesio: 1 compressa al giorno. Favorisce la motilità intestinale.

Fermenti lattici – 1 flaconcino al giorno, meglio se contengono l’Acidophilus. Rigenerano l’intestino.

Fibre di baobab – 1 bustina o 1 compressa al giorno. Correggono la stitichezza

Erbe anti stipsi

Decotto di malva: bollire per 2 minuti in mezzo litro di acqua 15 g di foglie di malva. Berne 1-2 tazze al giorno.

È utile un gruppo di gemmoderivati (in erboristeria o in farmacia) che regola la peristalsi intestinale stimolandola in modo dolce, non aggressivo, è la seguente: Betula pubescens, 50 gocce al mattino; Quercus peduncolata, 50 gocce al pomeriggio; Vaccinium Vitis Idaea (regolatore specie nella stipsi del colon irritabile), 50 gocce alla sera. È consigliabile diluire i gemmoderivati in un grande bicchiere di acqua che servrà a idratare le feci dure.

Alimentazione

Evitare o ridurre:

•gli alimenti raffinati, lo zucchero e i cibi che lo contengono, i cibi troppo salati, la carne e i latticini, fatta eccezione per lo yogurt.

Cibi consigliati:

•cereali e derivati integrali, in modo da assumere una quantità adeguata di fibra alimentare che favorisca la peristalsi intestinale e quindi l’evacuazione;

•verdura e frutta (prugne secche, fichi, pere e rabarbaro sono buoni lassativi);

•assumere, preferibilmente la mattina a digiuno, yogurt con fermenti vivi.

•Bere molti liquidi, masticare bene ogni boccone ed evitare di consumare i pasti velocemente; consumare cene leggere.

Per il nostro benessere

• Praticare con regolarità una moderata attività fisica.

• Trovare il tempo per rilassarsi: spesso la stitichezza è provocata da ansia e tensioni.

• Abituarsi a evacuare a ore fisse.

• Non reprimere lo stimolo.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Medcina naturale, Erbe e fitoterapia, Dieta e salute, Stress su Riza.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Consigli pratici per un intestino sano e regolare. Ecco come vincere la stipsi

  1. Questi sono tutti ottimi rimedi, però bisogna stare attenti ed evitare che il problema ritorni, per esempio a me in genere dopo un paio di settimane con la tisana, i fermenti e decotti vari, l’intestino si “abitua” e ritorna tutto come prima 🙁 Finora l’unica soluzione è stata quella di prendere degli integratori per l’intestino, per la mia esperienza devo dire in particolare quelli metabolomici (quelli meetab per intenderci) che ho trovato più leggeri. Complimenti per l’articolo, spero di trovare presto nuovi pezzi come questo con rimedi utili per la salute 🙂

    • Ciao! Ho notato che i miglioramenti con decotti e varie mi fanno abituare e appena non li prendo torna tutto come prima. Cosa sono questi “metabolomici”? Mi puoi fare esempi specifici. Grazie

  2. Vaccinium Vitis Idaea

    Betula Pubescens Fitoblasto

    posso associare in unica assunzione questi prodotti

    o devo prendere in orari differenti?

  3. DA quando sono stato operato di emorroidi la mia vita fisiologica
    e un inferno ,non è piu regolare come prima dell intervento.Non
    so se a causa di questo, ho se questa stitichezza e dovuta ad
    altra causa,quando vado in bagno nelle feci trovo anche del sangue e le emorroidi si infiammano ,è per il dolore non riesco
    a sedermi perche provo molto dolore.Se qualcuno mi puo dare dei consigli o puo indirizarmi per sapere cosa posso fare.
    GRAZIE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *