Oli essenziali per la circolazione

L’estate è nel pieno del suo vigore e insieme ai suoi benefici per l’umore e l’abbronzatura durante le vacanze, porta con sé anche qualche piccola preoccupazione a cui bisogna essere preparati. In particolare, è il momento di occuparci della nostra circolazione venosa e linfatica, affaticata dal gran caldo. Caviglie gonfie, gambe appesantite, vene e capillari in evidenza sono alcuni tra i sintomi più comuni.  Come ovviare a questi fastidiosi sintomi? In nostro soccorso arrivano gli oli essenziali, fragranze aromatiche preziose per il nostro benessere. Questo mese ne conosciamo quattro molto attivi nella loro azione sul sistema circolatorio. Ne parliamo insieme ad Alessia Daturi, naturopata e aromaterapeuta presso la Scuola italiana di medicina olistica. Continua a leggere

Ansia da prestazione

Istockphoto

L’ansia da prestazione ha una definizione semplice, è la paura di fallire in una prova, che si manifesta sul momento, quando inizia la prova. Si distingue quindi dall’ansia anticipatoria, anche se è concatenata con essa. Innanzitutto, conta la struttura di personalità. Ci sono persone che puntano su sé stessi, sul proprio successo, in una maniera estremamente rigida e perfezionistica: o riescono, al meglio; o falliscono. Ciò implica che ogni risultato intermedio che può profilarsi durante la prestazione innesca una crisi, quasi che la reazione ad un mancato successo totale debba favorire un insuccesso totale. Pur essendo assurdo, in un certo senso una persona con una rigidità estrema di questo tipo può sapere come comportarsi solo in queste due condizioni: o va tutto liscio, o “a monte”. Addirittura, se l’ansia cresce già prima della prestazione, questa è annullata: non si va all’esame, si rimanda all’ultimo. Infine, vi sono forme in cui l’ansia di prestazione rallenta addirittura la preparazione alla prova, per cui non si riesce a studiare in vista di un esame, poiché al solo pensiero subentra un’ansia paralizzante circa il possibile fallimento. E’ chiaro in questi casi che l’ansia non è relativa alla prestazione in sé, quanto alla tensione da aspettativa generale su di sé. Ne parliamo con il Dott. Matteo Pacini, medico chirurgo, Specialista in Psichiatria e docente di Medicina delle Dipendenze presso l’università di Pisa. Continua a leggere

Creme e lozioni solari protettive

Con l’arrivo della stagione calda è indispensabile l’uso di prodotti solari idonei per proteggere la pelle quando si espone ai raggi solari, limitando i rischi che possono andare da una comune scottatura a patologie ben più gravi. I solari, come tutti i cosmetici, sono disciplinati dal Regolamento (CE) n. 1223/2009, che stabilisce quali regole devono essere osservate per poter immettere i prodotti sul mercato con adeguate informazioni e garantire un livello elevato di tutela della salute. Per i prodotti solari, più specificamente, la Commissione Europea ha pubblicato nel 2006 una “Raccomandazione sull’efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni”, per fare chiarezza su questa tipologia di cosmetici e agevolare così le scelte dei consumatori. La Raccomandazione fornisce una serie di indicazioni sulla protezione, le precauzioni d’impiego e le istruzioni per l’uso dei solari. Innanzitutto, viene fornita una definizione specifica di “protezione solare”, che va intesa come un preparato – che può presentarsi in crema, olio, gel o spray – destinato a essere posto in contatto con la pelle, al fine esclusivo o principale di proteggerla dai raggi UV.

 Sull’efficacia della protezione della protezione, la Raccomandazione afferma che i solari protettivi non sono in grado di garantire una protezione totale dai rischi per la salute derivanti dai raggi UV. Di conseguenza, nelle etichette o sulle confezioni non dovrebbero essere utilizzate diciture come “schermo totale” o “protezione totale”, che lasciano intendere che una crema solare può proteggere al 100% dai raggi UV oppure che è in grado di offrire una protezione prolungata senza necessità di riapplicare il prodotto, magari inserendo anche inserendo espressioni come “prevenzione per tutto il giorno”. Si tratterebbe di informazioni palesemente ingannevoli e non veritiere. Come scegliere allora una buona crema solare? Come capire, quindi, quale prodotto fa davvero al caso nostro? E come utilizzarla al meglio?  Ho voluto approfondire questo argomento con il dottor Santo Raffaele Mercuri, primario dell’Unità di Dermatologia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.  Continua a leggere

Approfitta delle vacanze e riprendi a pedalare

La bicicletta è tornata di moda. Merito della pandemia, che ha spinto a cercare mezzi di trasporto che tengano lontani dalla folla, ma anche della diffusione delle bici elettriche, che rendono meno faticosi i percorsi. Inoltre, questa attività è diventata anche la soluzione per chi vuole mantenersi in forma. In effetti se quello che vuoi è bruciare calorie, ma il tuo desiderio segreto è fuggire dalla palestra, hai di fronte l’attività giusta per te: andare in bicicletta! I vantaggi della bicicletta sono numerosi, soprattutto per muoversi in città: è economica, facile da usare, non inquina, ti fa risparmiare tempo negli spostamenti ed elimina il problema parcheggio, ma anche tutti i disagi del prendere mezzi pubblici. Bastano pochi accessori per tenere la bici in casa magari fissandola alle pareti. Approfitta delle vacanze per riprendere ad allenarti. Continua a leggere

Dieta estiva

Oltre che con l’acqua, i succhi e le spremute, in questo periodo la dieta deve essere arricchita con i carotenoidi, speciali pigmenti presenti in grandi quantità nei vegetali di colore rosso, giallo, arancione, capaci di catturare le radiazioni luminose e di trasformarle in energia metabolica. I carotenoidi hanno attività antiossidante, accelerano lo smaltimento delle tossine organiche, riattivano la circolazione e i processi di drenaggio e proteggono le mucose e la retina dall’aggressione di raggi solari, vento e salsedine. Fra i cereali è ora consigliata l’avena, ricca di proteine ricostituenti e di fibre anti-colesterolo e, sul fronte dei cibi d’origine animale, d’estate il pesce azzurro va preferito alla carne. Ottimo per condire è l’olio di girasole, biologico e spremuto a freddo: è una miniera di vitamina F, indispensabile per mantenere la cute morbida e idratata. Se inserirai questi alimenti nel tuo menu quotidiano, seguendo le indicazioni proposte per i vari pasti della giornata, eviterai colpi di calore, dermatiti, allergie. E anche la digestione migliorerà.

La spesa del mese di luglio sarà ricca di: albicocche, pesche, fiocchi, pane e latte d’avena, granella di nocciole, arance Navel, uova, mango, carote, uva bianca, ribes rosso, lamponi, banane, sedano, pomodori secchi sott’olio, mais olive taggiasche, peperoni rossi, susine Regina Claudia, limoni bio, curcuma, tonno in olio d’oliva, panna di soia, capperi, pomodorini, alici, aglio, rosmarino, prezzemolo, pinoli.

A colazione

Fai il pieno di vitalità e di carotenoidi fin dal mattino, arricchendo i fiocchi e il latte d’avena con la frutta gialla estiva e la granella di nocciole. Assumi la tua dose di vitamina C con la spremuta di arance bionde, varietà Navel, e non farti mancare le proteine sazianti fornite dalle uova. Se non ami le uova sostituiscile con una ciotola di ricotta con poco miele.

Per spuntino

Contro la fame di metà mattina, centrifuga 2 carote medie, un grappolo di uva bianca e un mango. Otterrai un succo dolce, denso e profumato.

Per Pranzo

Come piatto unico, scegli un’insalata proteica idratante (trovi la ricetta qui sotto), da servire con un paio di bruschette di pane d’avena integrale insaporite con olio d’oliva, sale e origano. Completa con una macedonia di frutti misti.

A merenda

Tosta delle fette di pane d’avena, frulla del tonno con capperi e panna di soia. Spalma il composto cremoso ottenuto sul pane e guarnisci con dei pomodorini.

Per cena

Inizia con un cous cous di miglio con verdure miste insaporito con foglioline di menta, prosegui con un tortino di carote e alici al forno (trovi la ricetta qui sotto) con un contorno d’insalata verde, e termina con una ciotolina di composta di susine gialle.

Ricette

Insalata proteica super idratante

Ingredienti

2 gambi di sedano verde (con le foglie), un grosso pomodoro cuore di bue, una ciotola di edamame, 2 fette di melone giallo, 2 zucchine piccole, olive taggiasche, pomodori secchi sott’olio, una confezione di mais, un peperone rosso, un limone, olio di semi di girasole, sale e pepe nero.

Preparazione

In una grande ciotola disponi il sedano lavato e tagliato a rondelline, poi il pomodoro a dadini, gli edamame, il peperone a listarelle, le zucchine (non pelate) affettate sottili e il melone (non troppo maturo) sbucciato e tagliato a tocchetti. Prosegui con il mais, le olive taggiasche e i pomodori secchi sgocciolati dell’olio in eccesso; condisci l’insalata con un’emulsione di olio di girasole, succo di limone, curcuma, sale e pepe macinato al momento.

Tortino di carote e alici al forno.

Ingredienti

600g di alici, un limone bio, uno spicchio d’aglio, alcuni rametti di rosmarino, una tazza di pangrattato, 500g di carote, 20g di pinoli, un ciuffo di prezzemolo, brodo vegetale, olio di girasole, sale e pepe.

Preparazione

Lessa le carote, trita l’aglio con rosmarino e prezzemolo e unisci il pangrattato. Disponi in una teglia unta d’olio le carote a rondelle, aggiungi la metà del mix di pangrattato ed erbe; sopra le carote disponi le alici pulite a raggiera e completa con il brodo vegetale e il pangrattato rimasto. Cuoci in forno a 180° C finché il tortino non sarà dorato.

trevaini50Silvia Trevaini

VideoNews

 

Metti al primo posto le tue passioni

Tutti hanno bisogno di un lavoro per vivere, e questo è un punto assodato. Ciò che rimane un punto oscuro è invece il tempo che passate a lavorare per guadagnare. Una moltitudine di persone lavora per guadagnare, ma finché sceglierete di “investire” tutto il vostro tempo in un lavoro noioso, che non vi piace o semplicemente un lavoro che vi consente “solo” di guadagnare qualcosa, non sarete mai veramente felici. Molti credono che guadagnare con le proprie passioni sia difficile e questa errata credenza porta ad avvalorare, nella vostra mente, tutta una serie di credenze simili che vi faranno ottenere proprio quello che credete. È anche vero, d’altra parte che la vostra passione non deve essere qualcosa in cui avete particolare talento, non ne dovete farne una carriera, sta a voi decidere quanta vita e quanto impegno dedicarci. Seguire le vostre passioni vuole semplicemente dire stare bene, prendere tempo per sé e godersi il momento senza pressione. La vita può diventare monotona se non c’è niente che ci appassiona. La passione è qualcosa che ci smuove da dentro, un particolare interesse che suscita in noi emozioni e può succedere che, anche se siamo adulti, non l’abbiamo ancora trovata e ci sentiamo vuoti. Non tutti nascono con delle passioni già definite, per molti la ricerca delle proprie passioni è un viaggio, un percorso di sperimentazione. Le passioni cambiano nell’arco della vita e qualcosa che amavamo fare in passato può risultare meno interessante adesso. Certo non è facile identificare la propria passione, quella che ha tutte le carte in regola per ribaltare la nostra vita, renderci persone più soddisfatte e perché no, anche più ricche. Come riconoscere allora le proprie passioni così da coltivarle e viverle meglio?  Continua a leggere