Soia e colesanolo fanno “buon sangue”

 

 

La natura, attraverso la fitoterapia ci mette a disposizione dei rimedi efficaci e privi di effetti collaterali per ridurre il tasso elevato di colesterolo e differenti a seconda dell’origine del problema.

 

Lino, soia e mais “correggono” gli errori alimentari

Se il colesterolo è aumentato dopo gli eccessi alimentari tipici della stagione invernale, è ottimo l’olio di lino: combatte il colesterolo e i trigliceridi, protegge le coronarie e fluidifica il sangue.

 

Come fare: Mescola un litro di olio extravergine di oliva e ¼ di litro di olio di semi di lino biologico. Questa miscela può essere usata come condimento a crude per verdure, carni, cereali, con l’aggiunta di qualche goccia di limone.

 

Posologia: Usa almeno 2 cucchiai al giorno di questa miscela. Puoi trovare in erboristeria anche l’olio di lino in perle: la dose è di 1-2 prima di colazione, pranzo e cena, per un mese.

 

Se non gradisci il sapore dell’olio di lino, una buona alternativa è il mais, che è ricco di gamma orizanolo, una sostanza con una spiccata azione anti trigliceridi e anti colesterolo. Il mais può essere abbinato alla soia che, essendo ricca di isoflavoni, libera il sangue dall’eccesso di grassi. L’ideale sarebbe mangiare 2-3 volte alla settimana un’insalata di mais e germogli di soia, condita con un filo d’olio di riso.

 

Colesanolo, il super spazzino delle arterie

Derivato dalla canna da zucchero, il colesanolo è un vero e proprio “spazzino” delle arterie: la sua azione di pulitura dei vasi arteriosi si associa alla proprietà di velocizzare la circolazione sanguigna e fluidificare il sangue. È un ottimo rimedio per le persone a rischio o già ammalate di arteriosclerosi.

 

Posologia: se ne prendono due capsule al giorno per 1-2 mesi a seconda dei livelli di colesterolo evidenziate dagli esami del sangue.

 

Per proteggere il cuore, usa la “caigua”

Una delle tipologie più difficili da curare è quella del colesterolo alto causato da una “autoproduzione” eccessiva da parte dell’organismo. In questo caso ricorri alla caigua, una pianta sudamericana che assomiglia a un peperone e che dà risultati davvero sorprendenti per la variabile “endogena” del problema. La sua assunzione è consigliata a chi soffre anche di disturbi cardiovascolari.

 

Uso e dosi: 3 capsule al giorno prima dei pasti per almeno 3 mesi.

 

La posologia dei rimedi suggeriti qui va comunque dosata a seconda dell’entità dello squilibrio: meglio concordarla con l’erboristeria di fiducia e col medico, è preferibile se sulla scorta di un esame del sangue.

 

Se vuoi saperne di più visita le sezioni CiboMangiare sano, Erbe e fitoterapia e Sos salute su Riza.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Soia e colesanolo fanno “buon sangue”

  1. Un saluto all’autore dell’articolo.
    I rimedi naturali di Fitoterapia possono essere utilizzati sia come “farmaci” di prima scelta, sia come coadiuvanti la terapia con farmaci allopatici.
    Un cordiale saluto
    Rosalba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *