La dieta del rientro: perdi tre chili in due settimane e non li riprendi più! E non rinunci al buon cibo…

Per molti di noi le ferie si sono concluse, e gelati, fritture di pesce e altre golosità estive non sono solo un ricordo… perché hanno lasciato qualche chilo in più da smaltire. Inoltre, la fine della vacanze può anche provocare una lieve depressione con aumento della fame nervosa.

Cosa fare allora? Semplice, basta adottare uno stile alimentare ricco di triptofano che “tiri su il morale” e, al contempo, assicuri di perdere qualche chilo in più dovuto a gelati, pizze, fritti misti…

In pratica

Fin dagli ultimi giorni di vacanza, sarebbe utile inserire nel pasto serale alimenti che contengono triptofano un aminoacido presente in latte, latticini, uova, carne, pesce, cioccolato, mandorle; questa sostanza è utile perché è un precursore della serotonina, l’ormone del buonumore.

Ecco i cibi che non devono mancare

•Pollo: contiene 359 mg di triptofano per 100 g; inoltre, apporta proteine nobili che vanno a costituire la massa magra, i muscoli, e in questo modo aiuta a bruciare adipe.

•Mandorle: contengono 394 mg di triptofano per 100 g; inoltre, apportano magnesio e calcio, utili per i muscoli e le ossa

•Bresaola: contiene 325 mg di triptofano per 100 g; inoltre, apporta buone quantità di ferro necessario per i muscolo, la respirazione, la buona funzionalità del cervello

•Parmigiano: contiene 320 mg di triptofano per 100 g; inoltre,

•Tonno fresco: contiene 237 mg di triptofano per 100 g; inoltre apporta acidi grassi essenziali utili per il buon funzionamento di cuore, muscoli e cervello.

Per aiutarti a perdere peso

Consuma a colazione e pranzo gli alimenti ricchi di grassi, i cereali e le verdure ricche di carboidrati (è il caso di carote, pomodori, barbabietole, peperoni, cavolini di Bruxelles). In questo modo bruci velocemente i grassi e gli zuccheri che ingerisci, grazie all’azione degli ormoni tiroidei e surrenalici, più attivi proprio in questo momento della giornata.

Vietata la frutta dopo i pasti e in particolare a cena: provoca gonfiori e (a cena) favorisce l’aumento di peso. La frutta va mangiata entro le 17/18.

Anche pasta e legumi vanno bene ma solo a pranzo.

E le bevande? In un pasto ricco di carboidrati non devono comparire né vino né birra: provocano gonfiori addominali e aumentano i livelli di glicemia nel sangue, favorendo il rallentamento del metabolismo e l’aumento di peso

Biscotti, pane e fette biscottate? Andrebbero mangiati solo a colazione!

Per tre giorni a settimana adotta questo menu e otterrai ottimi risultati!

COLAZIONE

Permessi gli alimenti ricchi di grassi e zuccheri

•150 cc di latte intero o 125 g yogurt intero con 2 cucchiai di cereali (in alternativa 2 fette biscottate); tè o caffè

•1 toast con formaggio e prosciutto; succo di frutta; tè o caffè

SPUNTINO (ENTRO LE 10.30)

1 frutto di stagione oppure 1 yogurt intero

PRANZO

Iniziare con verdure, a scelta:

•Insalata di pomodori, carote, peperoni e rucola conditq con succo di limone e 2 cucchiaini di olio d’oliva extravergine

•Verdure grigliate (peperoni, zucchine, melanzane, radicchio) condite con aceto balsamico

•Insalata di verdure cotte al vapore condita con aceto di mele e 2 cucchiaini di olio d’oliva extravergine

A scelta:

•80 g di tagliatelle al pomodoro o al pesto

•80 g di spaghetti aglio, olio e peperoncino

•80 di riso con i ceci, le lenticchie o i piselli

•80 g di risotto allo zafferano

•50 g di pasta e (50 g) fagioli

•200 g di gnocchi al pomodoro

•Passato di verdura con 30 g di crostini

MERENDA (ENTRO LE 17.00)

1 frutto di stagione oppure 1 vasetto di yogurt magro

CENA

Carne, pesce, uova e latticini devono costituire i principali componenti del pasto serale e vanno accompagnati con abbondanti quantità di verdure.

A scelta:

•Sushi di salmone e tonno rosso (circa 150 g di pesce) con germogli di soia in insalata

•200 g di seppioline in padella e verdure cotte

•Due uova e zucchine

•120 g di carne alla griglia con songino

•150-200 g di pesce al vapore (branzino dentice orata) e insalata di pomodori

•150 g di pollo al curry e spinaci

•50 g di bresaola, 30 g di scaglie di parmigiano e rucola

•100 g ricotta e radicchio alla griglia

•200 g di calamaretti in umido e melanzane

A fine pasto:

Mousse di cioccolato light

Mousse di mandorle (fatta con latte di mandorle) light

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “La dieta del rientro: perdi tre chili in due settimane e non li riprendi più! E non rinunci al buon cibo…

  1. Non saranno troppi 80 grammi di pasta o riso a pranzo?. Io ho provato a fare questa dieta per tre giorni di seguito e non ho perso peso, nè mi sono sgonfiata. Help?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *