Mate: la pianta sudamericana che attiva il metabolismo e fa perdere peso

Il mate è una bevanda energetica diffusa principalmente in Argentina. Gli indios erano soliti bere il mate da una zucca vuota essicata tramite una cannuccia che faceva da filtro. Questa usanza è stata tramandata fino ai giorni nostri. Il tè si ottiene dalle foglie di una pianta che si chiama llex paraguariensis. Ha forti proprietà antiossidanti e contiene piccole quantità di caffeina. E può essere usata all’interno di una dieta ipocalorica per dimagrire. Scopri con noi come usarla…

Con il mate perdi peso perché:

•ti fa bruciare più calorie

•distrugge l’adipe e fa aumentare la massa muscolare

•riduce l’appetito, e quindi ti fa mangiare meno

•è diuretico e contrasta la cellulite

•è disintossicante e antiossidante

Le sostanze per una linea OK!

Il mate contiene sostanze attive, come la caffeina, l’acido clorogenico (antiossidante), la teobromina (la stessa del cacao) e la teofillina che attivano la termogenesi, ovvero la capacità del corpo di bruciare i grassi (adipe) messi da parte come scorta. In particolare, la caffeina attiva le lipasi, enzimi che scindono i grassi rendendoli disponibili per l’utilizzo.

L’azione antifame e drenante

Gazie alla teobromina, il mate riduce la fame nervosa, soprattutto quella tipica della sindrome premestruale che comporta vere e proprie abbuffate, in genere di dolci. La teofillina, invece, fa aumentare la produzione di urina e potenzia l’attività drenante e anticellulite della bevanda o dell’integratore a base di matè.

Il segreto della giovinezza

La vitamina C e l’acido clorogenico presenti nel matè svolgono un’efficace azione antiradicali liberi e quindi sono utili per ritardare la comparsa dei primi segni dell’invecchiamento. In questo modo pelle e muscoli si mantengono più giovani e tonici.

Così potenzi la sua efficacia

L’integrazione con il mate, da farsi all’interno di una dieta dimagrante, aiuta la perdita del peso corporeo in eccesso soprattutto quando all’erba sudamericana si associano gli estratti di papaia, curcuma, sambuco nero e tè verde. Ideale poi l’abbinamento con fibre vegetali (fruttoligosaccaridi).

Come assumerlo

In commercio puoi trovare il mate da utilizzare come erba per infusi. Oppure, se lo preferisci,

lo puoi acquistare come integratore.

• Modalità d’impiego per l’erba da infuso: mettere un cucchiaino di matè in una tazza di acqua calda e lasciare in infusione per 2-3 minuti. Se ne bevono 2-3 tazze al dì. Va bevuto tiepido o freddo, mai bollente, in quanto secondo alcune ricerche la bevanda bollente assunta più volte al dì e per lunghi periodi può creare problemi all’esofago e al cavo orale.

• Modalità d’uso per l’integratore liquidi: di norma, si consigliano 15 ml da diluire in mezzo litro di acqua, o in un bicchiere abbondante, da bere durante la mattina.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dimagrire, Dieta e salute, Integratori su Riza.it

11 risposte a “Mate: la pianta sudamericana che attiva il metabolismo e fa perdere peso

  1. sono in sovrappeso di circa 10 chili Posso berla anche se ho una forte anemia (riserve di ferro basse) e problemi di malassorbimento a livello duodenale?

  2. soffro di cuore ho le aorte che si staccano dal cuore e aumento di peso alla mia eta (65anni)vorrei dimagrire peso 130 KG.e sono alto 1.80 cm grazie per la vostra cortesia, attendo risposta

  3. Il matè verde assunto tramite tisana lo trovate tranquillamente al supermercato tra i the e le tisane in bustina. Un esempio è quello snellente della Pompadour contenente matė verde,liquirizia e menta piperita. Il matè va consumato dopo 5/10 minuti perchė secondo alcuni studi bevuto eccessivamente caldo causerebbe cancro a gola ed esofago. Un consiglio che non vuole affatto essere un insulto ė fare attività sportiva perchė certe cose aiutano ma non siamo sull’isola che non c’è dove si rimane per sempre giovani e belli con la tisanuccia magica che elimina il grasso come un bisturi. Se una persona sa di essere in sovrappeso conosce pure i suoi passi falsi nell’alimentazione e senza correggerli aggiungendo del movimento fisico non si otterá proprio nulla.

Rispondi a Ilsalutista Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *