La cellulite? Combattila con l’automassaggio

Combattere la cellulite non può essere un pensiero solo a poche settimane dalla prova costume, ci vuole invece costanza tutto l’anno. Purtroppo non è facile da sconfiggere, soprattutto quando si ha poco tempo a disposizione e anche un budget limitato. I trattamenti di bellezza sono molto costosi e, per alcune signore, davvero proibiti. Ma la lotta alla buccia d’arancia può iniziare anche a casa con l’automassaggio, economico e pratico. Massaggiare le zone interessate, nel modo corretto, serve a stimolare la microcircolazione periferica, il drenaggio dei liquidi e ad assorbire nel migliore dei modi anche le creme e i prodotti anticellulite che abbiamo acquistato.

Quando fare l’automassaggio
Intanto bisogna ritagliarsi un po’ di tempo (bastano 20 minuti), tutte le sere, per almeno un paio di mesi. In linea di massima sarebbe preferibile la mattina, perché le gambe non sono stressate dalla giornata di lavoro, quindi chi fa i turni o è a casa, può sfruttare questo momento. L’automassaggio deve essere svolto dopo la doccia o il bagno: la pelle è bella pulita ed è già stata stimolata dal passaggio dell’acqua. È fondamentale che i movimenti delle mani vadano sempre dal basso verso l’alto e tenendo le gambe leggermente sollevate: questo permette di attivare la circolazione venosa e linfatica.

Movimenti per l’automassaggio
Per quanto riguarda i movimenti, è bene iniziare dalle caviglie per salire alle cosce. Prendete la crema e frizionatela tra le mani, affinché il prodotto si scaldi un pochino e sia più facile da assorbire. Disegnate dei piccoli cerchi (concentrici) lungo la gamba, fino all’inguine. Non deve esserci una pressione molto forte. Poi, soffermatevi sulle cosce, con le nocche delle mani, tenute a pugno, o semplicemente con il palmo della mano, picchiettate con colpi di diversa intensità. Il massaggio deve essere rilassante, ma anche efficace, quindi metteteci un po’ di energia. Se la vostra cellulite è dura e quindi molto difficile da sollevare, appoggiate le mani sulle gambe ed esercitate pressioni spingendo le mani in direzione diversa: questa manovra si chiama torsione. Infine, come ultima fase, alternate delle carezze con la mano destra e quella sinistra, sempre dal basso verso l’alto, percorrendo la lunghezza della gamba almeno 3 o 4 volte, finché la crema non sarà totalmente assorbita.

Alcune tecniche

Lo sfioramento
la fase di strofinamento leggero deve sempre essere quella iniziale di ogni seduta di massaggio. Fate scivolare il palmo della mano distesa sulla parte: si tratta di una carezza appena accentuata che percorre più volte l’area interessata. Il movimento è sempre in direzione del cuore: sull’addome è circolare. Ripetere lo sfioramento anche al termine di tutte le sedute. In questa fase si eserciterà un pressione più decisa ed energica, sempre in direzione del cuore.

La frizione
E’ un movimento superficiale che si adatta alla prima fase del massaggio. I polpastrelli poggiano sulla pelle esercitandovi una certa pressione in modo da par scorrere la cute sui tessuti sottostanti. Ripetete il movimento in tutta l’area dolcemente.

La vibrazione
Un’altra manovra non troppo violenta. Si tratta di appoggiare la mano distesa sulla parte esercitando una certa pressione e trasmettendo con impercettibili oscillazioni, delle vibrazioni, percepite come tremito nei tessuti.

Creme e oli specifici
Creme, fluidi e gel rendono l’automassaggio ancora più efficace perché permettono alle mani di scorrere meglio sulla pelle. Oggi in commercio si trovano prodotti naturali preparati con ottimi principi attivi: per la cellulite provocata da una carenza circolatoria, si può ricorrere agli estratti vegetali, come la Centella Asiatica, Edera, Ippocastano, Rusco, Escina, Thè Verde, Spirulina; questi favoriscono la circolazione e il drenaggio dei liquidi. Le sostanze che agiscono direttamente sui cuscinetti di grasso sono: le Alghe Marine, come il Fucus e la Laminaria perché ricche di iodio velocizzano la demolizione del grasso riducendo il volume delle cellule, come anche la Cola, la Caffeina e il Guaranà. Gli oli vegetali alla Mandorla, all’Aloe e al Ginkgo di Biloba hanno un’azione emolliente e idratante sulla pelle. Per un’azione drenante e anticellulite sono consigliati la Betulla, la Cannella e il Basilico. Infine per avere una pelle liscia e levigata si utilizzano delle creme esfolianti, come gli acidi della frutta, gli estratti al Tè Verde e acidi salicilici che rimuovono le cellule morte dallo strato superficiale dell’epidermide, dando una maggiore permeabilità alla pelle e consentendo un migliore assorbimento delle altre sostanze.

Silvia Trevaini

Newsmediaset

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *