Primula di sera: è la pianta perfetta per le donne

primula2È una pianta del colore della luna e fiorisce all’imbrunire. Si rivela un cosmetico perfetto per l’età matura, ma anche un efficace integratore per l’età fertile, contro dolori premestruali e nervosismo.  Una fioritura nel momento del tramonto è una vera rarità in natura: i fiori dell’enotera si schiudono all’imbrunire e restano aperti fino al mattino seguente. Conosciuta per questo anche come bella di notte o primula di sera, secondo l’antroposofia racchiude forze vitali “serali”, che la rendono la pianta ideale dell’età matura. D’altro canto, i suoi fiori illuminano la notte attingendo alle energie lunari e da sempre la luna influenza i ritmi biologici e del ciclo mestruale: per questo l’enotera si rivela efficace, sottoforma di integratore, per contrastare i sintomi associati alla fase premestruale.

Un olio vitale

Contiene elevate quantità di un olio ricco di acidi grassi insaturi, soprattutto di acido gamma- linolenico, acido linoleico, acido oleico: proprio quelli che diminuiscono con l’avanzare dell’età. Questi acidi grassi essenziali giocano un ruolo fondamentale nel metabolismo dei grassi dell’epidermide e sono indispensabili per la formazione della barriera protettiva cutanea. L’olio di enotera fornisce gli acidi grassi essenziali che non possono essere sintetizzati dall’organismo umano e che assicurano elasticità e integrità alle membrane cellulari. Non solo: gli acidi grassi essenziali rappresentano i precursori della prostaglandina E1: secondo alcuni studi tale sostanza è in grado di abbassare i livelli di prolattina. Questo ormone è implicato nell’insorgenza dei sintomi associati alla fase premestruale: l’enotera pertanto si è dimostrata utile nel trattamento di tali disturbi, in particolare della ritenzione idrica, della tensione dolorosa al seno, del nervosismo, dei disturbi di tipo depressivo.

La pianta guida

La pelle è il nostro organo più esteso e anche uno dei più importanti. Ci protegge da fattori ambientali che possono nuocere al nostro organismo e preserva la nostra naturale idratazione. Nelle varie fasi della vita ha necessità molto diverse per quanto concerne la sua cura e la sua protezione. La pelle matura ha esigenze speciali: i cambiamenti ormonali possono renderla più sottile, comprometterne la funzione di barriera e ridurne la resistenza. Perde turgore e manifesta secchezza in quanto diminuiscono le sue capacità di approvvigionarsi di sostanze nutritive e di trattenere l’acqua nei tessuti. Sul viso compaiono rughe più profonde, la pelle del corpo è più disidratata e perde tono. La medicina antroposofica, sulla base dell’osservazione della natura, sceglie l’enotera come modello di salute per questo tipo di pelle cosi esigente.

L’integratore delle donne

L’olio di enotera è una sostanza che può segnare l’inizio di una primavera per la salute e la bellezza delle donne. Si trova in commercio  sotto forma di integratore: contiene acido linoleico e acido gamma- linolenico, due acidi grassi appartenenti alla serie degli omega 6, definiti essenziali perché non possono essere prodotti dall’organismo ed devono quindi essere necessariamente introdotti dall’esterno. Viene ottenuto spremendo a freddo i semi dell’enotera, un metodo utilizzato per preservare le caratteristiche naturali degli acidi grassi polinsaturi. Spesso poi si aggiunge la vitamina E, antiossidante naturale, utile anche per mantenere l’integrità degli acidi contenuti nell’olio. Va assunto nella misura di 2-3 perle gelatinose al giorno, accompagnate da un abbondante sorso d’acqua: è un valido rimedio per assicurare l’elasticità e l’integrità  delle membrane cellulari. Anche tutti i disagi e i problemi legati a forme irritative a carico della pelle traggono giovamento dall’utilizzo di quest’olio. Per chi soffre  di sindrome premestruale , è stato dimostrato un suo valido contributo nel ridurre il gonfiore e il dolore al seno. In commercio si trova anche l’olio vegetale di enotera, da assumere in quantità di un cucchiaio al giorno.

 

Silvia TrevainiSilvia Trevaini

Videonews

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *