Perché bere il latte di asina

asinaNon tutti forse lo conoscono, e chi lo conosce magari non lo ha mai assaggiato, mi riferisco al latte di asina, un alimento un po’ dimenticato che invece necessita di essere rivalutato e introdotto nella dieta.

Cosa contiene

A parità di quantità il latte di asina contiene un basso tenore di grassi e proteine, ma un elevato tasso di lattosio, rispetto a quello di mucca, inoltre, è ricco di omega-3, i grassi polinsaturi che proteggono dalle malattie del cuore, e di probiotici, i microrganismi che riequilibrano la flora intestinale. Ne parliamo insieme a Sara Cordara, Specialista in Scienza dell’ Alimentazione e in Nutrizione e Integrazione nello Sport.

Ideale per il neonato

Un tempo quando una madre (o una nutrice) non poteva allattare, ricorreva al latte di asina e i nonni se lo ricordano bene. Oggigiorno i latti artificiali sono in grado di riprodurre la composizione nutritiva del latte materno, sia in termini quantitativi che qualitativi. Ciò che però non riescono a riprodurre in laboratorio con altrettanta facilità, è la ricchezza di anticorpi e di sostanze battericide (come il lisozima) presenti nel latte umano, utili per una corretta crescita del neonato. Il latte di asina si è rivelato efficace e utile in questi casi, in quanto la sua composizione nutrizionale è molto simile a quella del latte materno, e sono sempre di più i pediatri che lo prescrivono. Quando i bambini non possono essere allattati al seno o presentano allergia al latte vaccino, tra le varie terapie ipotizzabili, quella del latte d’asina appare dunque la migliore, dimostrandosi in grado non solo di nutrire a basso rischio di allergenicità, ma anche di permettere al neonato di costruirsi un completo sistema immunitario (proprio grazie all’elevata presenza di lisozima e lattoferrina), favorendo la protezione dagli attacchi infettivi soprattutto respiratori e intestinali.

A chi è consigliato

Essendo molto nutriente ed energetico è suggerito alle persone anziane e debilitate, ai convalescenti, agli sportivi (soprattutto di attività aerobiche) e a chi è allergico alle proteine del latte vaccino. In quest’ultimo che il latte vaccino è l’alimento più frequentemente responsabile di allergie, che compaiono già nei primi anni di vita. La normale terapia in questo caso è dietetica e si basa sulla esclusione delle proteine del latte di mucca.
Un’alternativa è rappresentata dal latte di soia, verso il quale, però, si può sviluppare a sua volta allergia. Allergia che si può sviluppare anche verso il latte di capra. Il latte materno (raccolto e conservato in apposite banche del latte) rappresenterebbe la soluzione ideale, ma in Italia la sua disponibilità è molto limitata.
Alcuni studi hanno chiaramente dimostrato che il latte d’asina, può costituire il trattamento d’elezione nelle persone allergiche. Non va invece bene per chi è intollerante al lattosio, questo zucchero è abbondantemente presente in quello di asina, responsabile del suo sapore dolce e delicato. Ed è proprio il lattosio, che favorisce un maggiore assorbimento di calcio indispensabile per la cura di malattie quali osteoporosi, quindi è suggerito un consumo quotidiano di latte di asina alle donne in menopausa. Infine, il ridotto contenuto lipidico consente a questo latte di inserirsi nella comune dieta giornaliera, soprattutto in quella di soggetti che intendono dimagrire.

 

Versatile in cucina e impiegato nella cosmesi

In cucina è adatto a qualunque tipo di consumo (per dolci, frullati, gelati, budini e prodotti da forno). Anche la cosmesi sfrutta le proprietà di questo latte: sembrerebbe infatti che questo prezioso alimento contribuisca a idratare, nutrire e lenire qualunque tipo di derma, soprattutto a tendenza allergica. Beh, ma non erano Cleopatra e Poppea che facevano il bagno nel latte d’asina per conservare la bellezza della loro pelle?

 

Dove acquistarlo

Da pochi mesi è possibile acquistarlo in molte farmacie oppure recandovi direttamente in un allevamento di asini. A questo proposito ve ne segnalo uno situato in Piemonte, nella Correria di Valcasotto, frazione di Garessio (CN), l’azienda si chiama Honky Donky (www.honkydonky.it) e alleva asini di razza Ragusano.

 

Silvia TrevainiSilvia Trevaini

Videonews

 

4 risposte a “Perché bere il latte di asina

  1. scusate ma questo latte d’asina una volta per tutto puo’ essere consumato da un bambino allergico alle proteine del late.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *