Medicina estetica e gravidanza

gravidanzaMolte donne, accertato lo stato di gravidanza, smettono automaticamente qualsiasi trattamento estetico abbiano in corso. La paura di far male al feto è superiore a qualunque ragionamento logico, è comprensibile che con gli ormoni scatenati dalla gravidanza una donna tema tutto, soprattutto se primipara. Per questo motivo facciamo insieme al Professor Santo Raffaele Mercuri, primario di dermatologia, dell’ospedale San Raffale di Milano, un riassunto dei trattamenti estetici permessi in gravidanza, affinché tutte possano continuare a “curare” il loro aspetto durante i 9 mesi. È veramente importante seguire alcune regole fondamentali per evitare pericoli per se stesse e per la nuova vita portata in grembo, prima fra tutte, sospendere ogni trattamento durante il primo trimestre, ma solo per eccessiva precauzione.

Cosa si può fare e cosa no:

  • I capelli: possono essere trattati normalmente, shampoo e piega non comportano pericoli, per tinture, permanenti, meches e affini ormai ci sono in commercio prodotti naturali che se applicati da un serio professionista non sono assolutamente nocivi;
  • Depilazione: occorre fare un po’ di attenzione, infatti, alcuni trattamenti non sono consigliati, la ceretta ad esempio non provoca alcun danno, ma, il dolore causato dallo strappo potrebbe innescare delle contrazioni, soprattutto nell’ultimo trimestre. Mentre il metodo di termolisi è assolutamente sicuro;
  • Trattamenti abbronzanti: sappiamo tutti che in gravidanza anche la pelle subisce traumi, pertanto evitare accuratamente sedute di abbronzatura meccanica, il rischio è di ritrovarsi a macchie, anche gli autoabbronzanti sono da evitare;
  • Manicure e pedicure: si possono fare evitando, però, prodotti chimici e microdermoabrasione, quindi no allo smalto, no alle ricostruzioni o estensioni;
  • Tatuaggi: dovrebbero essere limitati a quelli fatti con l’henné naturale e solo dopo il terzo trimestre;
  • Massaggi: sono relativamente sicuri a patto che non si tocchino punti che possono provocare contrazioni e si evitino alcuni olii essenziali che la pelle assorbe passandoli alla placenta, fra questi, timo, menta, rosmarino, basilico e origano, mentre camomilla e gelsomino sono i più consigliati;
  • Saune e bagni termali caldi, vasche idromassaggio e tutto ciò che può aumentare la temperatura corporea sono da evitare, mentre alcuni percorsi benessere sono concessi sempre però utilizzando prodotti neutri e senza alcool.
foto-prof-2

Prof. Santo Raffaele Mercuri

Parrucchieri, estetiste e tecnici delle unghie dovrebbero incoraggiare le loro clienti in gravidanza a utilizzare prodotti specifici per neonati e bambini piccoli. Essi dovrebbero anche raccomandare di ridurre il numero di prodotti utilizzati per la routine quotidiana di bellezza personale. È anche importante ricordare che, anche se questi trattamenti sono considerati sicuri, nessuno può garantire al 100% che non accada nulla, qualcosa può andare storto su base individuale. Motivo per il quale è sempre opportuno chiedere alla cliente se soffre di disturbi particolari, se ha allergie specifiche e lo stato di salute generale suo e del bambino. Il buonsenso guida ogni donna incinta che per istinto riconosce cosa può far male al suo piccolo, ciò è nell’ordine naturale del ciclo della vita.

Trattamenti di medicina estetica durante la gravidanza.

Durante la gravidanza bisogna soprattutto fare un’opera di prevenzione. Per prima cosa l’alimentazione dovrà essere varia ed equilibrata, molto ricca in fibre e divisa possibilmente in sei piccoli pasti, al fine di avere un aumento ponderale equilibrato rispetto al peso di partenza. Inoltre il controllo dell’alimentazione è fondamentale per evitare sbalzi di glicemia e di pressione arteriosa, molto dannosi per il feto. Per prevenire le smagliature, si possono utilizzare delle creme elasticizzanti, abbinate a olio di mandorle dolci. Per prevenire la formazione di macchie, fondamentale ridurre i tempi dell’esposizione solare ed usare uno schermo al sole sia meccanico (un banalissimo cappello con visiera) che in crema. Per quanto riguarda la circolazione venosa e linfatica, è consigliato l’uso di calze elastiche durante tutta la gravidanza e, se non ci sono complicanze, faranno benissimo massaggi linfodrenanti agli arti inferiori.

Dopo il parto quali trattamenti di medicina estetica sono consigliati

Dopo il parto si consiglia un ciclo di radiofrequenza non ablativa sull’addome, glutei e décolletè, al fine di prevenire e curare le smagliature e soprattutto ripristinare l’elasticità e il tono della pelle. Si potrà abbinare, al termine dell’allattamento un ciclo di peeling al PRX, per rassodare i tessuti e schiarire le eventuali macchie residue della pelle. Per rinforzare la circolazione venolinfatica potremo affidarci alla mesoterapia flebotonica affiancata da qualche seduta di sclerosanti al fine di rimuovere i piccoli capillari e le microvarici residue dopo il parto.

Silvia TrevainiSilvia Trevaini

Videonews

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *