Il feng shui a tavola

Il Feng Schui è un vero e proprio stile di vita che permea qualsiasi traccia visibile e invisibile dell’esistenza. Se in uccidente viene usata solo come filosofia di arredo dagli Interior designer, in luoghi lontani come Hong Kong vi sono ingegneri specializzati che progettano su questa dottrina anche i piani urbanistici di città immense. Perché allora non fare un passo in più verso ciò ed estendere tale disciplina anche a tavola? Un luogo di raduno familiare dove si trascorrono momenti piacevoli con i propri cari e con se stessi: la cucina andrebbe vista come una stanza dove non solo si prepara da mangiare, ma anche come uno spazio in cui riflettere sul proprio benessere psicofisico. Per il Feng Shui l’obiettivo è raggiungere l’equilibrio fra le due forze primarie: lo Yin femminile e lo Yang maschile, nell’ambiente e dentro di noi. La cucina è un’ ambiente Yang perché è associata al fuoco e all’attività. Tuttavia, è anche un ambiente riservato alla famiglia perché riguarda la preparazione del cibo. A secondo delle diversità caratteriali, vi sono vari consigli per riequilibrare la situazione compensando le energie in eccesso attraverso la scelta dei cibi, più Yin o  più Yang. La dieta del Feng Shui è quindi qualcosa di strettamente personale e variabile nel tempo.

 Contro la depressione.

In primavera ed in estate le giornate si allungano. Ma in autunno ad esempio con le giornate che si accorciano e lo stress lavorativo che comincia ad accumularsi rimanere di buon umore e un’ardua sfida, e  sempre più persone in questo periodo soffro di depressione. Ma è possibile cercare di allevare tale peso tramite una corretta alimentazione. Ambiente:  consigliatissimo è l’utilizzo di piatti e tovaglie blu. Questo colore infatti incentiva la masticazione lenta e attenta. È inoltre il colore dell’acqua, fa trasparire tranquillità e benessere. Facilita la riduzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca. Il termine “blu plate” venne diffuso non a caso nel periodo americano della Grande Depressione, quando i ristoratori scoprirono che i clienti rimanevano maggiormente soddisfatti se mangiavano in piatti blu. Alimenti: largo utilizzo alle tante tipologie di spezie colorate e imprevedibili. Preferite cibi rossi arancioni poiché pieni di energia e forza, ricchi di antiossidanti che aiutano a combattere lo stress. Il blu va portato anche all’interno del corpo, quindi via libera al mirtillo, ai ribes,al  radicchio, alle melanzane e ai  broccoli da affiancar alle varie pietanze predisposte nei piatti.

Contro il sovrappeso.

 La causa primaria di tali disturbi è riscontrata spesso del disordine. Non solo quello presente in casa ma anche a tavola. Diventa dunque essenziale liberare la cucina da qualsiasi cibo spazzatura e dei cibi in scatola a ridosso della scadenza di consumo o aperti da troppo tempo, sia che si trovi in frigorifero che in dispensa. Tutti questi elementi sono considerati blocchi psicologici che non inducono la persona a volersi liberare dei chili di troppo. Risulta molto efficace il posizionamento di uno specchio sul frigorifero o sullo scaffale dove sono disposti eventuali alimenti meno salutari: favorirebbe una maggiore determinazione a non abbandonare il buon proposito. Un altro aiuto potrebbe essere quello di nascondere la cucina e  le sue tentazioni. Basterà posizionare strategicamente una tenda all’entrata oppure cercare di attirare l’attenzione su altro, magari sistemando un nuovo quadro o un oggetto stravagante accanto alla porta. Ambiente: usare il nero o  un tema floreale. Bandito il colore rosso che stimola la fame. Sbagliatissimo consumare pranzi e cene in piedi o poggiati al tavolo senza apparecchiare. Incentivare l’utilizzo di piatti quadrati piuttosto che tondi, perché la forma quadrata  irradia soddisfazione,  mentre quella circolare stimola la curiosità. Cercate inoltre di servirvi di piatti più piccoli, che risultino pieni pur con porzioni ridotte. Alimenti: variare la consistenza dei cibi e  dei colori regalerà una sensazione di pienezza anche con poche quantità. Per perdere peso i sapori più adatti sono l’acido e l’amaro, che stimolano il metabolismo e aiutano la depurazione. Alternate i colori tenui a quelli vivaci e i  sapori decisi a quelli delicati. Ottimo il mix di frutta e verdura fresca per  recuperare equilibrio. Mangiate inoltre con estrema calma: ingoiare con foga non permette all’organismo di assimilare correttamente i nutrienti. Favorite questa azione posizionando un orologio a muro davanti al tavolo. Un piatto bilanciato dovrebbe contenere le seguenti porzioni: due terzi di carne, frutta e verdura, mentreil  restante, un terzo può essere costituito da alimenti a base di carboidrati.

Contro l’irascibilità.

Regola fondamentale di questa disciplina cinese è ordine e pulizia. Tutti gli ambienti, compresi quelli sfruttati raramente, devono essere ordinati, puliti arieggiati costantemente. Importante seguire lo stesso sistema anche in cucina, dove fondamentale, soprattutto per chi soffre di sovraccarichi di energia negativa, è la luce solare e aria fresca. Eliminate poi dal tavolo e dalle pareti qualsiasi oggetto appuntito, piante grasse con spine o oggetti raffiguranti atti di guerra e animali feroci. Un clima senza tale oggetti rappresenta un sistema pacifico che attenuerà litigi e scatti di rabbia. Curare sbalzi di umore è  tra gli obiettivi principali del Feng Shui, poiché la disciplina si concentra maggiormente sul bilanciamento di energia tra Yin e Yang. Piante verdi, senza foglie appuntite, e  i fiori vanno benissimo in cucina poiché ottimi generatori di energia positiva e vitalità. Al bando piante finte, fiori in plastica, che generano energia negativa. Ambiente: prediligete  una tavola apparecchiata in modo minimale e con colori neutri, per dare enfasi a quello che servite. La forma sarebbe meglio quadrata senza angoli troppo evidenti, che stimola energia rilassanti. I commensali con carattere più iracondo dovrebbero evitare di dare le spalle a parti spigolose della casa. Mascherate tali angoli con piante dal fusto alto. Anche il tavolo è da preferirsi tondo. In alternativa va bene anche un centro tavola di forma circolare con girasoli freschi. Date spazio a colori solari come il giallo e l’arancio. In sottofondo preferite musica lounge alla tv. Alimenti: il verde è rilassante, ricco di vitamina C, ottimo se consumato la sera. Il colore bianco del pane, della pasta e del riso è neutro e rasserena. Associate cibi cotti   e sostanziosi a verdure come finocchi,sedano e carote. Se non seguito un particolare regime alimentare, concedetevi di tanto in tanto a fine pasto un dolce. Per chiudere in bellezza, una tisana a base di lavanda che calma qualsiasi sbalzo di umore.

trevaini50Silvia Trevaini

VideoNews

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *