Olivo: una pianta, mille proprietà

Il suo olio è il miglior condimento, ma anche le foglie dell’olivo contengono sostanze benefiche, in particolare per la salute delle ossa e contro l’ipertensione…


Tra le tante qualità dell’olio extravergine di oliva, c’è anche quella di prevenire l’osteoporosi. L’olivo è noto per la ricchezza nutrizionale dei suoi frutti, le olive, e naturalmente dell’olio. Ma la moderna ricerca oggi conferma che l’olio evo è anche un potente antiage: è infatti costituito da grassi monoinsaturi (in particolare acido oleico) che proteggono l’apparato cardiovascolare. inoltre, l’olio evo è ricco di polifenoli e vitamina E, preziose sostanze antiossidanti e antinfiammatorie. I polifenoli, e soprattutto l’oleuropeina, agiscono anche da scudo contro l’osteoporosi.

Ossa più forti grazie alle foglie di olivo

Per fare il pieno delle sostanze che proteggono le nostre ossa, in fitoterapia si utilizzano anche le foglie dell’olivo. Queste sono conosciute per la loro efficacia contro l’ipertensione, ma alcuni studi ne hanno dimostrato i benefici sul sistema osteoarticolare. L’oleuropeina, infatti, è in grado di contrastare la perdita di massa ossea, e perciò gli estratti di foglie di olivo sarebbero validi alleati per prevenire l’osteoporosi. Se vuoi rinforzare le ossa e contrastare l’osteoporosi, puoi assumere degli integratori a base di estratti di foglie di olivo. In commercio ne esistono diversi formati. Se scegli le capsule, prendine da 1 a 3 al giorno durante i pasti principali.

Usa l’olio extravergine di oliva ogni giorno come condimento

L’olio di oliva è il condimento per eccellenza della cucina mediterranea: utilizzalo crudo sulle insalate, sui primi piatti, in aggiunta a zuppe di verdure. Puoi anche usarlo per uno spuntino o una merenda sanissima: spalmane un cucchiaio su una fetta di pane integrale e, se vuoi, aggiungici un pizzico di sale.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni CiboErbe e FitoterapiaIntegratori Mangiare Sano su Riza.it.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *