L’essicazione : alleata nell’alimentazione dei nostri amici a quattro zampe

Negli ultimi anni l’industria alimentare per gli animali domestici ha messo in piedi un vero e proprio business che, se da un lato ci semplifica enormemente la vita, dall’altro rischia di provocare danni anche importanti a quella dei nostri piccoli compagni. Non è un segreto che l’insorgenza massiccia e così diffusa nell’uomo di patologie alimentari come intolleranze e allergie, ma anche di semplici stati generali di affaticamento dell’apparato digerente (sempre più frequenti i casi di stipsi, pigrizia o infiammazione intestinale),  sia, se non causata, per lo meno favorita dall’aggiunta sistematica di sostanze chimiche all’interno del cibo industriale e al sempre crescente consumo di alimenti altamente raffinati. Le medesime conclusioni si possono trarre per gli animali: cani e gatti vanno incontro a problematiche anche severe, vhe trovano origine o aggravio nel tipo di prodotti alimentari che scegliamo per loro.

Prodotti essiccati per una sana alimentazione

L’essicazione di erbe e  prodotti naturali costituisce un punto di partenza interessante è che, con un po’ di tempo e pazienza, può aiutarci ad integrare attivamente la pappa di fido e miao, per prevenire e curare diverse forme di disagio anche grave.

Aggiungiamo il prodotto essiccato dell’alimentazione dei nostri animali

La parte più complicata è quella iniziale: disabituare i nostri animali dei sapori dell’industria alimentare non è semplice, poiché questi prodotti sono sempre addizionati di composti chimici realizzati appositamente allo scopo di generare dipendenza dal consumatore. Cane e gatto, assuefatti a determinati sapori, tenderanno automaticamente a rifiutare alimenti diversi anche se più naturali. Due le strade principali da seguire: scegliamo erbe, piante, frutta e verdura da somministrare al quadrupede di casa, essicchiamole e polverizziamole per aggiungerle comodamente a pasti umidi e secchi. L’essicazione infatti si basa sul principio dell’eliminazione dell’acqua da un alimento, ma non lo altera in alcun modo, come invece per esempio farebbe la cottura, e ne preserva infatti tutti i principi e le qualità organolettiche, che possono così essere assimilati dall’organismo. La conseguenza immediata dell’eliminazione della parte umida di un prodotto è che questa diventa croccante e quindi facilmente frullabile e ridotto in farine, semplici, veloci e versatili, pronte per ogni uso. L’altra strada percorribile è quella dello snack da gratificazione: tutti i biscottini e le barrette che regaliamo agli animali per ricompensarli, coccolarli e un po’ viziarli rischiano, di annullare in un sol colpo tutti i sacrifici e le attenzioni che avevamo riservato alla loro alimentazione. Molto meglio allora uno spuntino croccante essiccato. In entrambi i casi, l’essicazione offrirà notevoli vantaggi. La semplicità: mette in un prodotto ad essiccare e dimenticatelo finché non sarà pronto.  Le grandi quantità e la comodità d’uso per tutto l’anno: basterà essiccare in tutte  le stagioni i  prodotti preferiti, chiuderli in  vasi di vetro e riutilizzarli, polverizzati in cracker, quando vogliamo. La potenza dei principi attivi: in pochissimo prodotto un vero e proprio concentrato di tutti i benefici apportati dalla pianta senza chimica nei farmaci. Una curiosità: anche la carne si può essiccare, e si consiglia l’uso per allenare e rinforzare la masticazione dei cani. Scegliamo tagli magri, ricaviamo listarelle sottili da seccare a 60-68°, magari aromatizzato con le polveri di erbe e piante precedentemente preparate, quindi premiamo il nostro amico con uno snack sano è utile alla sua dentizione. Se il cane è definito carnivoro occasionale, ricordiamo sempre che il gatto è un carnivoro stretto. Questo significa che i nostri integratori essiccati protrammo essere tali, ma non sostituirsi integralmente alla normale alimentazione dell’animale. In generale, questi prodotti sono perfetti come insaporitori,  integratori e snack.

 

trevaini50Silvia Trevaini

VideoNews

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *