Vino e bellezza a Rosewood Castiglion del Bosco

Dagli anni ’90 questo binomio è diventato sempre più forte ed è legato a una parola magica, vinoterapia, che ha ormai decine di declinazioni: bagni al vino rosso, massaggi agli oli di vinaccioli, cura dell’uva, creme e cosmetici a base di polifenoli, trattamenti con estratti della vite, coccole al mosto. Ma quanto c’è di fondato nelle promesse di ringiovanimento della pelle fatte da spa di hotel e relais di charme, sparsi lungo lo Stivale, che si fanno concorrenza a colpi di rialzi dell’asticella del benessere? Se dovessimo fidarci della tradizione, il gioco sarebbe fatto: la bella Cleopatra chiedeva massaggi al mosto e i benefici del vino nei trattamenti cosmetici…

Siamo stati in toscana per visitare il resort Rosewood Castiglion del Bosco, dove  vino e salute dando vita ad un nuovo mondo che unisce enogastronomia e relax.  Situata all’interno del Parco Naturale della Val d’Orcia, patrimonio dell’UNESCO, nella regione di produzione del Brunello di Montalcino,  è una proprietà di 2.000 ettari fondata da Massimo e Chiara Ferragamo. Il resort italiano è la massima espressione della bellezza naturale e del ricco patrimonio gastronomico della Toscana. Con oltre 800 anni di storia la tenuta comprende le rovine di un castello, una chiesa medievale e il Borgo, un villaggio storico che oggi rappresenta il cuore del resort. Rosewood Castiglion del Bosco comprende una cantina all’avanguardia e di eccellenza nella produzione di Brunello di Montalcino, due ristoranti, un orto biologico, una scuola di cucina, un campo da golf privato a 18 buche di straordinaria bellezza ed un accogliente centro benessere.
 Numerose strutture ricreative e una selezione accurata di attività ed escursioni, proposte con lo scopo di esaltare la bellezza e il patrimonio della regione, sono da annoverare tra le offerte di questo rifugio toscano, davvero unico.

Storia

Oltre 800 anni di storia e un paesaggio modellato tanto dall’uomo quanto dalla geologia e dalla natura, rendono Rosewood Castiglion del Bosco un luogo molto speciale.
Tuttavia, già prima che la proprietà apparisse in documenti scritti, questa area era molto conosciuta. La sua strategica posizione elevata era apprezzata dagli Etruschi già nel 600 a.C., come mostrano i ritrovamenti archeologici rinvenuti nella tenuta. La proprietà si erge lungo l’antica via Francigena, una strada percorsa da mercanti e pellegrini che si recavano da Canterbury a Roma, molti dei quali visitarono la Pieve di San Michele dal 725 d.C. circa.  Nella parte alta del Borgo, le esigue rovine del castello costruito nel dodicesimo secolo e in seguito fortificato nel tredicesimo secolo rendono omaggio al valore di Castiglion del Bosco.  Con il suo mix di argilla, sabbia e trachite vulcanica originata da esplosioni preistoriche, questo splendido angolo della Toscana è il territorio perfetto per la coltivazione di uve Sangiovese. Nel diciannovesimo secolo la proprietà ha giocato un ruolo fondamentale nello sviluppo di quello che oggi è uno dei vini più apprezzati in Italia: il Brunello di Montalcino.

Oggi vi voglio anche parlare dei trattamenti al vino che caratterizzano questa tenuta. Come parecchi studi dimostrano nell’uva sono contenute le sostanze per la vinoterapia (resveratrolo), cioè la nuova tendenza cosmetica contro l’ invecchiamento cutaneo. Il resveratrolo è un fenolo che si trova nella buccia dell’acino d’uva, a cui è attribuita un’azione antiteratogena e di fluidificazione del sangue. Il vino contiene antiossidanti. Gli antiossidanti hanno la proprietà di neutralizzare i radicali liberi, che sono responsabili dell’ossidazione delle cellule della pelle, che così invecchiano. In questo processo compaiono più rughe, macchie e la pelle perde la sua consistenza. Per gli amanti del benessere a tutto tondo imperdibile quindi il Rituale al Vino Toscano: in una delle più suggestive aziende vinicole di Montalcino, sperimentate l’affascinante evoluzione dell’uva, dal grappolo al vino, in un rituale che vi trasformerà grazie ai suoi aromi piacevolmente inebrianti. Attraverso un’autentica metamorfosi in armonia con la splendida natura, questo trattamento anti-stress purifica la pelle e dona un profondo effetto anti-age.  Uva, vinacce, legno, calore, vino: un’esperienza olistica che attiva i cinque sensi e rinvigorisce lo spirito.

E per coccolarsi anche a casa perché non provare i  Wine beauty , i  prodotti di bellezza a base di vino; come la  crema al Brunello, un’emulsione morbida dalla texture corposa caratterizzata dalla presenza di derivati dell’olio di oliva e dal vino Brunello di Montalcino prodotto nella cantina di Castiglion del Bosco, ed è indicata per idratare e migliorare l’elasticità della pelle del corpo lasciando una piacevole sensazione. Si consiglia di applicarla sulla pelle pulita e massaggiare delicatamente.

 

trevaini50Silvia Trevaini

VideoNews

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *