Ma che cosa diamo da mangiare ai bimbi?

Quanto alle bevande zero non faranno ingrassare, ma aumentano comunque a rischio di diabete e sindrome metabolica. Non diamo i prodotti basati sullo zucchero ai  bambini nei primi anni, compresi i succhi di frutta preconfezionati. Poi andranno a scuola, gli assaggeranno ma non li piaceranno più di tanto, saranno più protetti, meno attratti. Soprattutto, teniamoli a riparo dal fruttosio, spesso aggiunto a questi alimenti. È una nota causa di pressione arteriosa più alta, glicemia più alta, uno stato infiammatorio eccessivo e colesterolo buono ridotto.

La dieta protettiva è un’altra

In particolare a quest’ età una dieta basata su vegetali, cibi integrali risulta protettiva, piaccia o non piaccia: certo è più comodo aprire la bustina e dar da mangiare al piccolo un pezzo di carne. Se il bambino si oppone, procediamo con gradualità, si potranno dare porzioni di pesce e qualche volta se necessario, carne bianca. Da evitare il più possibile la carne rossa, soprattutto conservata: tuttavia il prosciutto ancora oggi è presente ogni giorno in gran parte delle mense  scolastiche italiane.

Abbuffate di proteine: cerchiamo di evitarne

– meno proteine ad ogni età, questo ormai è un dato assodato. Le proteine si potrebbero assumere anche con i cibi vegetali, cioè legumi e cereali, altro dato indiscutibile. Andrebbe chiarito che non esistono proteine migliori e peggiori: è sempre la stessa cosa. Perché preferire quelle vegetali? Gli aminoacidi e l’apporto proteico sono gli stessi ma nel caso delle proteine animali ci sono “compagni di viaggio” che  ormai sappiamo essere deleteri.

– Infatti quando mangiamo la bistecca assumiamo il ferro, ma anche grassi saturi, colesterolo e acido arachidonico, un pro- infiammatorio. Persino aminoacidi solforati con effetto acidificante e che mettono in crisi il metabolismo dei minerali

– Un dato è chiaro: consumiamo troppe proteine. Soprattutto nei bambini questa abitudine aumenta il rischio di obesità per un motivo ormai noto: le proteine scatenano una produzione di fattori di crescita che moltiplicano le cellule adipose. Indagini fatte dicono che nel migliore dei casi i bimbi assumono almeno il doppio delle proteine raccomandate, in certi casi anche cinque volte di più.

– Le conseguenze dovrebbero essere tenute in considerazione. In prima battuta è il sovrappeso, negli anni poi arrivano le malattie croniche.

Mestruazioni a sette anni: rischio estrogeni nel latte

Più che un bicchiere di latte è un avere propria bomba di estrogeni. E le bambine che lo consumano regolarmente vedono aumentare il rischio di avere le mestruazioni precocemente. Troppo presto.  La gravidanza della mucca dura 42 settimane. Purtroppo, si continua a mungerla anche nelle ultime settimane di gestazione. Ma se nel primo trimestre la concentrazione degli ormoni femminili nel latte è pari a 10 nel secondo trimestre si arriva a 500 e nell’ultimo trimestre si sale a 1000. Risultato: vediamo bambine che hanno le mestruazioni a 7/8 anni: questo inibisce la loro crescita. I medici allora inducono una menopausa farmacologica per qualche anno allo scopo di permettere a queste bambine di crescere. Un discorso simile vale per la carne: le bambine che mangiano troppa rischiano di incorrere in mestruazioni precoci.

trevaini50Silvia Trevaini

VideoNews

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *