15 mag

Dieci cibi anti-glicemici per tornare in forma

A maggio pensiamo a ridefinire il punto vita, in vista delle vacanze estive. L’eccesso di carboidrati e di cibi che innalzano la glicemia fa accumulare chili sul girovita e frena i fisiologici processi bruciagrassi. I chili più difficili da buttare giù sono quelli che si depositano tra addome e fianchi, soprattutto nelle donne. Questo tipo di adipe è causato da un abuso di carboidrati spesso associato a stitichezza. Ecco dieci cibi che possono aiutarci a controllare l’indice glicemico contrastando i chili di troppo, in tempo per la prova costume

L’indice glicemico (IG) rappresenta la capacità dei carboidrati contenuti nei cibi di alzare la glicemia (valore che indica la quantità di glucosio presente nel sangue). Tanto più un carboidrato è digeribile e tanto maggiore sarà il suo indice glicemico. La scelta migliore è optare sempre per prodotti integrali, realizzati con farine non raffinate: soltanto in questo modo è possibile evitare i picchi glicemici che fanno male al pancreas, rallentano il metabolismo e provocano sovrappeso.

Definizione di indice glicemico
L’indice glicemico misura la capacità di un determinato glucide di alzare la glicemia dopo il pasto rispetto a uno standard di riferimento che è il glucosio puro.

Definizione della glicemia
La glicemia è la quantità di «zucchero» (in realtà di glucosio) contenuta nel sangue. A digiuno la glicemia è di circa 1g di glucosio per litro di sangue.
Ma se si assume un glucide, questo si trasforma con la digestione in glucosio, e ciò si traduce con un aumento della glicemia.
Il livello della glicemia nel sangue è estremamente importante rispetto all’aumento o alla perdita di peso. La glicemia che compare dopo la digestione, infatti, induce la secrezione di un ormone, l’insulina che, in funzione della sua importanza, è in grado di scatenare o meno il processo di aumento del peso.
I cibi ad alto contenuto di grasso o di proteine non hanno un effetto immediato sulla glicemia, ma ne determinano un tardivo incremento prolungato.
Utilizzare l ‘indice glicemico per preparare pasti sani, aiuta a tenere la glicemia sotto controllo. Ciò è particolarmente importante per i diabetici.

Cibi ad alto, medio e basso indice glicemico
– Alto indice glicemico: pane bianco, cornflakes, miele, patate al forno e fritte, cracker, riso arborio, zucchero saccarosio.
– Medio indice glicemico: ananas, spaghetti, banana, kiwi, mango, pane di segale, maccheroni, carote, uva, arancia.
– Basso indice glicemico: prugna, pera, yogurt, latte magro, latte di soia, fagioli bolliti, mela, lenticchie, fruttosio, cereali integrali.

La dieta che contrasta glicemia e adipe
La prima regola: evitare gli alimenti ad alto IG e preferire quelli a basso IG (pane, pasta, riso integrali ecc.). Ci sono poi alcuni cibi che, abbinati a quelli a basso IG, contribuiscono a mantenere la glicemia a livelli regolari e a ripulire il sangue da zuccheri e/o grassi in eccesso.
Ad esempio le fibre idrosolubili rallentano l’assorbimento di glucosio a livello intestinale. Esse sono pertanto in grado di mantenere la glicemia costante per lunghi periodi.
Inoltre la digestione di un alimento contenente grassi è rallentata; di conseguenza i carboidrati che contiene vengono assorbiti più lentamente.
Infine l’indice glicemico diminuisce se si aggiungono proteine ad un alimento. Le proteine hanno infatti effetti molto simili a quelli di grassi e fibre. Pur avendo un basso indice glicemico, gli alimenti ricchi di proteine presentano un medio indice insulinico.

I dieci super cibi che controllano l’indice glicemico
Salmone
– Fornisce Omega 3 che contribuiscono alla prevenzione di diabete e malattie cardiocircolatorie.
Yogurt
– I fermenti che contiene producono acido acetico e propionico che arrivano al fegato, dove regolano la produzione di glucosio e colesterolo.
Legumi
– Prevengono i picchi glicemici, il diabete, la fame nervosa, i trigliceridi e il colesterolo.
Carni bianche
– Apportano proteine che contribuiscono a controllare i livelli di glicemia e sono povere di grassi.
Olio d’oliva
– È ricco di composti fenolici che riducono l’attività infiammatoria di geni, coinvolti nello sviluppo del diabete mellito di tipo 2 e di diverse patologie cardiovascolari o metaboliche.
Curcuma
– Numerosi studi hanno dimostrato che il suo principio attivo, la curcumina, può contribuire a mantenere sotto controllo il diabete mellito di tipo 2.

– Sia verde che nero, il tè contribuisce alla riduzione dei livelli di zucchero, colesterolo e trigliceridi nel sangue. Favorisce inoltre la riduzione del peso corporeo.
Cannella
– Contribuisce a prevenire il diabete di tipo 2 nelle persone a rischio (anziani, persone in sovrappeso). Rende l’insulina più efficiente.
Zucca
– Alcuni studi hanno dimostrato che è in grado di riparare le cellule del pancreas danneggiate dal diabete.
Arancia
– La fibra contenuta nella parte bianca sotto la buccia, regola l’assorbimento di zuccheri, grassi e proteine prevenendo diabete, arteriosclerosi e stipsi.

Silvia Trevaini

Newsmediaset

OkNotizie

« Torna alla home

Non solo dieta

256 Commenti a “Dieci cibi anti-glicemici per tornare in forma”

  1. Dieci cibi anti-glicemici per tornare in forma | BMEEX Scrive:

    [...] Da: tgcom24 adipe, cibi, cibi anti-glicemici, glicemia, grassi, picchi glicemici, zuccheri [...]

  2. rita Scrive:

    Essendo io diabetica ho trovato questo articolo molto interessante anche perchè mi ha tolto dei dubbi su alcuni cibi. Oltre a quelli da voi segnalati ce ne sono altri? ciao e grazie

  3. Viola Scrive:

    Bell’articolo. Non mi era mai venuto in mente di realizzarne uno simile. Brava!

  4. chiello marco Scrive:

    Oltre alla dieta non dimentichiamo di fare regolare attività fisica.

  5. giovann Scrive:

    il pomodoro è negativo per un diabetico del tipo due?
    Grazie Giovanni

  6. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Giovanni, il pomodoro ha un indice glicemico basso. Non ti crea
    sbalzi glicemici.

  7. Sabrina Scrive:

    Scusate ,avendo i genitori rispettivamente 84 e 81 anni diabetici volevo saper se le verdure tipo melanzane e peperoni possono alzare la glicemia e quali altre verdure possono alzare l’indice glicemico?
    grazie ^__^

  8. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Sabrina, le melanzane hanno un bassissimo indice glicemico, grazie alla presenza di fibra vegetale e alla bassa solubilità dei carboidrati contenuti. Una ragione di più per essere il cibo adatto ai diabetici. Le proprietà medicamentose delle melanzane non si fermano al controllo della glicemia; infatti, grazie alla notevole presenza di fibra vegetale. Le melanzane favoriscono l’abbassamento del colesterolo LDL, che come è noto è il principale fattore di rischio cardiovascolare. Il consumo di frutta ed alcuni ortaggi particolarmente ricchi di carboidrati semplici, come le patate, le carote ed i peperoni rossi e gialli, DEVE essere mantenuto entro certe porzioni. Anche se i peperoni rossi e le verdure della famiglia delle crocifere sono fonti di vitamina B6, importante per controllare gli zuccheri, e di cui molti diabetici sono carenti.
    A Presto

  9. Pierangelo Scrive:

    Interessante veramente, se possibile integrare gli alimenti consigliati. Grazie, saluti.

  10. vincenzo Scrive:

    gentilmente mi fate sapere come evitare il grano creso,mais, soia ecc.
    e tutto ogm che non c’è scritto sulla confezione
    grazie

  11. simona Scrive:

    salve, io non ho mai sofferto di glicemia alta, ne tantomeno in famiglia ci sono casi.. cmq sono incinta e dalle prime analisi la gine ha detto che ho la glicemia alta (92 punti contro i 90 in gravidanza) è così?
    mi devo preoccupare?

  12. giuseppe Scrive:

    salve dot. silvia o problemi con la glicemia ho 30 anni e mia madre e diabetica di tipo 2 a volte ho la glice a 118 a volte a 134 a volte a 100 a digiuno non riesco a capire il perche puo essere che mangio troppi carboitrati mi potrebbe consigliare cosa mangiare e le quantità in gr soprattutto pane e pasta

  13. renato Scrive:

    è vero che le olive sono sconsigliate x chi ha alti il valore del colesterolo?

  14. fiore Scrive:

    settimana scorso ho fatto i prelievi in day hospital per un’operazione che dovrei fare lunedì.stamattina avevo appuntamento con l’anestetista la quale mi ha detto che dobbiamo assolutamente ripetere la glicemia perchè mi è uscito un valore di 360.appena tornata a casa mi sono documentata in rete e ho cominciato ad impaurirmi.ho letto che anche la tiroide può giustificare questi valori e visto che ho saltato il ciclo di settembre e ottobre (ho 42 anni e non sono incinta:ho fatto il betahcg)mi chiedevo se ci potessero essere correlazioni tra un indice così alto e un inizio di menopausa.Per favore dottoressa,mi risponda,dire che sono impaurita è un eufemismo.grazie!

  15. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Giuseppe, ti consiglio di farti seguire da una nutrizionista. Il diabete è una malattia da non sottovalutare e da seguire con costanza nelle sue variazioni.

  16. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Renato, le olive aiutano, come l’olio d’oliva ad abbassare i livelli di colesterolo. Occhio alle calorie però.

  17. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Simona, ti consiglio di parlarne con la tua ginecologa e il tuo medico di famiglia. Durante la gravidanza è importante che i medici ti seguano con costanza e quotidianità e in sinergia tra loro.

  18. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Vincenzo, per essere sicuro che un prodotto non è OGM devi verificare il marchio sulla confezione. Altrimenti non hai nessuna certezza della qualità e provenienza. Controlla sempre le etichette prima di ogni acquisto

  19. giuseppe caggese Scrive:

    Sono un “vecchio” donatore di sangue,ho 64 anni e ho cominciato dal 1972;l’ultima volta ,15 gg fa, ho riscontrato dagli esami valori molto alti di Glicemia 301. Ho cercato anche su consiglio del medico di base di correre ai ripari: dieta idonea( verdure,legumi,salmone, no alcool, no dolci,ridurre il fumo ed altro ancora) a distanza di 4 gg di dieta in questo modo si è ridotta a 225.E’ possibile che continuando può rientrare nei limiti?Ed ancora io uso spesso il miele,è controproducente?

  20. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Giuseppe, come hai notato tu stesso l’alimentazione modifica anche nel breve periodo i valori del sangue. Il cibo è la nostra medicina. Vedrai che se continui con questo tipo di alimentazione tutti i valori ne trarranno beneficio. Il miele è un ottimo dolcificante. Ti consiglio di sostituirlo con lo sciroppo d’acero però che ha un basso indice glicemico.
    A presto

  21. lucia Scrive:

    Buonasera,

    ho letto che le carote disintossicano il corpo da infiammazioni. Volevo sapere se aumentano la glicemia, dato che ce l’ho un pò alta.
    Di solito spremo 5 kili di carote al giorno e ne bevo il succo.
    Grazie mille.
    Lucia

  22. Roberta Scrive:

    Gentilissima Silvia,

    sono una donna di 35 anni, ho la glicemia (Al digiuno al mattino) a 100.
    Può dipendere dal fatto che mangio tanta frutta?Es: 4/5 mele grosse dopo pranzo e dopo cena.
    A volte aggiungo 2o3 frutti al mattino e come spuntino a qualche volta anche poco prima di andare a letto!Potresti indicarmi la quantità giusta di frutta da poter mangiare?Considera che non sono in sovrappeso.
    grazie tante e complimenti per l’articolo!

  23. PIERLUIGI Scrive:

    trovo interesntissimo questo articolo e ringrazio molto la dott.ssa Silvia, mi ha dato una mano………

  24. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Roberta, ti consiglio di non superare i 3 frutti al giorno.
    Mangiali nella prima parte della giornata, magari 2 kiwi per colazione e una mela a meta mattina come spuntino.
    Ti sconsiglio di mangiare frutta dopo le 16 del pomeriggio, appunto per tenere sotto controllo la glicemia.
    A presto

  25. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Lucia, si le carote aumentano la glicemia, soprattutto per il loro carico glicemico. 5 chili di carote è davvero troppo anche per chi non ha problemi di glicemia.

  26. maria Scrive:

    gentilissima dottoressa
    ho fatto gli esami glicemia 93 emoglobina glicata 6 mi è stato consigliato di riprovarla con i test di mio padre diabetico di tipo 2
    l’altro giorno(a cena avevo mangiato pizza e gelato)a digiuno di 14 ore glicemia 110 (non avevo fatto colazioene)dopo aver pranzato dopo 2 ore 95 e dopo 4 era risalita a 107 per 2 mattine a digiuno 105 .il medico di base mi ha detto che mi sto preparando al diabete …ho deciso di eliminare i pochi dolci e gelati che mangiavo poiche pesavo 2 anni fa 75 kg e dopo varie rinunce oggi peso 64 non saprei più cosa fare pensavo che essendo calata cosi mi fossi un pò allontanata dalrischio di colesterolo e diabete, mentre prima le analisi andavano bene ora si sono alzate è possibile che il mio sistema glicemico vada a cercare gli zuccheri nel mio organismo perchè io ne introduco pochi con il cibo e quindi la glicemia sia alta per quello

  27. giacinto Scrive:

    e evidente che si diventa vecchie galline!

  28. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Maria, per tenere sotto controllo la glicemia oltre a scegliere cibi a basso indice glicemico devi mangiare poco, ma spesso. Passa troppo tempo tra un tuo pasto e l’altro

  29. Carmine Scrive:

    Gentile dottoressa ho i valori glicemici leggermente alti e ho 53 anni, volevo sapere se la pasta di kamut , di farro o di mais e’ indicata per la mia dieta. Grazie

  30. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Carmine, dovresti fare vedere i valori dal tuo medico e poi rivolgerti ad un nutrizionista che ti può dare indicazioni precise in base al tuo problema

  31. Salvatore Scrive:

    Gentilissima Dottoressa, volevo chiederLe se vengono consumati due cucchiaini di miele al giorno, in alternativa allo zucchero, può incidere sulla glicemia, aumentandone i valori? Grazie!! Buona Domenica.

  32. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Salvatore, se non hai problemi di diabete due cucchiani di miele al giorno vanno bene. Tieni conto che l’indice glicemico del miele varia da un tipo a 32 a un altro a 95. Io consiglio sempre lo sciroppo d’acero che ha un indice glicemico molto basso.

  33. Riccardo Scrive:

    La mela per chi ha diabete è meglio di no! si preferisce frutti di bosco anche quelli surgelati, che tra l’altro sono utili per abbasare i livelli di colesterolo ovviamente mangiandoli senza zucchero.
    Poi per la Curcuma ha un grande potere antiinfiammatorio e anti colesterolo ma se lo si unisce a una spruzzata di pepe nero. http://www.mr-loto.it/curcuma.html

  34. Maria Scrive:

    Gentile dottoressa,
    sono diventata diabetica a seguito di un’operazione d’urgenza a causa della peritonite. Appartengo alla categoria dei diabetici dal 2007. Ho trovato il suo articxolo estremamente interessante. Normalmente riesco a tenere la mia glicata attorno ai 6.7. Da ultimo, però, sono diventata di tendenza vegetariana e sto evitando anche latte e latticini. Mangio spaghetti di soia, setan, tofu e, raramente, pesce. Credo che ci sia qualcosa di sbagliato, però, perchè la glicata mi è salita a 7 e ciò mi preoccupa. Seguo una terapia orale di 1 per 3. Vorrei sapere quali sono gli indici glicemici per il seitan, il tofu, gli spaghetti di soia e i vermiocelli di riso. Sto dimagrendo, mi sento molto meglio, perciò vorrei continuare con questo regime alimentare. Si tratta solo di trovarne l’equilibrio. Lei cosa ne pensa?
    La ringrazio

  35. Salvatore Scrive:

    Grazie Dottoressa, seguirò il suo consiglio e colgo l’occasione per augurarLe un sereno Natale ed un felice Anno Nuovo.

  36. claudia Scrive:

    io sapevo che la zucca non è un alimento permesso alle persone con diabete . ha un indice glicemico di 75. non riesco a capire se si deve guardare il carico glicemico o l’indice glicemico.
    lo chiedo perchè sono ghiotta di zucca e quando la mangio mi sento spesso in colpa

  37. domenico capasso Scrive:

    cara dottoressa, ho 53 anni e sono affetto da diabete melillo tipo 2, ho notato una cosa strana, mi capita il pomeriggio di andare un po’ a letto, quanto mi alzo, misuro la glicemia e mi segnala 200 passano piu’ o meno 10 minuti, il tempo di andare al bagno, fare il caffè, che la misuro di nuovo e la trovo a 110…mi domando, è possibile cio’???

  38. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Domenico, ti consiglio di spiegare la tua situazione al medico che ti sta seguendo.

  39. melanie Scrive:

    Tre settimane fa mi è stato diagnosticato il diabete gestazionale (con il test di carico glicemico), ma da quando seguo la dieta consigliata da diabetologo e nutrizionista sono dimagrita di ca. 750 grammi in due settimane. Mi è stato detto di essere meno ferrea con la dieta. comunque ho dei valori sballati: il c-peptide è bassissimo ma lo sono anche i valori glicemici a digiuno (tra 55 e 75, anche se mangio a metà mattinata e metà pomeriggio). il diabetologo ha ipotizzato addirittura che potesse essere un errore di laboratorio ma non riesco a stare tranquilla. cosa potrebbe essere?

  40. paola Scrive:

    gentile dottoressa ho 63 anni è da tempo che la mia glicemia oscilla tra i 130 e su i 140 non voglio ancora prendere la terapia consigliata sto cercando con la dieta 1 ora di esercizio fisico al giorno ma i risultati non cambiano grazie

  41. Chiara Scrive:

    Questi consigli valgono anche per il diabete gestazionale… Nonostante la glicemia fosse sempre corretta, con la curva glicemica, dopo due ore il mio valore era 154 (invece del max 152), questo ha comportato una valanga di eventi che mi hanno colta impreparata, soprattutto visto il periodo festivo! Non sono golosa, quindi non fatico a rinunciare ai dolci, ma faccio molta fatica ad attenermi agli orari e a non mangiare fuori pasto! Inoltre dovendo tenere la glicemia controllata 6 volte al dí, mi sono accorta che l’alimentazione non sempre influisce sui valori… (Es. Sera prima mangio pizza, glicemia basale del giorno successivo 82, sera prima mangio broccolo, insalata, crescenza 1/2 e un panino di 50gr, mattina successiva basale 95)???

  42. Luigi - Vicenza Scrive:

    Ho aperto per curiosità questo sito e l’ho trovato interessante per i consigli da seguire.
    Grazie!!

  43. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Melanie, io ti posso solo consigliare di parlarne con i medici che ti stanno seguendo. Oppure di far vedere gli esami ad altri specialisti.

  44. Angela 54 anni Scrive:

    ho letto che viene consigliato lo sciroppo d’acero per zuccherare. Altera i sapori? va bene se lo uso al posto delle bustine o delle pastigliette che si usano di solito?

  45. melanie Scrive:

    Ciao Chiara! Sono nella tua stessa situazione solo che io con il carico glicemico ero arrivata addirittura a 198!!! seguendo però la dieta sono dimagrita in due settimane di quasi un chilo e alla seconda visita non ho più dovuto misurare 6 volte al giorno ma solo due. anche da me i valori non combaciano sempre con l’alimentazione: ieri con tagliatelle di ragù dopo due ore avevo 92!!! e senza aver aggiunto verdure o proteine al pasto. secondo me lo stress influisce moltissimo: mi è stato confermato dalle infermiere anche perché l’insulina è un ormone che come tutti gli altri è condizionabile dal nostro stato mentale. anche da me era l’unico valore sballato perché gli esami del sangue per la glicemia delle settimane precedenti davan valori perfetti secondo il ginecologo e figurati che lui non si spiega il valore alto dato che non avevo nemmeno proteine nelle urine. chi mi conosce e ormai ha letto anche i miei valori è scettico sulla diagnosi. a te come è stato fatto il carico glicemico? io sono in dubbio se con me hanno sbagliato consoderando ciò che ho letto su internet che i giorni prima ci si deve tenere bassi con i carboidrati.

  46. melanie Scrive:

    Su quella basale nelle ultime due settimane oscillavo tra 55 e 77 (senza attività fisica e mangiando anche qualche dolcetto ogni tanto) e dopo pasto sto normalmente tra 80 e 100. solo con una pizza intera farcita arrivo a 130. e tutto sempre senza movimento fisico regolare… sono preoccupata anche perché entro la 27esima settimana ho messo su solo 5,2 chili di cui ne ho persi 0,7.

  47. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Angela, si lo sciroppo d’acero va bene. Ha un basso indice glicemico. Molto meglio dei dolcificanti artificiali

  48. terry Scrive:

    grazie è un sito molto ineressante in quanto si possono prendere degli ottimi spunti

  49. Beatrice Scrive:

    Mi sapreste dire leggendo le etichette nutrizionali quando si acquista un alimento quale è la giusta proporzione di zuccheri (per non esagerare e di conseguenza ingrassare)Da trovare all’interno della voce:Carboidrati di cui zuccheri?quale è una percentuale ottimale?Grazie

  50. felice Scrive:

    Buongiorno,ho fatto delle analisi e diciamo che vanno bene,solo glicemia 105 e piastrine un pò grandi.Faccio colazione 3 arancie e dopo 30 minuti latte di riso e fiocchi di avena,e nel pomeriggio centrifugati con verdure,2 mele e 5 carote e seguo un pò il crudismo,faccio bene?Mi consigliate qualcosa per abbassare la glicemia,forse mangio troppa frutta.Grazie

  51. Giuseppe Scrive:

    preg.ma dott.ssa, ho 49 anni peso 103 Kg (in diminuzione) h=1.68, appurato che dobbiamo tenere sotto controllo IG, vorrei chiederle le quantita consigliate a seconda dell’IG, faccio un esempio: spaghetti integrali con il sugo di pomodoro 60, 80, 100 gr oppure se monoportata a volontà? per stilare una tabella di come influisce quel determinato cibo sul ns. sistema glicemico, possiamo misurare la glicemia prima del pasto e quanto tempo dopo aver terminato il pasto? In che range bisogna stare?
    grazie per la Sua disponibilità

  52. guido Scrive:

    ciao,

    ottimi i tuoi articoli, li ho letti con molto interesse, non trovo pero’ nulla sulla frutta secca, ne su quella esotica.

    per esempio Noci mandorle nocciole come fanno reagire il corpo rispetto al colesterolo ed alla glicemia? e le noccioline e la noce di cocco?

    esiste una tabella nella quale per ogni cibo viene descritto a lato l’indice glicemico ed il colesterolo cattivo ?

    grazie.
    guido

  53. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Guido, la frutta secca ha un basso indice glicemico e aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo (soprattutto le mandorle), mentre per quanto riguarda la frutta tropicale, l’indice glicemico varia a secondo del frutto. Su internet puoi trovare vari siti che mostrano l’indice glicemico della maggior parte degli alimenti. A presto

  54. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Giuseppe, per definire l’indice glicemico di un cibo e l’impatto su un pasto bisogna tenere presente parecchie varianti: la quantità, il tipo di condimento, l’orario del giorno in cui viene mangiato quel cibo, il tipo di attività fisica e lavorativa. Per star bene non bisogna pensare a fare tutti questi calcoli. Ti consiglio di andare da un bravo dietologo che ti possa indicare i cibi e l’alimentazione più corretta per la tua corporatura e lo stile di vita. Stilare una tabella mi sembra eccessivo. Non si deve diventare schiavi del cibo.

  55. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Beatrice, non c’è una quantità ottimale di zuccheri, non puoi scegliere un cibo in base alla quantità di zuccheri per non ingrassare. Ci sono molte variabili che fanno che un cibo faccia ingrassare oppure no.

  56. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Felice, si io ti consiglio di diminuire la quantità di frutta. E di alternare il latte di riso con quello di soia. Inoltre i centrifugati devono essere esclusivamente fatti con verdura. Questo ti puoi aiutare. A presto

  57. romolo Scrive:

    Gentile dottoressa Trevaini,
    acnhe io ho qualche problema di glicemia, mi capita che durante il periodo invernale è nei limiti, nel
    periodo estivo sale fino a 130, durante l’estate consumo molta frutta, al contrario dedl periodo invernale.
    Ho letto da qalche parte che il prodotto omeopatico “calcarea carbonica” aiuta ridurre il livello della
    glicemia, è vero? o c’è qualche altro prodotto omeopatico che aiuta ? Grazia per l’attenzione.
    Romolo.

  58. Adriano Scrive:

    Buona sera la mia curiosità si puo magiare la buccia del zenzero o bisogna sbucciarlo grazie in anticipo.

  59. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Romolo, i problemi di glicemia variano tra un individuo e l’altro . Non si puo generalizzare su qualsiasi patologia. Quindi prima di consigliare qualsiasi farmaco anche se omeopatico è necessaria una visita medica da uno specialista.

  60. miccoli pasquale Scrive:

    buongiorno dottoressa ha i trigligeridi a 700 e il colesterolo a 350 da 15 giorni mangio solo i dieci alimenti da lei consigliati fra quanto tempo devo ripetere le analisi per vedere dei miglioramenti?

  61. Francesco Scrive:

    Preg.ma d.ssa volevo avere il suo parere sulla cannella e nel caso quale è come assumerla grazie
    L

  62. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Francesco, la cannella è un ottima spezia. Secondo recenti studi, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of American College of Nutrition, è stato dimostrato come la cannella aiuti a regolare la percentuale di zuccheri nel sangue venendo così in aiuto a diabetici ed iperglicemici.
    Puoi farti una tisana, usarla per insaporire lo yogurt bianco, la ricotta, la frutta e nel caffe.
    Molte bevande sono caratterizzate dall’aroma speziato della cannella.

  63. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Pasquale, ti consilgio di proseguire questo tipo di alimnetazione e adottarlo proprio come uno stile di vite. Valuta insieme al tuo medico di famiglia quando è meglio fare un altro controllo.

  64. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Adriano, lo zenzero va, preferibilmente, prima privato della buccia.

  65. Rita Scrive:

    Gentlissima dottoressa, questo suo articolo è molto interessante e lineare.
    Vorrei sapere la sua opinione in merito ai centrifugati di frutta o verdura.
    Ho un bambino diabetico a cui è difficilissimo far mangiare questo tipo di alimenti. Ho trovato la soluzione di centrifugarli, ma successivamente ho letto che così varia il loro indice glicemico. Lo conferma o mi tranquillizza sull’utilizzo dei centrifugati? Quanti gliene posso preparare al giorno ed in quali quantità possono fare bene? e a chi non ha problemi di glicemia fanno ugualmente bene?
    La ringrazio per la sua gentilezza e dsponiblità

  66. Remo Scrive:

    Buongiorno dottoressa,
    Mio figlio ha appena compiuto 14 anni e nell’ultimo esame gli è stato riscontrato a digiuno la glicemia a 95. Penso che il valore sia un po alto e volevo sapere se è il caso di intervenire e se una dieta a base di pesce può andar bene. In particolare a mio figlio piace molto il tonno e vorrei sapere se può consumarlo regolarmente. La ringrazio e la saluto. Remo

  67. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Rita, si frutta e verdura se centrifugata cambia l’indice glicemico. Soprattutto la frutta. Ti consiglio di far visitare tuo filgio da un buon nutrizionista che possa prescrivergli le quantità e gli ingredienti più opportuni. Per chi non ha problemi di glicemi possono essere consumati regolarmente.

  68. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Remo, il pesce è un ottimo alimento. Ovviamente da non consumare più di tre volte la settimana. Per la quantità ti consiglio di andare da un buon nutrizionista che possa prescrivergli una tabella settimanale idonea alla situazione fisica di tuo figlio e in base al suo stile di vita.

  69. patrizia Scrive:

    Gent.ma dottoressa, sono diabetica di tipo 1 da tre anni. Ad ottobre la mia glicata era 6. Ora, passati tre mesi e’ salita a 6.8. Durante le feste natalizie ho fatto qualche pasto piu’ sostanzioso, ma soprattutto ho avuto dello stress da lavoro e per piccoli inconvenienti familiari. Ho ripreso una dieta stretta seppur varia, con molte verdure, carne pesce, frutta e 70 gr di pasta a pranzo e 60 gr di pane a cena. Cerco di essere piu’ Serena. Sono normopeso ed ho 51 anni. Lo stress e qualche regola alimentare non rispettata giustifica tale aumento in pochi mesi? Come allontanare lo stress. Saluti

  70. Valentina Scrive:

    Gentile Silvia, dalle recenti analisi fatte insieme al mio compagno mi mettono un po” in pensiero la mia glicemia a 91 e il suo colesterolo totale a 228…ultimamente, per via della nostra sregolatezza nei pasti (per via del lavoro spesso stiamo digiuni dalla colazione alla cena!!) Stiamo cercando di regolare i nostri pasti come mi suggerī tempo fa un dietologo per raggiungere un buon livello di sazietá articolando un pasto come segue: 40 g di pasta/riso/farro ecc integrali e non, 125 gr di carne o pesce, uova o formaggi magri e taaaaanta insalatina verde ad inizio pasto cosi da facilitare il senso di sazietá; tra i condimenti, senza fritti e soffritti, usiamo zucchine, melanzane, carote, broccoli, spinaci, piselli, ricotta di mucca, formaggi cremosi, noci, mandorle (uso i semi anche come spezza fame di tanto in tanto). E la frutta durante la giornata. Il concetto dovrebbe essere mangiare di tutto senza grosse remore ma con equilibrio e porzioni contenute…il peso ovviamente non é sceso, siamo estremamente sedentari, ma ci sentiamo meno gonfi e piú appagati dal pasto….ad ogni modo, visti i valori, possibile che stiamo percorrendo la strada sbagliata per raggiungere un regime sano? Grazie mille per la pazienza

  71. VINCENZO Scrive:

    SONI DIABETICO . POSSO MANGIARE PISTACCHI E MNDORLE O LUPINI GIALLI.

  72. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Patrizia, cerca di ritornare ad una alimentazione equilibrata e cerca di avere sempre uno stile di vita sano come priorità .

  73. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Valentina, ti consiglio ti farti seguire da un buon dietologo. È il modo più giustoper capire i propri errori alimentari . E poi cerca di fare attività fisica. Il movimento é importante

  74. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Vincenzo, si, percheé aiutano a mantenere la glicemia bassa.

  75. IpOcucino con Paola Scrive:

    Buongiorno, io sono iperglicemica e ho raccolto una serie di videoricette adatte a chi come me ha questo problema e soprattutto per condividere nuove ricette un pò sfiziose.
    Non sono un medico e quindi non specifico le quantità di ogni ingrediente, ciascuno di noi poi lo adatta alla propria dieta.
    L’obiettivo è quello di condividere questo mio progetto per aiutare a mangiare bene e soprattutto a sdrammatizzare un pò… non so se siete d’accordo con me. Trovate me e le mie amiche sul canale di youtube: Ipocucinoconpaola
    Grazie intanto per aver letto il mio post
    Ciao.. fiduciosa iperglicemica

  76. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Paola, grazie di condividere con noi le tue ricette.

  77. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Rita, se vuoi maggiori informazioni sui cibi puoi rivolgerti ad un nutrizionista. In modo che valuti i cibi più adatti al tuo stato di salute. È importante lavorare sul singolo, in modo da personalizzare al meglio la,dieta.

  78. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Fiore, é importante che tu faccia vedere le analisi ad uno specialista. In modo che ti segua e ti dia le risposte al tuo caso specifico.

  79. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Claudia ,
    La zucca è un ortaggio povero di zuccheri e ricco di vitamine e minerali. Possiede proprietà antidiabetiche e antipertensive, come rileva uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Università del Massachusetts e pubblicato sul “Journal of Medicinal Food”. I ricercatori hanno osservato che tra i nativi americani il diabete di tipo 2, l’ ipertensione e l’ obesità mostrano un’alta incidenza, ed è opinione comune che ciò sia dovuto al brusco cambiamento di dieta avvenuto in queste popolazioni.

  80. Mario Stefanelli Scrive:

    Magione 21/02/2013.
    Gentile Dottoressa soffro di diabete mellito II,il mio caso,credo che sia particolare.Le spiego in che modo
    questa sera prima di cena valore glicemico 91; Ho trascorso,come raccomandato,due ore dopo cena ed ho fatto la prova glicemica: valore 230.Il cibo consumato:pochi grammi di riso,in bianco pochi grammi.poco formaggio e finocchi lessi.E’ possibile un valore così alto? Secondo Lei cosa può determinare un valore di questa portata?Grazie per eventuali suggerimenti,qualora lo ritenga opportuno.
    Il giorno 18/2/2013,ho anche avuto una colloquio con una responsabile del centro diabetico della Asl di competenza.

  81. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Paola , parla con un nutrizionista della tua situazione e verifica se puoi, tramite l’alimentazione ,migliorare i valori

  82. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Mario, hai fatto bene a rivolgerti al responsabile del centro diabetico. Penso che lui abbia chiarito tutti i tuoi dubbi e ti abbia dato dei consigli alimentari a riguardo. Se vuoi un’altra opinione, ti consiglio di andare da un altro specialista del settore, in modo da avere tutti i dati possibili per capire il tuo caso specifico e per stare più tranquillo.

  83. Silvana Scrive:

    Gentile dott.ssa SILVIA TREVAINI, ho 63 anni e ho sempre fatto vita molto sedentaria negli uffici, da 12 mesi sono senza lavoro a causa della crisi, e ho provato a camminare ca. 30-40 minuti al giorno, tanto per muovermi un po’ perchè stare a casa mi angoscia, tuttavia non ho riscontrato alcun calo di peso (peso 66 Kg. su 1,56 mt di altezza). Lo so che dovrei perdere almeno 11-15 Kg, ma COME FARE? Ho in casa la Cyclette di mia madre, e pedalo 25 minuti al giorno, però poi cammino soltanto perchè non ho soldi per praticare sport (nel mio caso, dato che ho anche la cellulite ai fianchi da 40 anni, mi han detto che andrebbe bene la GINNASTICA DOLCE e soprattutto l’AQUAGYM – conferma?). Cerco di fare 5 pasti al giorno con tanto yogurt magro e un po’ di frutta, però gli ultimi esami del sangue di questi gg. hanno evidenziato UNA GLICEMIA DI 98, ma soprattutto un colesterolo totale di 259 ed un HDL di 84 (ne risulta forse 175 di EFFETTIVO o no?), e Trigliceridi 116 [di VITAMINA D ne ho troppo poca: 13,9 anzichè 20 che è il minimo) e vorrei sapere se tali valori sono un po’ alti per la mia età. Andrò da un nutrizionista, ma intanto posso mangiare i cibi antiglicemici come SALMONE, ZENZERO, CURCUMA, LEGUMI, CARNI BIANCHE, TE’ VERDE, CANNELLA, ZUCCA etc.? Grazie e scusi.

  84. ramona Scrive:

    buongiorno Dott.ssa, è vero che una dieta ipoglucidica potrebbe aiutarmi a risolvere il problema dell’ovaio micropolicistico che mi provoca amenorrea?
    grazie

  85. Claudio Scrive:

    Gentile Dottoressa, da qualche giorno dopo aver effettuato degli esami del sangue ho visto che la mia glicemia era a 150. La sera dopo verso le 19.15 prima di cena era a 106. Ho cenato con una fettina di carne di 80 gr circa e verdura abbondante, e ho appena assaggiato un 30 grammi di pane bianco, non avendo al momento quello integrale. La mattina ho misurato la glicemia e la stessa contava 133.
    faccio presente che sono alto mt. 1.74 e peso 99 kg, non ho nessuno in famiglia che soffre di tale patologia. Allora chiedo, siccome ho fatto vedere ad un dottore, il quale subito mi ha prescritto una pillola correttiva una la mattina e una la sera, ed io le ho chiesto visto che ho 45 anni, se facendo una dieta, calare di peso, facendo dello sport si potesse giungere ad un’abbassamento della glicemia senza ricorrere ai farmaci, lui ha tentennato un po dicendomi di provare. Ma lei cosa ne pensa, è il caso di ricorrere ai farmaci oppure il calar di peso, la dieta appropriata che già lui stesso mi ha prescritto, e un’attività fisica possono tenere la mia glicemia sotto controllo? Grazie

  86. Claudio Scrive:

    ERRATA CORRIGE ho fatto vedere le analisi ad un dottore

  87. silvia trevaini1 Scrive:

    Ciao Claudio, ti sei già risposto da solo. Prova a prenderti cura di te stesso in modo completo. Otterrai degli ottimi risultati senza l’uso di alcuna pillola

  88. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Silvana, hai davvero bisogno di cambiare la tua alimentazione. Segui una dieta sbilanciata. Fatti seguire da un ottimo nutrizionista e vedrai che ottimi risultati otterrai.

  89. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Ramona, una dieta sbilanciata può essere la causa di amenorrea. Ma ti consiglio di farti seguire sia da una buona ginecologa ( per capire le cause dell’ovaio policistico) e da un buon nutrizionista.

  90. cristì Scrive:

    gentile dottoressa, mia figlia ha eseguito alcune analisi per un controllo ed è emerso che il valore del glucosio è 125. Mia figlia ha 28 anni è alta m.1.69 e pesa circa Kg 52, inoltre negli ultimi tempi, per un problema di candidosi, ha diminuito moltissimo lo zucchero e le farine raffinate quindi non mi spiego come mai questo valore così alto, aggiungo che mio suocero aveva problemi di diabete ma sopraggiunti solo dopo i 75 anni. Mi farebbe piacere sentire un suo parere, grazie.

  91. cristì Scrive:

    Gentile dottoressa, ho dimenticato di dire che mia figlia negli ultimi tempi a causa di un periodo di forte stress è dimagrita di 4 o 5 chili circa
    .Grazie per l’attenzione

  92. claudia curletto Scrive:

    Gentile dottoressa, al mio compagno, anni 59 ,a metà febbraio ha avuto una bruttta influenza, curata con antibiotici per sei giorni, dopo il terzo giorno ha cominciato ad avere una sete paurosa, si è riempito di herpes e nonostante fosse sfebbrato anzichè stare meglio era sempre più debilitato. Lunedì scorso si è fatto vedere dal proprio medico di base, che subito gli ha fatto l’esame della glicemia: era oltre 500! Ha iniziato quel giorno stesso con due iniezioni di insulina al giorno, non c’è quasi stato miglioramento, a parte la diminuzione della sete ieri è tornato dal medico che ha aumentato la dose di insulina e prescritto una dieta a base di soli cibi integrali.
    Tenuto presente che il mio compagno non mangia quasi mai dolci può essere che sia stato il virus dell’ influenza a provocare il rialzo glicemico, e possimo auspicarci che una volta ristabilita la situazione si possa interrompere l’ insulina? Se è anche lo stress a provocare il diabete il fatto che il mio compagno mal sopporti medici, medicinali, iniezioni e l’ idea di essere ammalato, in questo momento è depresso e stressato,praticamente un gatto che si morde la coda! Come aiutarlo?

  93. alessandra Scrive:

    Gent.dott.ssa sto facendo mettere in pratica i suoi consigli a mia madre ,66 enne, malata di linfoma non hodgikins .vorrebbe cortesemente suggerirmi con quali cibi abbondare x ingrassare e al tempo stesso non far aumentare la glicemia che ora ha a 125 ? Lei in questo anno e’ dimagrita molto ed ora si trova sotto peso.graxie mille

  94. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Alessandra, tua madre ha bisogno di essere seguita da specialisti, che dopo aver visto il suo stato, i suoi esami, la possono seguire in modo periodico e personalizzato.

  95. claudia curletto Scrive:

    Che caratteristiche occorre avere per ricevere una risposta dalla Dottoressa?

  96. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Claudia, bisogna prima vedere gli esami clinici di tuo marito. Il medico oltre a visitarlo, dovrebbe avervi spiegato le cause del suo malessere e del motivo della sua stituazione attuale. Prova a consultare un altro specialista (anche se tuo marito è contrario), chiedigli prima di tutto cosa posssa avere scatenato in lui questa reazione e per quanto dovrà sottoporsi alla cura. Solo il medico curante ti può seguire. A presto

  97. gabriele Scrive:

    ho 47 anni e mi trovo da un paio di anni in presenza di glicemia intorno ai 125.
    Assumo da quasi dieci anni per motivi terapeutici quotidianamente Propecia e ho subito un intervento di colecistectomia. Posso giustificabilmente imputare l’una o l’altra, salvo entrambe, cause dei valori sballati o non c’e’ nesso alcuno. Lo chiedo per la piu’ semplice ragione che non accuso alcunchè in termini di salute.
    Sto, almeno apparentemente, benissimo.
    Grazie in anticipo per il prezioso, autorevole parere.

  98. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Gabriele, prova a fare degli esami del sangue completi prescritti dal medico e fagli vedere i risultati. Solo con un confronto dei valori puoi capire da cosa è dovuta la glicemia alta.

  99. antonio Scrive:

    salve Dott.ssa,
    ho 27 anni e dalle ultime analisi del sangue ho riscontrato il valore del glucosio pari a 132 . Sono rimasto sorpreso in quanto non mangio dolci spesso ed inoltre pratico molto sport e mi concedo due volte a settimana il cornetto con cioccolato a colazione. Mi devo preoccupare?
    Grazie

  100. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Antonio, può succedere di avere i valori del sangue sballati. Dipende anche da quello che si è mangiato il giorno prima degli esami. Bisogna essere a digiuno da 8-10 ore.
    La glicemia alta si riscontra in genere in pazienti che fanno uso di farmaci contraccettivi e diuretici o sono affetti da: diabete mellito , ipertiroidismo , sindrome di Cushing , ictus cerebrale , infarto cardiaco , avvelenamento da ossido di carbonio (CO) , feocromocitoma , insufficienza renale cronica , neoplasia del pancreas , pancreatite e stress. Prova a fare vedere le analisi al tuo medico di famiglia, che provvederà a valutare se sono necessari ulteiori esami.

  101. ferry Scrive:

    Salve. Volevo sapere se il fumo e il caffe’ (senza zucchero)assunti insieme possono contribuire all’aumento della glicemia.Ho sentito dire che contribuiscono alla produzione di adrenalina e nor-adrenalina.Grazie

  102. donatella Scrive:

    Buongiorno dott.ssa, ho la glicemia a 124, tutti gli altri analisi vanno bene.
    questo valore è da settembre/ottobre che è a questi livelli, era anche a 133.
    Ho 55 anni, dal 1 settembre ho cambiato lavoro e non vengo piu’ a casa a mangiare a mezzogiorno perchè sono distante, pertanto ho cominciato mangiando panini. poi dopo le prime analisi ho cominciato mangiando il panino (integrale) un giorno si e uno no ed al giorno no mangio fagioli con il tonno. ogni giorno mangio un’arancia. alla sera mangio normalmente cioè bistecca, affettato, formaggio e una volta alla settimana pesce ma non sempre e una mela. durante il giorno puo’ essere che sgranocchia dei grissini non integrali. Dopo cena di solito – non riesco a farne a meno- mezzo gelato con mio marito.
    Adesso pero’ ho deciso posso mangiare a mezzogiorno sempre insalata e alla sera una fettina con un contorno. e che frutta posso mangiare.Mi scusi se non mi sono spiegata bene, ma sono molto preoccupata. Non faccio attività fisica. non ho il tempo parto alla mattina alle ore 7,30 e ritorno alla sera alle 198,30 questo per cinque giorni alla settimana. Cari saluti Donatella

  103. donatella Scrive:

    Scusi sono sempre io mi sono dimenticata di dirle che bevo 3/4 caffe’ al giorno con il dolcificante. cosa ne dice elimino anche quello ? sono alta 1,60 e peso 66 Kg; e sono in menopausa chirurgica dal 2004. Di nuovo saluti. Donatella

  104. bartolo Scrive:

    gentile signora Trevaini, una persona diabetica magra come fa per ingrassare ?
    Anticipati ringraziamenti per l’aiuto
    Bartolo

  105. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Bartolo, penso che il tuo centro diabetologico ti abbia dato tutte le indicazioni. Non posso rispondere rispondere a domande troppo perosnali e dettagliate, perchè ritengo sia necessario un consulto medico.

  106. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Donatella, l’unica cosa che ti posso consigliare è quella di eliminare il dolcificante e il gelato alla sera. Per il resto ti devi affidare ad uno medico. Non posso rispondere a domande per cui è necessario un consulto medico.

  107. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Ferry, si il caffè e il fumo possono modificare i livelli di glicemia.

  108. franca Scrive:

    gentile dottoressa,
    le porgo un quesito che nè la diabetologa nè il medico di base hanno saputo rispondermi.
    Premesso che sono diabetica da circa 10 anni, cioè da quando sono andata in pensione anche se non ho variato le abitudini alimentari.
    il mio problema è: pratico sport in montagna tipo lunghe camminate (5-8 ore) oppure sci di fondo e per curiosità ho fatto unh prova: misurata la glicemia prima di iniziare, quando mi fermo non mangio altrimenti sotto sforzo sto male, bevo solo acqua, al ritorno misuro nuovamente la glicemia ed è molto più alta (a volte anche 170) quale può essere il motivo?
    grazie per una eventuale risposta

  109. pao61 Scrive:

    Buongiorno, dopo una settimana di influenza e sinusite curate con antibiotici e aerosol (cortisone) e trascorsi 10 giorni dalla stessa mi sono dovuto sottoporre all’esame del sangue e dell’urina (per lavoro), da premettere che la sera stessa ho fatto attività fisica ed ho trovato diversi valori sballati tra cui la glicemia a 132 e il colesterolo a 199 + i tricigleridi da premettere che non bevo non fumo ma amo mangiare e il caffè, sono alto 1,76 x 78kg di peso sono andato dal mio medico che per ora mi ha detto di regolarizzare il mangiare e mi ha fatto ripetere le analisi (+ approfondite) che farò prossimamente può dipendere dalla cura che ho fatto per l’influenza? posso continuare a prendere caffè (4/5) al giorno? vorrei disintossicarmi bene per poter ripetere le analisi, che cibi mangiare in questo caso? la ringrazio anticipatamente.

  110. Elisabetta81 Scrive:

    Gentile Dott.ssa,
    Sono una ragazza di 32 anni e soffro di ipoglicemia..o almeno credo. Mi sono decisa di rivolgermi a un endocrinologo/diabetologo, solo la settimana scorsa perchè mi sono resa conto che negli ultimi mesi, capita spesso che non mi senta bene. I sintomi sono: fame (mi capita di mangiare ogni 2 ore), debolezza, stanchezza, tremori, pesantezza alle articolazioni, pallore, ogni tanto sudorazione e vertigini. La mia glicemia a digiuno è compresa tra i 68 e 78. Il valore, a stomaco pieno, si aggira sui 77 (5 ore dopo il pasto). Secondo il medico, potrebbe essere ipoglicemia e mi ha prescritto delle analisi del sangue da effettuare a digiuno e dopo due il pranzo. Nel frattempo, mi ha corretto l’alimentazione, consigliandomi cibi a base di proteine (anche gli spuntini), riducendo notevolmente i carboidrati…Lei cosa ne pensa? E’ la prima volta che mi capita di scrivere su un forum..mi creda, sono davvero confusa.. La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti

  111. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Elisabetta, hai fatto la cosa migliore: ti sei affidata ad uno specialista. Segui attentamente le sue indicazioni. Insieme a lui cercate di capire quale può essere la causa e come procedere.
    A presto

  112. felice Scrive:

    Buonasera Dottoressa,le volevo chiedere se la dieta del gruppo sanguigno è vera o una bufala?per i centrifugati è meglio solo verdura o anche frutta?grazie e buona serata

  113. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Felice, la maggior parte di coloro che si rivolgono a queste diete stanno male a causa del loro stile di vita sbagliato, perciò è inevitabile variando la dieta un miglioramento. Io non parlerei di bufala, ma è opportuno sottolineare che non esiste al momento nessuna prova scientifica che provi l’efficacia della dieta del gruppo sanguigno. Se si sta cercando di perdere peso, la via migliore è quella di una sana alimentazione unita ad una costante attività fisica da seguire abitudinalmente a favore della salute generale.

  114. Giuseppe Scrive:

    Buongiorno,
    ho 37 anni peso attualmente 95 kg e sono alto 180 cm.
    Corporatura ossea robusta.
    Tutto ok fino al 2004 diciamo , dopo di chè un lavoro sedentario come autista di Tram e turnazioni di presenza completamente ingestibili, sia a livello di alimentazione, sia a livello di riposo mi hanno portato al peso di circa 120 kg.
    Nel 2009 diagnostico glicemia a valori molto alti a seguito visita Diabete ( geneticamente predisposto da parte di padre; lui in cura da circa 10 anni. Anche mia zia sua sorella con stesso problema ).
    Dal 2009 fino a settembre 2011 il diabete l’ho trascurato. Conseguenza, l’apice della mia trascuratezza alla patologia e dei tagli sotto il piede, creano una grossa infezione alla gamba destra ( Erisipela ). Pronto soccorso: dopo 4 ore su carrozzina mi dicono vada pure a casa e metta un antinfiammatorio. Due giorni dopo al mattino, febbre alta, delirio perdita di coscienza. Il tutto avvenuto dopo abbuffate abnormi di dolci e zuccheri nel pranzo del giorno primaaa…
    Pronto soccorso in altro ospedale e mi diagnosticano appunto Erisipela. Stavolta ricovero immediato dopo visita dermatologica. Dimissioni dopo una settimana, ( ho perso intanto circa 6-7 kg ) dall ‘ ospedale e da seguire post ricovero la seguente terapia: per la gamba: iniezioni per 4 giorni non mi ricordo adesso il nome da fare 2 volte al giorno. per il diabete inizio trattamento con insulina ( il mio metabolismo è praticamente fermo ) e compresse di Metaformina. Per pressione arteriosa alta: compresse Ramipil ( visto che ho in eredità anche l’ipertensione ). In sintesi: dai 15 ai 20 appuntamenti giornalieri fra prendere i farmaci e misurarne i valori. Come si puo’ immaginare ingestibile senza aiuti e comunque situazione che impedisce qualsiasi attivita.
    Mi autoconvinco di essere un malato cronico. Mi aiutano in famiglia a uscire da questa convinzione e smetto di prendere tutti i farmaci dopo circa 2 settimane. NON FATE COME ME. Dimagrisco troppo in fretta mangiando quasi solo proteine e un bel giorno con adrenalina al massimo e pressione altissima mi becco una bella trombosi all’ occhio sx e un edema al dx. Umor acqueo troppo elevato e vasi sanguigni ingrossati con conseguenti danni alla retina.( Dopo angiografie ed esami del sangue specifici, ebbene ho il fattore V di Leiden: una variante della proteina fattore V umana. Questa variante aumenta il rischio di trombosi venosa poiché causa uno stato di ipercoagulabilità del sangue ( ereditato da mamma, vittima di una trombosi simile alcuni anni fà ).
    NON FATE QUINDI COME ME.Non prendere farmaci e seguire una dieta praticamente digiunando ed essendo in iperattività costante a sbalzato la mia pressione talmente verso l’alto, che spero che anche chi non sia medco, abbia capito la mia stupidità
    A oggi la mia situazione è vederci 50-60 % meno di prima con definizione di essere un diabetico con Retinopatia dove a livello di conoscienza mondiale le cure da intraprendere sono contrastanti fra medici occidentali europei e quelli oltreoceano, asiatici e americani. Col piede diabetico che a volte sembra esplodere e gambe con circolazione azzerata ( ho ripreso da 90 kg a 95 ), il quale mi permette di stare seduto 30-40 minuti al max prima di cominciare a gonfiarsi. Pressione arteriosa sempre alta. Metabolismo azzerrato. Quello che chiedo in questa sede, è quanto puo essere valido un digiuno controllato, premesso che vorrei eliminare i farmaci TOTALMENTE , che ho ripreso a riprendere ( INSULINA e Ramipril ) seguendo le terapie di un dottore americano molto famoso. Vorrei pubblicare il link a Wikipedia è possibile?
    NON FATE COME MEi
    A lei Dottoressa chiedo quale delle diete pubblicate in questo sito potrebbe essere piu’ indicata per un caso multiproblematico come il mio.
    Grazie

  115. felice Scrive:

    Buonasera Dottoressa,sono sempre io Felice,grazie mille per la sua disponibilità.Facendo sempre una colazione sempre varia,latte di riso soia con miglio soffiato quinoa gallette di riso grano saraceno farro ma è vero che alzano la glicemia e che non fanno molto bene?

  116. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Giuseppe, non posso rispondere rispondere a domande troppo perosnali e dettagliate, perchè ritengo sia necessario un consulto medico. Solo un nutrizionista può consigilarti la dieta più adeguata alla tua situazione.

  117. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Felice, si gli alimenti che usi per la tua colazione tendono ad aumentare la glicemia, soprattutto il latte di riso, i cereali soffiati e le gallette. Non bisogna esagerare con la quantità.

  118. marina Scrive:

    Buonasera DOttoressa, ho familiarità al diabete sia dal lato materno che paterno e sono in sovrappeso di una decina di kg e sono molto stitica. Ho 43 anni e da 3 settimane sto seguendo una dieta ipocalorica con buoni risultati. Ho fatto esami del sange completi ed ho scoperto di avere una valore della emoglobina glicata di 43 (valore massimo 38). Tutti gli altri valori eccezion fatta per una carenza di ferro sono perfettamente nella norma ( colesterolo, trigliceridi, e anche la glicemia).
    Sono quasi sicura che questo valore sia dovuto alla pessima alimentazione tenuta nel periodo prima di iniziare la dieta ma per evitare qualunque rischio vorrei seguire una alimentazione che mi consenta di normalizzare questi valori e perdere del peso
    Che tipo di dieta posso seguire? che alimenti privilegiare? cosa devo evitare?
    Grazie mille
    marina

  119. Ilaria Scrive:

    Gentile dottoressa,
    premettendo che sono una persona molto ansiosa temo di eccedere nel consumo di zuccheri, soprattutto in questo periodo essendo in cura con un farmaco (remeron) che aumenta il senso di fame..per esempio stasera mezza tavoletta di cioccolato al latte..ho anche paura di effettuare del sangue perchè temo mi trovino la glicemia alta..mi scusi per lo sfogo ma come le ho detto sono molto ansiosa..la ringrazio in anticipo per qualsiasi risposta..

  120. felice Scrive:

    Buongiorno Dottoressa,mi potrebbe consigliare una colazione molto nutriente ma che allo stesso tempo non alzi molto la glicemia?Grazie mille e le auguro la buona giornata

  121. Dr.ssa Palermo Scrive:

    Complimenti per l’articolo!
    è sempre un piacere sostenere la corretta informazione perché rappresenta anche un efficace strumento di prevenzione.

  122. luigi Scrive:

    Buongiorno Dott/ssa,ho 69 anni ho fatto degli esami di laboratorio con la glicemia a 169 mg.e Hb glicata à 7.1 che cosa mi consiglia? Grazie.

  123. Grazia Scrive:

    Salve… Io so che la zucca ha un alto indice glicemico se cotta……..come mai lei dice che aiuta a tenere la glicemia bassa….??????.,,,, intende quella cotta…o cruda…?????
    Grazie mille …saluti

  124. Nicoletta Scrive:

    Gent.ma Dott.ssa ho 58 anni, diabete melito 2, lo scoperto 2 anni fa, perche sono andata fare analisi. La mia famiglia no ce nessuno diabetico (madre,padre, fratello ne mio figlio, ne mio marito. sono andata a diebetologa, il medico prescritto le medicine, lo prendevo per un mese, ma stavo tantomale,la mattina nonsapevo, se devo andare a lavorare o no. Diarrea fulminante, mal di stomaco, allora deciso che non prendo mai piu niente di medicina, perche non sono abituata a prendere niente.
    inverno un puo mi trascuro la dieta, ma quando il tempo comincia essere bello ricomincio la dieta molto severa, quello che mangio peso tutto, faccio 2-3 km con la bicicletta,mattina pomeriggio, mangio tanto di quella verdura,la frutta non mangio, perche quelli si che contengono zuccheri, tutti giorni pesce, trota o moluschi, tonno raramente,perche ce troppo mercurio se mangio troppo tonno viene maldi testa, Salmone grasso quello non mangio, dopo questo perso anche 10 kg e piu. Mangio tanta mozzarella, insalata, citrioli.
    La domanda e questa! come mai anche se non mangio per 3 giorni, il zucchero sempre 120-130.
    Ho un tabbella dove ce scritto tutti alimenti che contengono zucchero, non esiste un alimenti che sono senza zuccheri, per fino insalata latuga con tiene zucchero per fino la cigaretta ce zucchero.Mi dica, cosa devo mangiare per evitare il zucchero
    Grazie cordiali saluti Nicoletta

  125. nicoletta Scrive:

    Dr.ssa Chiesto un suo parere ma non avuto la sua risposta.

  126. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Marina, ti consiglio di fare vedere gli esami ad un nutrizionista che ti può prescivere la dieta più idonea per migliorare i valori sballati degli esami e anche conforme al tuo stile di vita.

  127. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Ilaria, cerca di sostituire dolci e carboidrati raffinati con frutta e carboidrati complessi. Vedrai che se elimini piano piano il cibo così detto “spazzatura” , di cui si diventa dipendenti, ne avrai meno bisogno. Fino a non volerlo più. E anche la tua ansia ne avrà beneficio.

  128. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Felice, non conosco il tuo stile di vita e la tua corporatura. Un esempio di sana colazione potrebbe essere un frutto ( kiwi, banana, mele) e 4/5 fette biscottate integrali con marmellata senza zuccheri aggiunti. Il caffè è concesso ,ma senza latte e zucchero. Puoi sostituire le fette biscottate con uno yogurth e 10 mandorle, in questo modo tieni sotto controllo la glicemia.

  129. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Luigi ti devi affidare ad uno specialista.

  130. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Grazia, la zucca è efficace nel controllo del metabolismo degli zuccheri, e quindi nel mantenere regolari i livelli di glicemia nel sangue e nel favorire un riequilibrio del peso corporeo.
    Inoltre per le sue proprietà è in grado di riparare le cellule pancreatiche danneggiate dal diabete, potrebbe in futuro essere utilmente impiegata, in forma di estratto, come un efficace sostituto dell’insulina.

  131. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Nicoletta, avendo il diabete melito 2 ti devi rivolgere ad uno specialista che ti segua nell’alimentazione. Deve essere adeguata al tuo problema. Ti posso certo dire che non tutti i carboidrati sono uguali fra loro. Proprio per questo gli esperti consigliano, da un lato, di scegliere i cibi in modo che il 55-60% dell’energia quotidiana derivi dai carboidrati complessi presenti in pane, pasta, patate, riso e altri cereali, mentre raccomandano di ridurre quello degli zuccheri semplici presenti nei dolci e nelle bevande zuccherate. In particolare sono gli zuccheri semplici raffinati ad essere più pericolosi per la salute. Ottenuti tramite la raffinazione di prodotti naturali come la canna da zucchero, questi carboidrati, ad esempio lo zucchero da tavola, sono in genere utilizzati come dolcificanti e, a fronte di un valore nutrizionale nullo (o quasi nullo), forniscono molte calorie. In altre parole, l’effetto principale dell’uso abbondante di questi zuccheri è quello di far ingrassare. Meglio, quindi, non esagerare con torte, biscotti e gli altri cibi e bevande che ne contengono elevate quantità. Diverso è il caso degli zuccheri semplici naturali. Tipici della frutta, questi carboidrati includono anche il lattosio presente nei latticini. Costituiscono una fonte di energia pronta all’uso ed essendo forniti da alimenti ricchi di vitamine, minerali e fibre sono importanti alleati della buona salute. I carboidrati complessi richiedono, invece, più tempo per essere digeriti; per questo motivo sono una fonte di energia disponibile più a lungo termine. Nella loro forma integrale i cibi che li contengono (pane, pasta, riso e così via dicendo) forniscono anche buone quantità di fibra alimentare. Eliminarli dalla dieta è, quindi, una scelta poco salutare: il vero zucchero nemico di chi teme di ingrassare è quello che addolcisce il palato.

  132. Benedetta Scrive:

    Buongiorno dott.ssa
    ho trovato per caso il sito perchè mi sto documentando sul diabete, lo ha mia mamma, lo aveva mia nonna materna e tutte le sorelle del nonno materno (lui è morto giovane purtroppo), mi sto preoccupando perchè sicuramente verrà anche a me, oltrettutto sono golosissima di gelati/dolci ecc. e l’altro gg misurando la glicemia con la macchinetta di mia madre così giusto per provare avevo 90 di valori alle 8.00 digiuna e 115 alle 11 dopo aver mangiato 6o7 fette biscottate….
    non sono un pò troppo alti, ho 34 anni e sono sovrappeso, sono già i fase pre diabete?
    grazie per la risposta
    Benedetta

  133. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Benedetta, la tua domanda richiede la risposta di uno specialista. Ti consiglio di andare in un centro per la cura del diabete e fare analisi specifiche.

  134. gaetano Scrive:

    Gen.ma Dott.
    E’ stato scientificamente accertato ultimamente che il frutto esotico mango abbassa notevolmente l’indice glicemico mangiando una fetta ogni sera mi può confermare questo dato? Grazie

  135. paolo paolo Scrive:

    Ho 55 anni e da un pò di tempo ho la glicemia al limite alto 110su 110 un paio di volte ho fatto le analisi della glicemia glicosilata ma in entrambi i casi il medico mi ha detto che va bene. In famiglia non ci sono storie di glicemia. Mi devo preoccupare? E poi chiedo se il mio aumento di peso nell’ultimo anno può dipendere dalla glicemia 110? Sono passato da un 78 Kg stabile ad 82 Kg che non riesco a far scendere. Grazie anticipatamente per la risposta che, eventualmente vorreste darmi.

  136. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Gaetano, si il mango aiuta a normalizzare i livelli di insulina nel sangue, Ecco una riicetta: fai bollire alcune foglie di mango pochi minuti in acqua a lasciarlo saturare tutta notte Consumare il decotto filtrato al mattino come cura domestica per il diabete.

  137. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Paolo, se il medico ti ha detto che le analisi vanno bene non ti preoccupare. Il tuo aumento di peso può anche essere influenzato da una resistenza insulinica.

  138. felice Scrive:

    Dottoressa buongiorno,ma mangiare pasta e proteine a pranzo fa beme

  139. romeo Scrive:

    ho aperto per caso questo sito,ho trovato consigli interesanti, complimenti dott.ssa Trevaini.

  140. raffaella Scrive:

    Salve, ho letto in una delle sue risposte iniziali che i diabetici sono carenti di vitamina B6, potrei sapere perchè? Eventualmente è bene assumere un’integratore di B6? Può indicarmene uno possibilmente? Sto prendendo il Benexol che contiene anche B6 oltre B1 e B12, può andare bene oppure è meglio solo B6?
    Grazie mille.

  141. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Raffaella, per qualsiasi consiglio specifico sugli integratori da prendere devi rivolgerti al medico da cui sei in cura. A presto

  142. antonella Scrive:

    cara dottoressa mio marito è in sovrappeso,alto 1,72 pesa circa 103 kg, essendo donatore con l’ultima donazione sono arrivate le risposte delle analisi, sono un pò preoccupata la sua glicemia già un pochino alta è arrivata a 215, il colesterolo a 252, i trigliceridi a 218, x me sono troppo alti, lui però è anti medicine in generale come posso fare x far abbassare questi valori è sufficiente una dieta equilibrata o avrà bisogno delle pasticche? ho notato anche che la sua glicemia si è alzata da quando ha smesso di fumare le sigarette ora è passato a quella elettronica, ma è vero che contiene il glucosio e quindi non è indicata? mi dia x cortesia qualche indicazione xchè non riesco a farlo andare dal medico. la ringrazio molto in anticipo.

  143. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Antonella, mi spiace, ma non posso darti consigli medici. Devi assolutamente prenotare una visita specialistica a tuo marito. Solo un dottore può dopo averlo visitato e visto gli esami può decidere quale terapia prescrivere.

  144. Grazia Scrive:

    Salve dottoressa….la prego mi dica …la zucca .va mangiata cotta o cruda per avere i benefici al pancreas……..??????
    Grazieeeee milleeeeee…:-)

  145. Iolanda Scrive:

    Salve Dottoressa, ho 35 anni e a marzo ho partorito la seconda bimba, ho avuto diabete gestazionale. Durante il giorno i valori della glicemia si mantengono nella norma, ma la mattina ha digiuno anche se non sempre mi ritrovo valori come 100 0 105. Il mio medico dice che per il controllo della curva devo aspettare circa 1 anno. Devo già rassegnarmi e pensare che sono diabetica? premetto che mio padre è diabetico da quando aveva 40 anni.

  146. giusi cosentino Scrive:

    Il problema del gonfiore intestinale, dovuto ad un non completo svuotamento dell’intestino, mi sta minando l’equilibio mentale .Cosa posso fare x stare bene? Sono intollerante al lattosio(l’ho eliminato) e non ci sono altri problemi perche’ ho fatto la colonscopia.
    Vi prego di aiutarmi , non ce la faccio piu’.
    P.S. Vado in bagno molte volte al giorno ma mai completamente…
    Grazie mille .

  147. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Grazia, mangiala cotta al vapore o al forno senza condimento.

  148. Natalia Scrive:

    Buonasera Dottoressa,
    Ho 37 anni e la glicemia a 104. Mi hanno detto di stare attenta per il diabete mellito. Sicuramente devo mangiare meno caramelle (ora più o meno 10 al giorno). Ma le chiedo se 3 4 quadretti di cioccolata dopo il pasto sono deleteri, come anche il gelato, o se è peggio riso o pasta. Infine, a colazione e meglio il miele o la marmellata? Io la mattina prendo anche l estratto di papaya in polvere. Me ne hanno parlato tutti benissimo ma è molto zuccherino…
    Grazie in anticipo,
    Distinti saluti

  149. Roberto Scrive:

    Salve, ho fatto delle analisi, e mi hanno riscontrato la glicemia a 115,mi devo preoccupare?? Domani ho la visita con il diabetologo.

  150. Elisabetta Scrive:

    Salve dottoressa. Ieri sera dopo una cena con amici mi sono misurata per gioco la glicemia. Era a 163! Devo dire che la cena e stata molto pesante e che abbiamo finito con gelato,preso tre volte, e un ciotolino di ciliege. Non ho mai avuto una glicemia alta ,neanche in gravidanza.Non sono sovrappeso e ho uno stile di vita abbastanza attivo. Sono molto spaventata. Mi devo preoccupare? Grazie

  151. matteo Scrive:

    ho la glicemia a 248……appena ho finito di leggere il referto analitico mi sono spaventato.il mio medico curante poer via telefonica mi ha detto che devo andare da lui Lunedi.E nel frattempo non mangiare pane,pasta e dolci in generale. Posso stare tranquillo e andare da lui Lunedi??

  152. alba Scrive:

    buongiorno dott.ssa sono pochi giorni che sto leggendo i suoi consigli, ritengo che siano molto interessanti. Da una settimana circa, tramite degli esami mi hanno trovato la glicemia alta 128 mi sono molto preoccupata. Mi puo’ dire gentilmente i cibi da evitare completamente e quelli che posso mangiare, la ringrazia anticipatamente aspetto sue notizie grazie.

  153. Rossano Maio Mascio Scrive:

    Buongiorno d.ssa, dopo aver fatto delle infiltrazioni di cortisone alle spalle, mi sono accorto di aver avuto un aumento del valore glicemico, che a digiuno va da 107 a 130. mi è stato riferito che sicuramente la causa deriva dal fatto descritto, per capirne di più mi è stato consigliato di eseguire un analisi del sangue con questi risultati: Glicemia 107 mg/dl valori di rif. 74 – 106 ; Emoglobina glicata 47.0 mmo/mol valori di rif. 9.0 – 42. Può farmi capire se i cortisonici possono avere questi effetti collaterali e in quanto tempo +/- si potrebbe tornale alla normalità. Misuro la glicemia ogni due giorni i valori si attestano intorno ai 118-123 … che consiglio può darmi ?

  154. Rossano Maio Mascio Scrive:

    scusi d.ssa, per il mancato ringraziamento che faccio ora, per un suo eventuale intervento..

  155. Cristiana Scrive:

    Gentile dottoressa, anche io come Franca ho un quesito da porre: mi è capitato almeno tre volte in questo periodo estivo di provarmi la glicemia prima di fare una camminata di 1 o 2 ore in montagna, avere 107/ 108 , di tornare e riprovarmela ancora a digiuno e di notare un aumento , in un caso anche a114. Come mai? Il movimento fisico era l’unico mezzo che mi era rimasto per condurre una vita ‘normale’ e raddrizzare i valori quando erano troppo elevati. . .
    Ringrazio per il consiglio.
    Cristiana

  156. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Alba, io posso darti indicazioni generiche. Per consigli specialistici devi rivolgerti ad un medico.

  157. silvia trevaini Scrive:

    Ciao ELisabetta, sbalzi glicemici possono dipendere dall’alimentazione. Aspetta qualche giorno e poi riprovala. Se i valori non sono nella norma, rivolgiti ad un medico.

  158. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Roberto, non preoccuparti. Aspetta che il medico valuti la tua situazione e le tue analisi.

  159. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Natalia, tutto dipende dalla quantità e dalla qualità del cibo. Cerca di mangiare cibi a basso indice glicemici. Frutta, verdura, cereali integrali, pesce e carni magre. Concediti qualche quadretto di cioccolata fondente una o due volte la settimana. Evita dolci e cibi raffinati

  160. Stefania Scrive:

    Buongiorno Dottoressa,

    un amico diabetico mi ha provato per “scherzo” la glicemia e con mia enorme sorpresa questa è risultata a 130 alle 6 del pomeriggio, stamattina a digiuno l’ho riprovata ed era a 117. Premetto che ho 30 anni sono normopeso faccio regolarmente sport (yoga) e che una volta all’anno faccio le analisi del sangue e la glicemia e sono sempre perfette (tranne omocisteina leggermente alta). Secondo lei come devo procedere? devo preoccuparmi? io pensavo a una bella dieta! grazie
    Stefania

  161. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Stefania, solo un medico può valutare la tua situazione. Ti consiglio una visita specialistica

  162. Maurizio Scrive:

    Buonasera vorrei solo sapere dieci cibi che Bassano il diabete notevolmente grazie

  163. felice Scrive:

    Dottoressa Trevaini buongiorno,scusi se entro in un altro campo,ho problemi di meteorismo ed facendo un ecografia si è notato che ho molto gas nell’intestino,mi potrebbe consigliare quali sono i cibi da evitare e quelli da preferire?Grazie mille e le auguro la buona giornata

  164. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Felice, ho approfondito questo argomento già in un articolo.
    Puoi trovare tutte le informazioni che ti possono aiutare a risolvere questo problema davvero fastidioso.

  165. Irene Scrive:

    Gentile dott.ssa ho 28 anni e ultimamente ho un problema che sta diventando ingestibile.Sindrome premestruale: circa dieci giorni prima del ciclo divento nervosa trattando male tutti indistintamente senza motivo e ho l’appettito di un vero e proprio maialino.Le abbuffate stanno diventando incontrollabili e di proporzioni cosmiche secondo me.Le faccio un esempio,in questi dieci giorni un giorno si e uno no piango senza motivo,grido,sono agitata,rispondo male e mi capita di fare fuori interi pacchi di biscotti,intere barrette di cioccolato da 100 gr,oppure faccio pranzo e cena esagerati,credo di oltrepassare le 2000kcal giornaliere. Che cosa posso fare per attenuare questi sintomi?mi stanno rovinando la vita.Grazie mille se vorrà rispondermi.Cordiali saluti.

  166. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Irene, ti consiglio di rivolgerti ad uno specialista. Non posso rispondere a domande personali .

  167. Edoardo Scrive:

    Salve dott.ssa sono un ragazzo di 23 anni e dopo aver eseguito il test del glucosio con insulina mi e’ stato diagnosticata un’iperinsulinemia in quanto l’insulina dopo 60 minuti era di 122 mentre la glicemia dopo 120 minuti era a 60 contro 83 a digiuno. Volevo chiederle se per caso caffe e latticini stimolano l’insulina come ho letto in vari siti e quindi non vanno bene per me che sono iperinsulinemico. Grazie

  168. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Edoardo, alle domande personali non rispondo. Dovresti rivolgerti ad uno specialista

  169. maria rosaria Scrive:

    gentilissima dottoressa ho 38 anni e da 4 mesi ho scoperto di essere diabetica del tipo 2 in famiglia è diabetico mio padre , per circa 10 giorni ho fatto insulina per 3 volte al giorno più auto controllo prima dei pasti siccome la glicemia scendeva troppo il diabetologo ha deciso di staccare l’insulina e iniziare con 2 compresse colazione e cena di metformina senza più auto controllo , il mio dubbio è: io senza auto controllo come faccio a sapere se la glicemia è alta o bassa ? ho notato che qualche volta urino anche 3/4 volte di notte mentre altre volte non urino per niente siccome ho letto che se si urina molto è sinonimo di diabete volevo chiedere un suo parere grazie per l’attenzione che mi dedicherà

  170. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Maria Rosaria, per qualsiasi consiglio medico è opportuno che ti rivolga ad uno specialista. Non posso rispondere a domande personali.

  171. giusy Scrive:

    Ciao ho 27 anni utilizzo la macchinetta in attesa di visita col diabetologo va bene glicemia a 128 a. Digiuno?a volte anche 140

  172. giusy Scrive:

    per favore rispondetemi

  173. Eva Scrive:

    Salve dottoressa, mi scuso per il disturbo, sono una ragazza di 28 anni, in soprappeso di 13 kg. un mese fa ho fatto una curva glicemica a 3 prelievi e mi hanno detto che era assai piatta ( a 0′ 90 – 60′ 94 – 120′ 92), mi hanno dunque consigliato di assumere due compresse di inofert combi e una dieta per scendere di peso. dopo 2 settimane sono andata in collasso ipoglicemico, in ospedale mi hanno riscontrato un valore glicemico che si aggirava sui 50. così mi hanno fatto ripetere sia la curva insulinemica che quella glicemica, oggi i risultati della glicemica sono ( 0′-87; 30′-120; 60′-95; 120′ -85) mentre per l’insulinemica ( basale 8.9; 30′-65.6; 60′- 85.7; 120′-65) mi hanno detto che l’insulina resta alta. secondo lei cosa dovrei continuare a fare? dieta e pasticca? e cosa vogliono dire i miei risultati??? non trovo nessun medico che mi spieghi chiaramente cosa mi sta accadendo. L’unica cosa che mi dicono è che un po’ alta ma dovrebbe rientrate con la perdita di peso!

  174. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Giusy ed Eva, non rispondo a domande personali. Dovete consultare un medico o uno specialista del settore.

  175. Pasquale Scrive:

    Salve dottoressa,
    curo la mia alimentazione applicando i suoi consigli. Ho portato la mia glicemia da un valore medio di 105 ed emoglobina glicosata di 6, ad un valore di 93 con emoglobina glicosata di 5,3.
    Vorrei sapere:
    lungo digiuno dalle 20 alle 9 di mattina può giustificare un valore glicemia 109?
    la dieta a zona è utile per mantenere la glicemia bassa?
    le tisane di galega, noce ecc sono efficaci? Come devono essere assunte?
    Grazie

  176. Sara Scrive:

    Buongiorno dott.sa le scrivo poiché ho letto gran parte dei suoi interventi e sono rimasta molto entusiasta per i consigli .
    Sono al 9 mese di gravidanza ed ho dei valori glicemici postprandiali non superiori a 160 la mia ginecologa mi ha consigliato insulina ,ma mi sono rifiutata in quanto non mi è chiara la facilità con cui mi ha prescritto il farmaco secondo lei questi valori potranno arrecare problemi al mio piccolino?
    La ringrazio per il tempo che mi vorrà dedicare

  177. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Pasquale, non do risposte personali. Per questi consigli specialistici di devi rivolgere ad un medico.

  178. vincenzo ceci Scrive:

    Grazie Dottoressa Trevaini,trovo interessante la sua rubrica e piena di consigli utili e professionalmente interessanti. Complimenti

  179. vittorio Scrive:

    buonasera Dott.sa, di solito quando urino spesso è un segnale che ho la glicemia alta, difatti dopo una giornata stressante nel vero senso della parola mi sta arrivando una bel raffreddore e mal di gola, in serata ho mangiato una pizza bianca, con 1/2 bicchiere di birra, sbadatamente ho preso la metaformina tardi, mi sono misurato la glicemia e ho 331 cosa che non ho visto mai, tutti questi fattori possono aver aumentato così la glicemia? grazie.

  180. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Vittorio, come tu sai l’alimentazione è fondamentale per tenere sotto controllo la glicemia, i cibi che hai mangiato possono aver influenzato i valori

  181. Francesca Scrive:

    Salve dottoressa,sono in attesa di 2 gemelli,e fatta la curva glicemica ho scoperto di avere il diabete GESTAZIONALE,chiaramente mi hanno messo a dieta e devo controllare la glicemia con la macchinetta…seguendo la dieta i valori sono regolari(l’endocrinologa mi ha detto che non deve superare 140) dopo un forte spavento però i valori si sono alzati notevolmente(a stomaco vuoto 132 e dopo colazione 210) può essere dovuto allo spavento?? Grazie

  182. matteo Scrive:

    ho fatto gli esami della glicemia la mattina avevo 122; alle 11.30 96 alle 17.00 118. sono valori alti.

  183. silvia trevaini Scrive:

    ciao Francesca, qualsiasi domanda relativa alla tua patologia la devi fare ai medici che stanno seguendo il tuo caso. E’ importante avere tutti i dati, gli esami ed essere sempre seguiti da professionisti.

  184. Silvio Scrive:

    E’ un periodo che i miei valori diabetici sono impazziti, anche se io, essendo diabetico, seguo l’assunzione delle varie pillole prima e dopo colazione/pranzo e cena.
    Oggi ad esempio ho mangiato broccoli al vapore con faglioli bolliti, un poco di olio crudo e NIENTE pane, un bicchiere di vino: due ore dopo ho misurato 225, cosa che mai, in quanto postprandiale ho avuto sempre tra i 140 ed i 180.
    Cosa mi sta succedendo??
    E’ segno di qualche infiammazione o malattia OSCURA e TERRIBILE??
    Grazie

  185. Anna Scrive:

    Gentile dottoressa da un pò di tempo ho notato che mi aumenta la glicemia. Di solito mangio a pranzo verdura, formaggi magri, bresaola, salmone affumicato, tonno al naturale e un caffè con pochissimo zucchero (questo pranzo viene consumato in ufficio), la sera mangio 70g di pasta, carne bianca o rossa o pesce e una mela. Secondo lei quali sono li alimenti che mi aumentano la glicemia? grazie

  186. vittorio Scrive:

    buon giorno dott ..sono diabetico millito 2 come faccio a stabilizzare la glicemia stamattina prima di pranzo avevo 196..2 ore dopo pranzo 120 ..prendo 2 pastiglie di mataformina 500 grazie in anticipo

  187. pantaleo pieralli Scrive:

    Gentile dott.ssa, la mia terapia è: 1000metformina a colazine (ore 6 con yogurt 125gr magro, dopo pranzo 500 met. Dopocena1000 met. In più mattina plaviz pantoprazolo metoprololo triatec 25 dopo pranzo cardioaspirina dopo cena metoprololo atorvastina nonostante ciò la mattina alle ore 9,30 -10 molto spesso mi ritrovo 180 di glicemia sono un infartuato nel 2012 ho 58anni esiste una spiegazione logica ? Chiaramente i miei pasti sono abbastanza nella norma e poi se possibile una risposta vorrei sapere se la pasta di riso ha un giusto apporto glicemico. Ringrazio anticipatamente e mi scuso per la lungagnata distinti saluti Pantaleo

  188. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao a tutti, per consigli medici dovete rivolgervi ad uno specialista del settore o al medico che vi sta già curando

  189. Michele Scrive:

    Buon pomeriggio la mia è una curiosità più che altro. Stamattina ho fatto un prelievo capillare ed il valore della glicemia a digiuno era a 94. Nel mese di novembre facendo le analisi del sangue la glicemia era a 87. Lei crede che questi valori siano alti? Premetto che sono un ragazzo di 32 anni e pratico sport a livello agonistico. Grazie.

  190. Leandro Scrive:

    Gent.ma
    Dott.ssa nella ricerca di qualche chiarimento in rete mi sono imbattuto su questo sito
    Dove ho trovato delle chiare ed esaurienti risposte alla nostra malattia che ci rende la vita
    Difficile e ci provoca danni come nel mio caso anche seri.Sono diabetico da 20 anni riesco
    A controllare la glicemia sia con la dieta che con farmaci prendo glibomet a pranzo e cena.
    Solo che ho notato negli ultimi tempi picchi dopo colazione (3 fette biscottate e caffellatte)
    Fino a 250 che poi rientrano nella giornata entro.120/140 lei pensa che devo rivedere la mia
    Dieta? Grazie è saluti

  191. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Leandro, per rivedere la tua dieta devi rivolgerti al medico che ti sta seguendo.

  192. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Michele, non rispondo a domande personali e mediche. Devi rivolgerti ad uno specialista.

  193. Pasquale Scrive:

    Gentile Dott.ssa nonostante pratico sport: ciclismo, ho sempre i valori di glicemia, emoglobina glicosilata, colesterolo e azoto ureico leggermente superiori oppure al limite.
    Premetto che non sono in sovrappeso; vorrei chiederle se integratori multivitaminici e aminoacidi ramificati, possono influire con i miei esami se presi in maniera moderata?!
    Saluti
    Pasquale

  194. desirèe Scrive:

    Gentile dottoressa buongiorno,
    volevo chiedere delle informazioni o piu che altro dei chiarimenti, ho 36 anni mi sono rivolta dal mio ginecologo per una gravidanza lui mi ha consigliato di fare un esame di curva da carico per capire un po nonostante io non ho nessuno in famiglia neanche nella settima generazione problemi di diabete o quant altro ….dall esame sono risultati un po di valori strani ovvero primo esame
    PRIMA PRIMA
    Glicemia basale 94 INSULINA 9.5
    dopo 60′ 159 DOPO 60 94.9
    dopo 120 123 DOPO 120 115.7
    DOPO 180 101 DOPO 180 80.5

    Riferendo il tutto al ginecologo mi prescrive metformina 2 volte al giorno per ovaia policistiche quindi per un eventuale gravidanza e per iperinsulinismo…a distanza di due mesi io rifaccio gli esami ecco i valori
    PRIMA DOPO
    GLICEMIA basale 93 Insulina base 8.1

    dopo 60 203 dpo 60 87,0
    dopo 120 130 dopo 120 70.8
    dopo 180 113 dopo 180 65.0

    Ho riparlato con il mio ginecologo dove mi dice che procede tutto bene ppoiche l insulina sta diminuendo anche se la glicemia è aumentata per effetto della metformina ma non succede nulla…
    Adesso sono qui a chiedere dei consigli secondo lei devo stare tranquilla?? devo seguire un alimentazione corretta di che tipo??? ci sono degli alimenti ben precisi da assumere??
    aspetto sue notizie grazie

  195. elena Scrive:

    ho sempre avuto la glicemia ad 80 questa’aano andando pure in menopausa ho appena fatto gli esami e mi hanno trovato la glicemia a 113 e lemoglobina glicata a 53 mi devo preoccupare? come posso fare add abbASSARE IN FRETTA QUESTI VALORI<' COSA POSSO PRENDERE SALUTI ELENA BORGHI

  196. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Elena ti devi rivolgere ad uno specialista

  197. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Desiree, devi rivolgerti ad un medico specialistico

  198. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Pasquale, per qualsiasi domanda di questo tipo devi comunque rivolgerti ad uno specialista

  199. Lia Scrive:

    Gentile Dr.ssa sono diabetica insulino dipendente 16/20/20/28 con aggiunta di compressa da 850mg finalmente ho trovato il diabetologo giusto e i miei valori sono quasi regolari e certe volte anche di gran lunga sotto la media ma c’è un ma……nonostante l’attenzione sull’assunzione dei cibi non perdo neanche 100 gr. di peso corporeo anzi….sono ingrassata e non di poco, cosa sta succedendo? Grazie attendo una Sua cortese ed autorevole risposta.

  200. Terry Scrive:

    Buongiorno dottoressa, sono un paio di giorni che ho dei strani sintomi, così ho deciso di fare gli analisi… Non nascondo che sono golosa dei dolci e anche tanto… Ho chiesto il piacere di farmi sapere in giornata le risposte della glicemia… Mi è uscita a 128.. Volevo sapere è grave?

  201. Angelica Scrive:

    Ho letto con grande interesse e piacere: informazioni chiare e utili! Grazie dottoressa per la sua gentilezza e disponibilità’ e competenza!!!!

  202. renata Scrive:

    Salve , ho mia mamma che ha 86 anni ed ha la glicemia tipo 2 .
    Ho provato a non darle la pasta e integrarle solo carne, verdure, frutta, pesce , pane e la glicemia è scesa .
    Se non le do pasta è pericoloso per la sua alimentazione ?
    Saluti dottoressa !

  203. gianluca Scrive:

    E’ vero che digiuna di, il glucagone mangia le riserve di grassi?

  204. Anna I. Scrive:

    Buonasera Dottoressa, dopo essere stata visitata al pronto soccorso per una forte infiammazione al seno( con protesi mammarie ) con febbre a 38 e pressione bassa 67/106 , i medici hanno fatto alcuni esami del sangue per valutare al meglio la situazione. Il prelievo è stato effettuato alle circa 4 di notte e il mio ultimo pasto risaliva alle 21.00 circa. I risultati sono stati i eguenti: leucociti alti a 11.10 , glucosio a 128 e alfa amilasi a 103. I medici del pronto soccorso mi hanno poi dimesso dando i una semplice tachipirina e mandandomi a casa, prescrivendomi antibiotici e antinfiammatori. Secondo il parere di un amico medico questi valori sballati possono essere indice di un possibile diabete o pancreatiche secondo lui cronica. Io non mi sono mai preoccupata, ma in realtà mio padre è da parecchi anni che si sta curando da diabete, ma non so di quale tipo. Io ho 35 anni peso 48 km e faccio attività fisica non intensa e ho una dieta piuttosto equilibrata senza abusi di nessun tipo. Quello che ho è un forte stress che da circa un mese mi tiene in tensione. Ho visto che tra le cause del diabete può appunto esserci il fattore stress. Lei mi consiglia di approfondire facendo altri esami? La ringrazio anticipatamente. Anna

  205. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Lia devi chiedere al medico che ti sta seguendo che ha una visione completa della della tua situazione

  206. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Terry, gli esami vanno sempre fatti vedere al medico di famiglia

  207. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Renata, questa domanda la devi fare ad un medico specialista.

  208. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Gianluca, non rispondo a domande di competenza medica

  209. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Anna, si confronti con uno specialista per fare eventualmente ulteriori analisi

  210. Fernando Solazzo Scrive:

    GENTILE DOTTORESSA, HO LETTO ATTENTAMENTE SIA LE DOMANDE CHE LE RISPOSTE E NON ESAGERO SE AFFERMO CHE AMBEDUE LE HO TROVATE MOLTO INTERESSANTI. NON SOLTANTO PER LA COMPETENZA CHE NON LE MANCA MA, SOPRATTUTTO PER LA SERIETA’ PROFESSIONALE DEI CONTENUTI DELLE STESSE RISPOSTE. COMPLIMENTI VIVISSIMI FERNANDO SOLAZZO

  211. domenico caparco Scrive:

    Salve sono Domenico, intanto complimenti per l’impegno.: Ho 41 anni, peso 62 e sono alto 166 cm.Otto anni fa ho scoperto la pratca della corsa a piedi ed è diventata una costante. Percorro mediamente 80 km a settimana ormai da anni e da almeno uno consumo cannella in polvere aggiunta a qualche portata, quasi quotidianamente. Questo perché, misurando la glicemia annualmente, ho constatato che tende ad aumentare anno dopo anno. Da 80 di qualche anno fa è arrivata a 100 – 105, naturalmente a digiuno. Quindi, nonostante cannella, cereali prevalentemente integrali, alternanza di alimenti, rare abbuffate e 80 KM A SETTIMANA di corsa, la situazione peggiora. Dove può essere l’errore? Avrei pensato alle quantità, ma il peso corporeo e gli altri valori sono tutti nella norma e più vicini al parametro minimo. Potrebbe essere lo stress? ???? Grazie e aspetto un suo suggerimento.

  212. mario Scrive:

    buongiorno dottoressa. sono 6 giorni che ho scoperto di aavere i valori alti glicemici,340 la prima volta il mio dottore di famiglia mi ha dato subito da prendere 2 compresse al giorno di metforal 850 mg,continuo a misurarmi ma nn è andato mai sotto i 220. ho iliminato molta spazzatura se cosi si puo dire tipo dolci salame formaggi frittura è ridotto pasta. domani ritorno dal mio medico x sapere di piu’. dottoressa ,in linea di massima cosa mi sta succedendo?sono molto preocupato grazie x la sua risposta e complimenti buongiorno

  213. domenico caparco Scrive:

    Riflettendo sul quesito posto, mi rendo conto che forse è un pò personale, quindi provo a far sì che sia più generico: un soggetto con peso forma e con valore glicemico a digiuno di 100, dopo una qualsiasi attività fisica pomeridiana, in cui si stima un consumo di circa 1000 calorie, potrebbe fare una cena da 1000 calorie, magari mangiando 100 grammi di pasta integrale con 100 grammi di fagioli, un bicchiere di vino e del cavolo lesso come verdura? Naturalmente le altre 1000 calorie della dieta giornaliera sono state divise tra colazione, pranzo e spuntino. Grazie anticipatamente.

  214. PASQUALE Scrive:

    Ho letto che gli anacardi anno una funzione antidiabetica molto forte é vero o é una bufala? grazie e tanti saluti..

  215. alberto Scrive:

    Gentile Dottoressa mi scusi…sto cercando di compilare una lista di prodotti poveri di zucchero per facilitarmi (vivendo da single) la spesa quotidiana e la cucina. Su alcuni generi è abbastanza noto ma su altri non so bene. Es. le uova, gli insaccati, i salumi, i formaggi freschi, mozzarella, (il parmigiano?), sughi di pomodoro o pesto, verdure tipo cavoli o broccoli, sono a basso contenuto glicemico? Pane, pasta e riso integrale rispetto al tipo normale hanno meno zucchero o le fibre che contengono ne limitano i danni? E’ vero che pillole di crusca, prima dei pasti, riducono l’assorbimento dello zucchero? La ringrazio sperando che la risposta possa essere utile anche ad altri…

  216. matilde Scrive:

    Ho letto tabelle e tabelle di alimenti con alto-medio-basso indice glicemico e mi è abbastanza chiaro quali siamo i cibi da evitare.
    Leggendo i valori nutrizionali riportati sulle confezioni dei cibi troviamo: carboidrati xx, di cui zuccheri…
    E’ a questo valore che si deve prestare particolarmente attenzione? Qual’è la relazione tra questi zuccheri
    e l’indice glicemico? Grazie

  217. cinzia Scrive:

    Salve dottoressa.ho eseguito gli ultimi esami della glucemia 6 mesi fa x poi fare l asportazione di un polipo allutero.x piu di un mese ho dovuro somministrare primolut con conseguenza di valori epatici alti. Siccome gli esami han riscontrato valori a digiuno di glucemia 111, e possibile ke dipenda dall assunzione di 2 pasyiglie di primot al di? quali cibi mi consiglierebbe? Grazie

  218. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Domenico, non posso rispondere a domande personali. Ogni caso è a se. Devi rivolgerti ad uno specialista.

  219. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Pasquale, la frutta secca riduce l’innalzamento degli zuccheri nel sangue, evita gli sbalzi glicemici . Quindi anche gli anacardi.

  220. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Alberto, ti sconsiglio di fare una lista fai da te, ma di rivolgerti ad uno specialista.

  221. silvia trevaini Scrive:

    Ciao MAtilde, il discorso sui carboidrati, gli zuccheri e l’indice glicemico va affrontato in modo accurato. Perchè bisogna tenere conto di tante varianti. Se vuoi approfondire l’argomento di consiglio di leggere il libro del Dott Oz che spiega i danni che lo zucchero fa se assunto quotidianamente. Oppure di leggere il libro Vegpyramid che spiega i benefici di una dieta vegetariana e affronta anche il tema dei carboidrati, come, quali e in quante quantità assumerli

  222. silvia trevaini Scrive:

    ciao Cinzia, queste domande le devi fare al medio che ti sta seguendo

  223. rosina Scrive:

    Gentile dottoressa sono diabetica da diversi anni tipo 2 con terapia insulinica piu’ metformina la glicemia mantieniei valori discreti , ma noto che pur andando a dormire la sera con valori glicemici non alti sui 120 la mattina mi sveglio con valori glicemici alti ..160- 180- 200- da premettere che prima di andare a dormire faccio la lantus solo star , come mai ho questi valori alti di mattina a digiuno? grazie dei consigli

  224. Liviu Scrive:

    Buon giorno dottoresa io ho la figlia di 2 ani e mezzo che da 2 mesi e stata diagnosticata con diabete di tipo 1 visto che la zucca si dice che puo riparare le celule del pancreas lei se lo mangia potrebe avere questo risultato e guarire dal diabete anche perche da tre giorni abiamo smeso di fare l insulina e fin adeso la glicemia non sie alzata grazie…

  225. Elisabetta Scrive:

    Salve, cercando info per provare a dimagrire un pò in maniera naturale, ho trovato nel suo articolo dei consigli davvero utili e la giusta spiegazione. E’ importante conoscere per fare e fare bene!!! Complimenti per la sua chiarezza e efficacia, intesa come piuttosto semplice, breve e diretta.
    Leggendo ho capito come un alto livello di insulina nel sangue porti all’aumento di peso e che al contrario aumentando la produzione di gh è possibile stimolare il dimagrimento, è vero? quali cibi nel caso possono aiutare l’aumento di secrezione di questo ormone? Grazie

  226. lucia Scrive:

    ho colesterolo e diabete alto posso mangiare cocco fresco ? grazie

  227. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Rosina per consigli personali devi rivolgerti ad uno specialista

  228. Silvia trevaini Scrive:

    Ciao Lucia. Si la Noce di cocco fa bene contro il diabete.

  229. Luciano 70 Scrive:

    Buonasera dott.ssa ho 44 anni circa 2 anni fa’ a causa di un forte mal di schiena il mio ortopedico mi ha ordinato una cura, subito dopo ho iniziato ad avere dei problemi,avevo tanta sete e urinavo spesso, allora decisi di fare un controllo, e trovai i valori sballati, tricliceridi , colesterolo e glicemia alti. Oggi con la dieta riesco a tenere il colesterolo e tricliceridi nella norma, mentre la glicemia dopo mangiato mi arriva tra 110 e 160 dipende da cosa mangio in quel momento.
    La mia domanda e: sono stati i farmaci a causare questo,oppure doveva succedere lo stesso?

  230. Nico Scrive:

    Sarebbe utile che questa trattazione fosse ampliata prendendo in considerazione l’indice insulinico

  231. Livio Scrive:

    Buongiorno

    Per far si che la glicemia non aumenti al posto dello zucchero bianco cosa posso utilizzare sempre che questo nuovo prodotto non aumenti altri valori tipo colesterolo, trigliceridi o altro ?

    Grazie

  232. Arianna Scrive:

    Buongiorno, vorrei se possibile un parere:
    sono iperinsulinemica, prendo 3 metformine da 500 al giorno, e più passa il tempo più si alza la glicemia. Ieri ho mangiato nella giornata troppi carboidrati (cornetto e cappuccino, pomodoro con il riso con patate e verdura, una rosettina di pane, un cornetto gelato poi finalmente la sera mi sono limitata e ho mangiato zucchine ripiene di carne..)
    Stamattina, dopo colazione con latte e 7 biscotti, per la prima volta dopo 2 ore ho avuto la glicemia a 203, non l’avevo mai avuta. La domanda è… ècolpa di tutto quello che ho mangiato ieri che si è accumulato o solo dei biscotti? Grazie se vorrà rispondere

  233. umberto Scrive:

    Salve Dottoressa, ho 60 anni e le chiedo di concedermi dei consigli che molti diabetologi non chiariscono, tengo a precisare che la metformina da 850 non mi fa nulla, e i miei medici si ostinano a prescrivermela, ma notata l’inefficienza non l’assumo più, i risultati nell’abbassare 50 punti dei valori glicemici li ottengo salendo e scendendo le scale arrivando a coprire con le pause di 30 minuti 27 piani, il problema nasce che inizio 10 minuti dopo il pranzo o la cena con cibo e quindi credo di rovinarmi la digestione.

    Vorrei sapere quale valore glicemico inizia a depositare gli zuccheri agli organi per poi danneggiarli?

    Dopo quanto tempo l’assunzione di cibo, gli zuccheri iniziano a depositarsi negli organi?

    Il diabete di tipo 2 si può tenere a bada con il solo esercizio fisico e senza farmaci?

    L’esercizio fisico iniziato dopo 3 ore dal pasto, riesce a riprendere lo zucchero pericoloso già depositato negli organi per poterlo donare in positivo ai muscoli? in quanto si dice che, l’esercizio fisico fa eseguito a digestione completata.
    La ringrazio vivamente e rimango in attesa

  234. belinda Scrive:

    Buongiorno io volevo solo sapere se per iperinsulinismo va bene dieta iperproteica ma priva di pasta pane e frutta . Grazie mille

  235. belinda Scrive:

    O se si può sostituire sempre lo yogurt magro alla frutta per 3 volte al di al posto della frutta stessa.

  236. umberto Scrive:

    IN SOSTITUZIONE ALLA DOMANDA CHE HO FATTO IN PRECEDENZA

    Chiedo umilmente la cortesia di avere una risposta celere, in quanto a ciò che mi sta capitando in altre occasioni di routine sanitarie, che di norma ci sono le solite lungaggini dovute al sistema assistenziale mutuabile con l’esenzione ticket, e di essere trascurato nel non potermi rivolgere ai medici a pagamento

    Salve Dottoressa, ho 60 anni e le chiedo di concedermi dei consigli che molti diabetologi non chiariscono nei dettagli, oppure mi fanno capire non importanti. Tengo a precisare che la metformina da 850 non mi fa nulla, il valore glicemico sale ad oltre 220 nonostante faccio un pasto di 50 gr. di semi di cereali integrali tipo farro, avena, orzo e 50 gr di secondo, più verdure, ma i miei medici nonostante gli chiarisco l’inefficacia del farmaco si ostinano a ri-prescrivermelo, però notata l’inefficienza della metformina non l’assumo più. I risultati nell’abbassare 50 o 60 punti i valori glicemici li ottengo salendo e scendendo le scale arrivando a coprire con delle pause di 30 minuti e frazionare 27 piani ogni fine pasto, il problema nasce che inizio 10 minuti dopo il pranzo o la cena con il cibo che mi appesantisce, quindi credo di rovinarmi la digestione, oltre al fatto che quando sto poco bene non faccio l’esercizio fisico e non so come rimediare alla glicemia, perciò se Lei Dottoressa mi può consigliare un farmaco più efficace.

    In oltre le sarei molto riconoscente se Lei mi risponde ai seguenti quesiti:

    Vorrei sapere quale valore glicemico inizia a depositare gli zuccheri agli organi per poi danneggiarli?

    Dopo quanto tempo l’assunzione di cibo, gli zuccheri iniziano a depositarsi negli organi?

    Il diabete di tipo 2 si può tenere a bada con il solo esercizio fisico e senza farmaci?

    L’esercizio fisico iniziato dopo 3 ore dal pasto riesce a riprendere lo zucchero pericoloso per poterlo donare in positivo ai muscoli, visto che già dopo 40 minuti dal pasto sale già oltre 180 e che quindi penso che è già depositato negli organi vitali? in quanto si dice che, l’esercizio fisico va eseguito a digestione completata, ma nel frattempo i valori glicemici superano i 220
    .
    La ringrazio vivamente e rimango in attesa

    .

  237. silvia trevaini Scrive:

    Buongiono Umberto, non sono un medico e non posso dare consigli personali e specialistici. Ho letto con attenzione le tue domande e devi pretendere che il medico che ti segue risponda ad ogni tua domanda, senza lasciarti nessun dubbio. So che spesso quando si ha una malattia che non ti fa vivere serenamente si provano tutte le strade. Ma l’unico consiglio che ti posso dare è di farti seguire da uno specialista. Per il resto sono sempre a tua disposizione per qualsiasi domanda non medica e non personale. Grazie. A presto

  238. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Belinda, per qualsiasi prescrizione ti devi rivolgere ad un dietologo. Non ci si può affidare al fai da te quando si ha una patologia

  239. serenella Scrive:

    mangio di tutto ma e bassissima

  240. Mario Scrive:

    Ciao dottoressa,
    sono un uomo di 41 anni, un po in sovrappeso e ultimamente mi ammalo spesso, tanto che il mio medico mi ha consigliato di fare delle analisi. Alcuni valori sono risultati alterati:Glicemia 119- trgliceridi181-Colesterolo totale 255-Ves 48-Globuli bianchi(wbc) 17.8- Linfociti 19.2-Albumina50.4_Alpha2 12.9-Beta 14.3.
    Premetto che al momento del prelievo avevo febbre e mal di gola.
    Secondo il mio medico si potrebbe trattare di un inizio di diabete.Vorrei gentilmente un suo parere a riguardo. Grazie
    Cordiali saluti
    Mario

  241. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Mario, non do consigli medici e personali. Posso solo consigliarti di rivolgerti ad uno specialista. A presto.

  242. pino Scrive:

    dr.ssa trevaini, mio padre è diabetico, iperteso, sovrappeso,stitico. ho provato a dare a colazione latte fibresse+all braun classico senza cioccolata, miele, frutta secca. Ma la glicemia è salita a 260!
    cosa posso dare con il latte per evitare impennate glicemiche? grazie

  243. antonio Scrive:

    Grazie dottoressa, consigli molto interessanti. Le variazioni che dovrò apportare alla mia colazione e alla mia cena sono perseguibili. Ma per un pranzo di chi lavora in ufficio dalle 8 alle 17, con un’ora di pausa, Lei può darmi un consiglio? Grazie.

  244. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Pino, per qualsiasi dubbio che hai sull’alimentazione di tuo padre, chiedi al medico che lo ha in cura. Ti darà tutti gli strumenti per seguirlo nel modo migliore.

  245. silvia trevaini Scrive:

    Ciao Antonio, ti posso solo consigliare di variare ogni giorno il tuo pranzo e di scegliere i cibi a basso indice glicemico e abbinarli sempre ad un abbondante piatto di verdure.

  246. Laura Scrive:

    Gentile Silvia, sono Laura sto facendo una dieta povera di carboidrati, anzi quasi del tutto tolti, non mangio pane e non mangio pasta, ma da due settimane non perdo peso anche se mi vedo piu’ magra la mia erborista dice che dipende dalle zucchine bollite che si trasformano in zuccheri e alzano indice glicemico e non mi fanno dimagrire, io mangio grandi quantità quotidianamente di verdura sia cotta che fresca…cosa devo fare, togliere le zucchine bollite, bloccano il dimagrimento?

  247. carlo Scrive:

    Gentile Dottoressa,
    complimenti per la rubrica, molto interessante, come le risposte alle tante domande.
    Mi chiedevo se, per dimagrire, è utile mangiare cibi ad alto contenuto glicemico solo la mattina (se si fino a che ora) medio al pomeriggio e basso la sera.
    Grazie e a presto.

  248. carmela Scrive:

    Gent.dott.ssa mi chiamo carmela e ho 20 ann e sono un pochino in sovrappesoi.nell ultimo prelievo effettuato i valori sono risultati :glicemia 100 ferro 55 e la tiroide .pertanto sto cercando di compilare una lista di prodotti poveri di zucchero ma ricchi di ferro. cosa mi consiglia?

  249. Cinzia Scrive:

    Gentile dottoressa, ho il diabete gestazionale ( anche per questa seconda gravidanza). Mentre per il primo bimbo controllavo bene i valori con la dieta, con la seconda ho sempre valori alti a digiuno prima di colazione ( alla sera due ore dopo cena sono giusti). La mia ginecologa mi consiglia di mangiare una mela verso le 23 perché forse sono troppe le ore di digiuno notturne. Così per qualche gg e poi di farle sapere. L’alternativa è l’insulina. Cosa ne pensa? Come posso evitare l’insulina? Grazie. Cinzia

  250. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Laura, le zucchine bollite non fanno ingrassare. Non esagerare con le quantità di verdura e frutta perché possono creare fermentazione, ma di sicuro non ingrassano.

  251. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Carmela, il medico che ti Segue deve dirti cosa é piú indicato per te.

  252. Teresa Scrive:

    Gentilissima Dottoressa sono diabetica ho 64 anni e faccio insulina, ho letto che una persona diabetica non può consumare zenzero. Mi sa dire perchè? E’ una spezia che a me piace. Grazie per la risposta.

  253. Silvia Trevaini Scrive:

    Ciao Teresa, lo zenzero al contrario da quello che hai letto , va bene per chi è diabetico. Ingrediente base della cucina orientale, Lo zenzero è una spezia nota anche per le sue proprietà salutistiche. La scoperta più recente viene da uno studio che attribuisce allo zenzero la capacità di influire sul metabolismo degli zuccheri, arginando il rischio di diabete. Una spolverizzata di zenzero può aggiungere una nota aromatica alle carni e rendere piacevolmente esotica la più scialba delle insalate. A presto

  254. Francesco Dolo Scrive:

    Gentile Dottoressa
    questa mattina mi sono sottoposto a degli esami richiesti dall’endocrinologa che mi segue da vari anni per un adenoma ipofisario prolattino-secernente. Nell’ultimo incontro avuto con lo specialista tra le varie cose ha richiesto anche un esame per verificare il rapporto tra glicemia ed insulina facendo seguito ad una mia richiesta sul perché non riesco a dimagrire e il mio peso è sempre tra 86/87 kg. La mia domanda è capire cosa mi sia successo dopo l’assunzione di uno sciroppo, il Glucorange. Dopo qualche minuto ho sentito una necessità fortissima di chiudere gli occhi, una pesantezza alla testa e un sonno spaventoso. Mi sono ripreso solo due ore dopo e per tutta la giornata ho avuto mal di testa e una sensazione di stanchezza e sonno. L’infermiera mi ha detto che ho avuto un coma diabetico a livello basso. Cosa mi è successo e cosa significa tutto ciò in rapporto alla ricerca del collegamento tra glicemia e insulina? Grazie

  255. Sergio Scrive:

    Volevo sapere se i Fichi d’India sono indicati per il diabetico. Grazie

  256. giovanna Bettassa Scrive:

    Sono giovanna Avrei bisogno di alcuni consigli sono diabetica faccio 4 insuline al giorno abbastanza controllata seguofermamente la dieta pasta e verduvra a pranzo proteine e verdura a cena una mela al giorno ma continuo ad ingrassare come posso fare per perdere peso?

Lascia un Commento

Current ye@r *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.