Ai bimbi diamo cibo per la mente

La fine della scuola è ormai alle porte, ma la stanchezza la fa apparire un traguardo lontano. I bambini sono impegnati ancora con verifiche e interrogazioni. Ma dopo un inverno durante il quale sono stati bersagliati da numerosi virus, che hanno impegnato non poco il loro sistema immunitario, i bambini si sentono già con le pile scariche. Con un po’ di organizzazione, zero distrazioni al momento dei compiti e soprattutto con l’alimentazione giusta, possiamo aiutare i nostri bambini ad affrontare bene questi ultimi giorni di scuola e di studio. Che il cibo faccia bene alla mente non è un luogo comune. La dieta giusta aiuta le capacità cognitive del nostro bambino. La salute del cervello dei bambini infatti comincia a tavola.

Per funzionare al meglio delle sue possibilità, il cervello dei bambini necessita di due condizioni essenziali: uno stile di vita sano e un’alimentazione bilanciata e varia. Tutti i neurotrasmettitori (le sostanze che permettono la comunicazione tra le cellule cerebrali) vengono costruiti a partire da elementi essenziali introdotti col cibo. Mentre in inverno portiamo in tavola cibi più ricchi di proteine animali e grassi, a maggio dobbiamo scegliere alimenti che nutrono il cervello, senza appesantire la digestione.

GLI ALIMENTI PER UNA MENTE BRILLANTE
Esistono sostanze nutritive che aumentano le attività neuronali e la loro connessione nel cervello, facilitando così l’aumento della concentrazione e della memoria

Salmone e alici
I grassi del pesce azzurro ( sardine, alici, sarde, sgombri) e del salmone fresco sono pregiati grassi polinsaturi, conosciuti come Omega 3.

Noci e mandorle
Le vitamine E e B6 e gli Omega 3 rendono le noci un’ottima fonte di nutrimento per il sistema nervoso. Anche le mandorle contengono magnesio e acido linoleico che aiutano la memoria.

Semi di girasole
I semi di girasole contengono tiamina, un’importante vitamina B, che aumenta memoria e funzione cognitiva. Utili anche i semi di zucca in cui sono presenti zinco, vitamina A ed E e Omega 3. Lo zinco, in particolare, svolge un ruolo fondamentale sulla memoria.

Cioccolato
Il cioccolato fondente ha proprietà antiossidanti naturali flavonoidi, sostanze che potenziano attenzione e buonumore. Inoltre migliorano l’apporto di sangue al cervello e aumentano le sostanze cognitive.

Tuorlo d’uovo
Le uova sono una preziosa fonte di proteine di alta qualità e sono ricche di vitamine e minerali.
Contengono un nutriente, la colina, che rafforza la memoria centrale.

I cereali integrali
Il kamut e il grano saraceno, può essere di sostegno per ricaricare l’organismo. Ricchi di proteine, vitamine e oligoelementi, questi cereali, a basso indice glicemico, garantiscono il giusto apporto di energia al cervello dei bambini. Avena e orzo, che contengono sostanze, come vitamine, oligoelementi e aminoacidi sono in grado di agire su cervello, alzando il tono dell’umore. Con il miglio si da una scossa alla memoria dei bambini.
Il consumo quotidiano e bilanciato di cereali può condizionare positivamente la memoria dei nostri bambini, aiutandoli a migliorare le loro performance scolastiche. Il miglio, digeribile ed energizzante, è un ottimo alleato del cervello perché molto ricco di nutrienti importanti come le vitamine A, PP e quelle preziose del gruppo B, il ferro ma soprattutto il fosforo, un sale minerale essenziale per i processi memonici.

I RIMEDI OLIGOTERAPICI
I rimedi oligoterapici più utili per aiutare la memoria, soprattutto con l’avvicinarsi della fine della scuola, sono Fosforo, una dose 3 volte la settimana da associare a Magnesio, sempre una dose per 3 volte la settimana. Manganese- Rame è il rimedio per i bambini che apprendono con lentezza. Si fanno cicli di due mesi somministrando una dose 3 volte alla settimana.

NO AL CIBO SPAZZATURA
Oltre ad alimenti che sviluppano le capacità intellettive, esistono anche cibi in grado di limitarne lo sviluppo. Patatine, hamburger e snack possono influenzare negativamente la crescita cerebrale del bambino. Bisogna ridurre i grassi idrogenati. Un consumo eccessivo di queste sostanze, abbinate ad additivi e zuccheri semplici, può ripercuotersi sul cervello, intossicandolo.

Silvia Trevaini

Newsmediaset

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Ai bimbi diamo cibo per la mente

  1. ..ho passato le ultime ore a leggere la maggior parte dei tuoi articoli,
    dai primi con i quali ho sperimentato la tua competenza e professionalità che devo confermare ancora ancora e ancora, l’ultimo a me utile è proprio questo…da Settembre 2011 la scuola dei miei ragazzi ha introdotto una regola che vieta ciò che tu chiami “cibo spazzatura” e applicando questa regola anche tra le mura di casa devo dire che non solo i miei due ragazzi rispondo meglio e risultano piu attivi psicologicamente e fisicamente ma li vedo più predisposti al sorriso, ad essere collaborativi etc…da oggi metterò in pratica anche tutti gli altri tuoi consigli in merito e come al solito
    Grazie per i tuoi articoli..tutti
    con affetto ed ammirazione il tuo primo lettore 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *