Vinci secchezza della pelle e couperose con l’olio di palmarosa

pelle

Quest’unguento naturale e nutriente preserva l’epidermide dagli effetti irritanti di vento, smog e riscaldamenti domestici: ecco come utilizzarlo

Se d’estate siamo tutti ben coscienti della necessità di proteggere la pelle dal sole ardente, troppo spesso tendiamo a sottovalutare gli effetti negativi che freddo, umidità e smog esercitano sulle difese della cute. I fattori che possono causare seri danni alla nostra pelle sono vari e numerosi: da una parte, il freddo provoca un brusco restringimento dei vasi sanguigni, diminuendo l’ossigenazione e l’apporto nutritivo alle cellule epiteliali, con conseguente perdita di idratazione e indebolimento dello strato lipidico che protegge la cute dagli attacchi esterni. Dall’altra il continuo passaggio dall’aria secca e calda di uffici e abitazioni a quella fredda, umida e inquinata delle città
costituisce un importante fattore di stress ossidativo, che oltre a disseccare la pelle – causandone l’invecchiamento precoce – favorisce la comparsa o l’aggravamento di arrossamenti, desquamazione, irritazioni come la couperose e dermatiti come la rosacea.

Palmarosa, uno scudo antifreddo per la tua pelle

Nei soggetti predisposti poi l’esposizione prolungata al freddo può portare alla comparsa di “geloni” a mani e piedi, caratterizzati da gonfiore e vistoso arrossamento che, pur non essendo pericolosi, sono comunque dolorosi e lenti a guarire. Per proteggere la pelle da questi problemi possiamo fare ricorso all’aiuto dell’olio essenziale di palmarosa. La sua essenza dall’aroma di rose e frutta ha una notevole azione eudermica, emolliente, cicatrizzante e sfiammante: oltre a stimolare la circolazione epidermica modula l’attività delle ghiandole sebacee, rivitalizza le cellule cutanee e previene le rughe.

Come si usa l’olio di palmarosa

Se la tua pelle reagisce male al freddo, alla sera diluisci 8 gocce di olio essenziale di palmarosa in
2 cucchiai di olio di calendula e distribuiscilo delicatamente sulle zone irritate del viso con un massaggio a sfioramento, fino a farlo assorbire.

 

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Bellezza e Benessere su Riza.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *