Con l’edera attacchi i cuscinetti “profondi”

donna-edera

I trattamenti a base di questa pianta rampicante sono in grado di sciogliere anche gli accumuli di adipe più induriti e “ostinati”… 

 

L’edera è un’elegante pianta rampicante che racchiude preziose qualità cosmetiche per combattere gli inestetismi che colpiscono le gambe, legati a infiammazioni, accumuli di tossine e stasi circolatoria. Il nome dell’edera deriva dal verbo latino “haerere”, cioè “stare attaccato”: l’edera, aderisce con grande tenacia ed energia ai vecchi muri e agli alberi, e con lo stesso vigore attacca la buccia d’arancia più ostinata, caratterizzata da noduli sgranati e dolorosi al tatto.

 

L’edera drena, leviga e tonifica

Il fitocomplesso dell’edera è ricco di flavonoidi, che disinfiammano i tessuti e svolgono un’azione lenitiva, e di saponine, che tonificano i vasi sanguigni, rivitalizzandoli e rendendo più efficiente il ricambio circolatorio. Questo insieme di proprietà fa dell’edera un ottimo rimedio per ricompattare i tessuti degli arti inferiori e sciogliere i cuscinetti. L’edera è uno dei fitoterapici più validi per eliminare soprattutto la cellulite ostinata e granulosa, quella di meno recente formazione. Al contempo, grazie alla sua azione drenante e antiflogistica, questa pianta è indispensabile per evitare la comparsa o il peggioramento di questo disturbo. I noduli visibili sulla pelle di cosce e glutei sono legati a un processo infiammatorio avanzato, che coinvolge i tessuti cutanei. Quando il sistema di drenaggio non funziona bene, l’eccesso di tossine può creare accumuli di liquidi e grasso e fa gonfiare le cellule adipose. I tessuti così s’infiammano e i cuscinetti peggiorano, diventando evidenti anche senza bisogno di “strizzare” le zone interessate. Inoltre, l’edera facilita gli scambi metabolici del tessuto adiposo, purificandolo dalle tossine, contrastando le infiammazioni e favorendo il riassorbimento dei liquidi sottocutanei.

 

Spazza via anche i ristagni dovuti agli ormoni

Le caratteristiche tonificanti e vasocostrittive dell’edera sono utili soprattutto nel periodo estivo, per purificare a fondo il derma e prevenire cedimenti venosi favoriti dal caldo. I suoi principi attivi, tonificano e proteggono le pareti dei capillari, rendendo più efficiente il drenaggio linfatico e riducendo la formazione di edemi; inoltre, combattono efficacemente la vasodilatazione e la congestione dei tessuti, che sono l’anticamera della cellulite. Infine, i trattamenti all’edera contrastano anche il gonfi ore che si manifesta o peggiora prima del ciclo oppure in menopausa ed è dovuto alle alterazioni dei normali dosaggi ormonali.

 

Come si utilizza

L’edera si può usare sotto forma di estratto fluido oppure di tintura madre, ma è possibile utilizzare direttamente anche le foglie fresche della pianta, che si raccolgono in campagna o dalle piante che crescono in vaso sul terrazzo.

 

L’impacco che toglie le granulosità

Per eliminare le infiammazioni con un’azione profonda, fai bollire per 15 minuti una tazza di foglie di edera in un litro d’acqua. Lascia raffreddare completamente e imbevi delle compresse di cotone, che applicherai poi sui tessuti infiammati. Ripeti 2 volte al giorno per un mese.

 

Il massaggio per ricompattare la pelle

Completa il trattamento precedente con un massaggio super tonificante. Mescola 3 cucchiai di olio di germe di grano con 15 gocce di estratto glicolico di edera e 10 gocce di estratto glicolico di ippocastano ed esegui dei massaggi con questo unguento, dal basso verso l’alto

 

L’oleolito ti aiuta a sgonfiare cosce e polpacci

Trita sottilmente 300 g di foglie di edera, poi immergile in un litro di olio di mandorle, e versalo in un barattolo. Sigilla il tutto e lascia riposare in un luogo buio per un mese, agitando ogni giorno. Filtra l’oleolito e usalo come olio per il massaggio quotidiano su caviglie, gambe, cosce e glutei.

Il cataplasma di foglie e olio di limone attiva il microcircolo

Trita una tazza di foglie di edera, poi passale nel frullatore fino a ottenere una crema che spalmerai sui punti critici, avvolgendo la pelle con la pellicola trasparente. Lascia in posa per 20 minuti, poi sciacqua. A questo punto, idrata le gambe con la tua crema abituale, arricchita con 10 gocce di estratto fluido (oppure di tintura madre) di edera e 2 gocce di olio essenziale di limone.

 

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Benessere, Bellezza e Oli Essenziali su Riza.it.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *