Tutti i benefici delle uova

Grazie al loro forte potere antiossidante, le uova sono alleate molto preziose del nostro organismo. Contengono nutrienti essenziali come zinco e ferro e apportano vitamina A, fondamentale per rafforzare il sistema immunitario e per la vista, ma utile anche per la sua funzione anti-età capace di restituire luminosità a pelle e capelli. Eppure su questo importante alimento regnano convinzioni contrastanti che, periodicamente, influiscono sulle scelte dei consumatori: a chi ne riconosce le virtù di cibo sano e a basso costo si oppone il fronte di chi le considera tra gli alimenti più ricchi di colesterolo. Alla fine, nel dubbio, si rischia di escluderle dalla propria dieta. Chi ha ragione?

Secondo un recente studio universitario pubblicato dalla rivista medica on line Nutrients, non solo le uova non influenzano negativamente il proprio lipidico, ma sembrano in alcuni casi addirittura in grado di apportare benefici sulla salute cardiovascolare. Il suggerimento è inserirle due o tre volte a settimana all’interno di un menu bilanciato, per diversificare i nutrienti. Meglio ancora se nella prima colazione. Il contenuto di colesterolo in un uovo è, infatti, presente solo in quantità moderate e i grassi, composti da un’alta percentuale di omega 3 e omega 6, danno grossi benefici all’organismo nella prevenzione dell’ipertensione e come antinfiammatori. La presenza di acido folico, vitamina B6 e B12, calcio, magnesio, fosforo e potassio, aiuta, inoltre, a ritardare l’insorgenza di malattie degenerative. Ma c’è un’ulteriore buona notizia che arriva da una recente ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Advances in Food and Nutrition Research: le proteine dell’uovo contengono un peptide ( composto da molecole di amminoacidi) chiamato YPEP, utile nella prevenzione dell’osteoporosi. E se è ormai assodato che la salute delle ossa tragga giovamento dal consumo di uova, fonte di vitamina D, anche i muscoli ringraziano, perché la quantità di amminoacidi contenuti in questo alimento ne migliorano il tono, che tende a diminuire fisiologicamente dopo i 40 anni, complice uno stile di vita sedentario. In sintesi, le uova sono un alimento buono, economico, amico della salute e dell’età, oltre che un autentico jolly in cucina. Da riscoprire con gusto

Come e quando consumare le uova

L’uovo è altamente digeribile, perché le sue sostanze vengono utilizzate dall’organismo al 95%, una percentuale molto alta se paragonata alle possibilità di assimilazione di altri alimenti. Il modo migliore per sfruttarne appieno le proprietà è quello di consumarle alla coque. Se si ha la certezza che l’uovo è di giornata, se ne può consumare il tuorlo crudo. L’albume, invece, va sempre cotto per essere assimilato, infatti contiene una sostanza, l’avidina, che, se l’albume viene consumato crudo, ne impedisce il completo utilizzo da parte dell’organismo.L’uovo è visto con sospetto da molte persone per il suo contenuto in colesterolo, che è attorno ai 270 mg. I grassi costituiscono circa il 10% del contenuto dell’uovo. Di questi il 70% sono lecitine, necessarie per mantenere l’elasticità delle arterie. Il guscio dell’uovo è costituito per il 90% da carbonato di calcio, che polverizzato può essere assunto come rimineralizzante. A tale scopo si utilizza il guscio di un uovo cotto sodo o alla coque. Molte persone ritengono che l’uovo faccia male al fegato. La sua cattiva fama è dovuta al fatto che stimola la produzione di colecistochinina, una sostanza che fa contrarre la vescichetta biliare. Se all’interno di questa sono presenti calcoli, la contrazione della vescichetta provoca dolori. L’uovo quindi non è in sé responsabile del disturbo, piuttosto dà un segnale di allarme che avverte della presenza del problema.

trevaini50Silvia Trevaini

VideoNews

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *