5 rimedi contro la stanchezza dei cambi stagionali

A ridosso dei cambi di stagione è frequente essere colti da una profonda stanchezza. Un senso di spossatezza e di debolezza ci accompagna lungo tutto il corso della giornata, facciamo fatica ad alzarci dal letto la mattina e la sera non riusciamo a fare altro che stare sdraiati sul divano in preda a una forte sonnolenza.
Insomma ci sentiamo poco energici e poco dinamici.

Questo capita perchè durante i cambi stagionali il corpo vive un periodo di stress a causa dell’adattamento al nuovo clima e alla nuova quantità di luce solare a cui è esposto. Vediamo quali sono i rimedi più efficaci per aiutare il nostro organismo a ritrovare energia e freschezza anche in queste fasi dell’anno.

Continua a leggere

5 rimedi naturali contro i funghi

I funghi, o micosi, si manifestano sotto forma di prurito, bruciore, arrossamenti, desquamazioni degli strati superficiali della cute.

Si tratta di parassiti dermatofiti che si nutrono di materiale cheratinico (presente nei peli, nelle unghie e nella pelle) e provocano un’infezione micotica.

Più comunemente attaccano le aree della pelle della pianta o tra le dita dei piedi.

I funghi si presentano spesso in seguito a un calo delle difese immunitarie e sono favoriti dal permanere della cute in un ambiente umido: per questo è un disturbo diffuso tra gli sportivi o tra chi frequenta le piscine.

Quindi per prevenire i funghi è importante asciugare sempre la cute in modo corretto.

Quando si si presenta un fungo è consigliabile evitare di grattare e intraprendere subito una terapia da seguire con costanza assiduamente: i funghi sono difficili da debellare e conviene  evitare che l’infezione micotica si espanda poiché diventerebbe più difficile da intervenire.

Continua a leggere

Pressione bassa: scopri i rimedi naturali

La pressione bassa è un calo della pressione del sangue all’interno delle arterie. Può
capitare di soffrire di cali di pressione soprattutto in alcune fasi dell’anno, per esempio in
prossimità dei cambi di stagione o in momenti di stress intenso.
Ma la pressione bassa può essere dovuta anche a un’alimentazione scorretta, per esempio povera di minerali, o alla disidratazione.
Si tratta di un calo della pressione arteriosa a riposo al di sotto dei canoni che vengono
considerati normali (in un individuo adulto sono intorno 120(p. sistolica)/80(p. diastolica)
mmHg).
La pressione arteriosa dipende dalla forza di contrazione del cuore e dall’elasticità delle
pareti delle arterie.
La bassa pressione si manifesta sotto forma di stanchezza, spossatezza, debolezza
generalizzata, vertigini, senso di svenimento, capogiro, stordimento, confusione mentale.
E’ bene consultare immediatamente un medico, poichè l’ipotensione può essere l’indicatore di disturbi più profondi e più pericolosi per la salute dell’organismo.
Ma se la pressione bassa è essere dovuta a una carenza minerale nel corpo, a una carenza di liquidi o alla fatica legata a un periodo particolare è utile far ricorso ai rimedi giusti per stare subito meglio.
E’ bene tenere presente che il principale fattore che determina i cali di pressione è
l’alimentazione, che dev’essere bilanciata e fornire al corpo i minerali e le vitamine
necessarie allo svolgimento delle proprie funzioni metaboliche. In particolare bisogna
ricordarsi di rifornire sempre il corpo di sodio, potassio, ferro e vitamina C.

Continua a leggere

Zenzero: 4 benefici sulla salute

Lo zenzero è una piantina erbacea originaria delle regioni tropicali dell’Asia. La radice di questa pianta viene da sempre utilizzata per insaporire diversi tipi di ricette grazie all’aroma intenso che apporta ad ogni pietanza; ma ciò che rende lo zenzero davvero speciale è l’elevatissima concentrazione di virtù benefiche per la nostra salute che ha fatto sì che se ne facesse un ampio uso terapeutico fin dai tempi antichi.

Lo zenzero è da sempre una delle piante officinali più utilizzate dalla medicina cinese per curare molti tipi di disturbi.

Il sapore piccante dello zenzero è dovuto proprio alla sua ricchezza in gingerolo, una sostanza miracolosa dall’elevato potere antiossidante e in grado di alleviare le infiammazioni.

Le modalità migliori per estrarre il massimo dei benefici da questa pianta è la radice fresca in infusione o da tenere in bocca per succhiarne il prodigioso succo.

Continua a leggere

Mal di testa: 5 idee naturali per farlo passare in fretta

Il mal di testa è un disturbo molto fastidioso, che spesso impedisce di svolgere le regolari attività quotidiane, costringendoci a letto e al buio. Molte persone soffrono di mal di testa cronici, che possono essere causati da un’alimentazione scorretta, dallo stress o dall’eccessivo numero di ore trascorse davanti al computer in ufficio.

Il dolore può essere così intenso da diventare insopportabile e spesso si è costretti a far ricorso a farmaci che attenuano il disagio ma che non sono privi di effetti collaterali per l’organismo.

Continua a leggere

Raffreddore: 6 rimedi per respirare bene

Il raffreddore è un’infiammazione della mucosa nasale che può avere un’origine batterica o virale. Esistono molti rimedi che possono aiutarci ad alleviare i sintomi di questo disturbo e ad accelerare la guarigione. Vediamo quali sono!

Infuso all’eucalipto
Contro il raffreddore uno dei rimedi da sempre più usati sono le foglie d’eucalipto. Versate 20 g di foglie essiccate di eucalipto in un litro d’acqua bollente e lasciate in infusione per un quarto d’ora. Filtate e versate l’infuso in un termos in modo da poterlo bere caldo durante tutto il corso della giornata. L’eucalipto è ricco di un olio essenziale balsamico che è molto efficace contro le infezioni delle vie respiratorie e che allevia subito i sintomi dell’infiammazione.

Suffumigi all’eucalipto
L’eucalipto può essere utilizzato anche per un suffumigi che lenisca l’irritazione delle vie aeree e liberi il naso. La fumigazione permette di far agire l’olio essenziale di eucalipto direttamente sulla mucosa nasale. Fate bollire per 10 minuti in un litro d’acqua una manciata di foglie essiccate di eucalipto coprendo la pentola con un coperchio. Togliete la pentola dal fuoco e ponete la testa sopra di essa. Tenete un asciugamano sopra la testa e intorno alla pentola in modo da evitare di disperdere il vapore.

Camomilla
Contro il raffreddore potete servirvi anche della classica tisana di camomilla. In 25 cl d’acqua bollente versate due cucchiai di fiori di camomilla. Lasciate in infusione 10 minuti, filtrate e bevete l’infuso caldo: per rendere il rimedio ancora più gustoso e più efficace aggiungete un cucchiaio di miele. La camomilla è dotata di grandi proprietà antinfiammatorie, antispasmodiche e calmanti. Rilassa e favorisce il sonno: per questo è un rimedio particolarmente utile quando il raffreddore ci impedisce di dormire.

Nepeta cataria
La nepeta cataria, comunemente nota con il nome di erba gatta, è molto preziosa nei mesi invernali per proteggersi dal raffreddore. Mettete un cucchiaio di fiori essiccati di nepeta cataria in una tazza di acqua bollente. Lasciate in infusione 10 minuti, quindi filtrate e bevete. Questo rimedio è più efficace se assunto con regolarità: 2 o 3 volte a stomaco vuoto nel corso della giornata.
L’erba gatta è ricchissima di principi attivi che fungono da antisettici delle vie respiratorie. Inoltre questo rimedio è in grado di stimolare la sudorazione, abbassando la febbre qualora si presentasse. E’ da usare alla comparsa dei primi sintomi.

Continua a leggere