A tavola non si ingrassa. Prova i nostri menu e vedrai che risultati!

Mangiare bene, cambiare i sapori, dare la preferenza ai cibi di stagione, preparare da soli i propri piatti senza sacrificare ore in cucina, abituarsi a non coprire i sapori ma a esaltarli. Tutte regole di un mangiare sano e appagante a cui abbiamo aggiunto un ingrediente speciale: cibi che risvegliano il metabolismo e apportano sostanze utili a ridurre la massa grassa a beneficio di quella magra.
I menu qui riportati sono di 1200 kcal circa e gli ingredienti sono per una persona.
Buon appetito!

Menu all’ananas

Un regime alimentare piacevole da seguire per soli tre giorni a settimana per un mese. Fresco, gustoso, ricco di vitamine e proteine, depurativo e sgonfiante, ti permette di eliminare il grasso accumulato. Il “motore” dietetico di questo programma è la bromelina, un enzima contenuto nell’ananas che favorisce la digestione delle proteine e combatte le infiammazioni, comprese quelle della cellulite. Con un meraviglioso effetto “collaterale”, quello di regalare una pelle liscia e splendente. Una avvertenza: per ananas si intende sempre e solo il frutto fresco, non quello inscatolato.
È sconsigliato unicamente alle persone che hanno problemi di colite, oltre, ovviamente, a chi è intollerante a questo frutto.

Primo giorno

Colazione
•1 bicchiere di acqua tiepida
•1 fetta di ananas
•1 kiwi
•1 arancia
•1 caffè d’orzo

Spuntino
•1 tazza di tisana alla betulla (20g di foglie di betulla, 15g di centella asiatica, 15g di fiori e brattee di tiglio). Bollire un cucchiaio di preparato in un quarto di litro d’acqua per 15  minuti, poi filtrare. Questa dose è sufficiente per due tazze.

Pranzo
•180g di spiedini di pollo al forno
•1 cespo medio di radicchio rosso al forno
•2 fette di pane tostato
•1 fetta di ananas

Merenda
•1 fetta di ananas
•1 yogurt

Cena
•Zuppa di verdure (cavolo verza, bietole, porri, carote, sedano)
•2 uova alla coque
•1 grande melanzana grigliata
•1 panino
•1 fetta di ananas

Ricetta

Spiedini di pollo

Tagliare a cubetti un petto di pollo, infilzare i pezzi su un paio di stecchini di legno per spiedini, alternandoli con tre o quattro pomodorini ciliegia, un pezzetto di cipolla rossa o di peperone (secondo la stagione) e tocchetti d’ananas. Mettere in una teglia, bagnare con poco brodo vegetale e cuocere in forno per circa un quarto d’ora, rigirandoli un paio di volte. Servire con un filo di olio d’oliva.
 
Se pranzi fuori casa

•170g di petto di pollo alla griglia
•Insalata di pomodori
•Macedonia di frutta di stagione

Secondo giorno

Colazione
•1 bicchiere di acqua tiepida
•1 fetta di ananas
•1 mela
•1 arancia
•1 caffè

Spuntino
•1 mandarino

Pranzo
•80g di orzo con erbe aromatiche
•2 cipolle al vapore
•1 fetta di ananas
 
Merenda
•1 yogurt magro

Cena
•170g di salmone e 2 fette d’ananas alla griglia
•1 patata al vapore
•1 fetta di ananas

Ricetta

Orzo con le erbe aromatiche

Fare cuocere l’orzo con brodo vegetale e un ciuffo di erbe aromatiche tritate (prezzemolo, erba cipollina, basilico). Quando mancheranno 10 minuti alla fine cottura, unire una cipollina tritata e rosolata con un cucchiaio d’olio d’oliva extravergine.
Lasciar riposare per qualche minuto prima di servire in tavola.

Terzo giorno

Colazione
•1 bicchiere di acqua tiepida
•1 fetta di ananas
•1 pera
•1 pompelmo
•1 tazza di tè verde

Spuntino
•1 mela

Pranzo
•80g di riso con le carote
•1 finocchio al vapore
•1 fetta di ananas
 
Merenda
•2 fette d’ananas

Cena
•180g di pollo ai ferri
•250g di broccoli in padella
•1 panino
•1 fetta di ananas

Ricetta

Riso con le carote

Tritare due carote e una cipollina e farle rosolare in una casseruola con un cucchiaio d’olio d’oliva extravergine. Unire il riso e far tostare per qualche minuto, sempre mescolando con un cucchiaio di legno.
Portare a cottura unendo un po’ di brodo vegetale, poco per volta.
Lasciar riposare per qualche minuto prima di servire in tavola.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Ricette, Dieta, Dimagrire, Cibo su Riza.it

Fianchi abbondanti? Più proteine e meno carboidrati!

Nella maggior parte dei casi, il grasso accumulato sui fianchi e sui glutei  è dovuto a una dieta ricca di carboidrati. Il meccanismo è questo: la digestione scompone i carboidrati (pasta, pane, pizza, dolci) in zuccheri semplici che il fegato trasforma in glicogeno; quest’ultimo, se non utilizzato subito, viene immagazzinato nel fegato per poterlo utilizzare al momento del bisogno. Questo sistema di immagazzinamento è veloce, ed efficiente, ma il “magazzino” è piuttosto piccolo, e non può contenere più riserve di tanto. Quando il glucosio supera il livello adeguato e quando le riserve di glicogeno sono al completo, l’eccesso viene trasformato in grasso. E nelle donne l’adipe si accumula preferibilmente nella zona di fianchi, addome, cosce e glutei.

Praticamente… ecco cosa fare per rimodellare i fianchi abbondanti

Ridurre l’apporto di carboidrati (pane, pasta, pizza, dolci) e aumentare quello di proteine (soprattutto pesce, poi carni magre, ma anche uova e formaggi light) tre volte a settimana per un mese, aiuta a ridurre il giro fianchi e i glutei. Infatti, se non vi è abbastanza glicogeno, l’organismo provvede a smobilitare le riserve di grasso e a trasformarle in energia. Quindi, se non si consumano zuccheri (o se ne consumano pochi), il corpo provvede a mettere mano alle riserve di grasso, e si dimagrisce.

Consigli per la dieta

Primo giorno

•Colazione: tè verde, un uovo alla coque, 1 fetta di pane integrale (50 g)
•Spuntino: 1 ciotola di frutti di bosco
•Cena: 120 g di arrosto di vitello, 2 patate lessate, insalata verde e pomodorini
•Merenda: 2 palline di sorbetto di frutta
•Cena: 200 g di sogliola o altro pesce al cartoccio, con un contorno abbondante di verdure di stagione; 1 mela o 1 pera

Secondo giorno

•Colazione: caffè, 60 g di ricotta con 3 cucchiaini di marmellata frutto puro, 1 fetta di pane integrale (50 g)
•Spuntino: 1 frullato di fragole o di pera
•Pranzo: 150 g di petto di tacchino arrosto, un’insalata mista, 50 g di riso
•Merenda: 1 frullato di banana
•Cena: tartare di tonno ( 150 g di pesce) , verdure al vapore, 1 ciotola di composta di frutta

Terzo giorno

Colazione: tè nero, 2 sottilette, 1 fetta di pane integrale (50 g)
•Spuntino: 1 ciotola di fragole o di lamponi
•Pranzo: 200 g di polpette di vitello con verdure miste grigliate; 50 g di riso lessato; 1 ciotola di macedonia di frutta
•Merenda: 1 pallina di gelato
•Cena: 200 g di trota salmonata al forno con verdure a piacere; 1 ciotola di frutti di bosco

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dieta, Dimagrire, Ricette su Riza.it

Il caffè: un piacere che fa bene alla salute, tonifica, rimodella

L’ azione eccitante della caffeina si protrae da una a due ore dopo averla bevuta, agendo sul sistema nervoso cerebro-spinale, provoca un risveglio delle facoltà mentali, allontana la sonnolenza, la noia, la stanchezza, anche quella psichica, gli stati depressivi, potenzia le capacità della memoria, dell’apprendimento, dell’intuizione e della concentrazione, facilita la percezione degli stimoli sensoriali, attenua le cefalee e le emicranie in genere. E aiuta a perdere peso!

Il caffè appena svegli aiuta la peristalsi intestinale

È una bevanda energetica adatta per il risveglio mattutino.
Bevuta a digiuno, può anche favorire la peristalsi intestinale.

A metà mattina stimola le facoltà cerebrali

Il caffè infonde la carica e favorisce l’attenzione.

Dopo pranzo, aiuta a vincere la sonnolenza postprandiale e accelera il metabolismo

Il caffè preparato con la moka e gustato amaro, sorseggiato dopo i pasti, aiuta il fegato e agisce sulle pareti dello stomaco, favorendo la secrezione dei succhi gastrici, avviando e migliorando il processo digestivo. E in più, stimola una naturale azione bruciagrassi.

Se hai il mal di testa, vince il dolore

La caffeina contenuta nel caffè stimola la produzione delle cosiddette “morfine endogene” (fabbricate dall’organismo): endorfine ed enchefaline che svolgono un’azione antidolorifica soprattutto nei confronti della cefalea. Inoltre il caffè è leggermente diuretico e aiuta a eliminare certe ritenzioni idriche che sono spesso la causa prima del mal di testa.

A metà pomeriggio ti “tira su”

Se alle 5 del pomeriggio gli occhi si cominciano a chiudere (momento “down”), un caffè può diventare un eccitante. Se, al contrario, a quell’ora si è vivaci (momento “up”) non succederà nulla e potremo dormire sonni tranquilli. È certo comunque che una tazzina fumante aiuta la concentrazione.

Alla sera, solo se non sei sensibile…

Il fatto che il caffè contrasti il sonno è soggettivo. Si crede che sia così perché il caffè viene bevuto durante i break per avere una “scossa”. Non è provato, ma è possibile che in persone particolarmente sensibili, prendere il caffè prima di andare a dormire possa influire sulla qualità del riposo notturno.

A metà pomeriggio e alla sera: preferire la qualità arabica 100%, con un minor contenuto di caffeina rispetto alle altre varietà.

Prima della palestra per un’azione snellente più efficace

Per alcuni il caffè è un attivatore della peristalsi intestinale, tanto che lo prendono la mattina a digiuno proprio per facilitare l’evacuazione. Per queste persone, è meglio evitare il caffè prima della palestra… (e non è una battuta!!!).
Per chi non ha questi effetti, il caffè prima della palestra (americano, con più caffeina) favorisce una maggior azione bruciagrassi…  esistono in commercio integratori a base di caffeina, che però vengono considerati dopanti.
A livello della muscolatura il caffè potenzia la capacità di contrazione muscolare, riduce la stanchezza, migliora il coordinamento dei movimenti e il rendimento sportivo.

Dopo la palestra

Allevia la stanchezza, specialmente negli sport di lunga durata, quando maggiormente la fatica si impadronisce del fisico ed i movimenti tendono a farsi pesanti.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dieta e salute, Dimagrire, Cibo, Integratori su Riza.it

Dimagrisci con la papaia e i frullati buoni

La papaia è un prezioso frutto tropicale che migliora la circolazione sanguigna e l’ossigenazione dei tessuti, contrastando cellulite e ritenzione idrica. Inoltre, facilita la digestione delle proteine (anche delle proteine vegetali, come quelle dei legumi e del glutine del grano), rendendole rapidamente disponibili per il nutrimento della massa muscolare. La papaia ha anche notevoli effetti disintossicanti, rinforza le difese immunitarie e protegge la pelle. Inserita regolarmente in una dieta sana ed equilibrata, riattiva il metabolismo e stimola una naturale azione brucia grassi, a tutto vantaggio della linea. Seguici e scopri come inserirla nella dieta quotidiana per favorire la riduzione del peso corporeo.

Menu quotidiano salva linea alla papaia

Il menu quotidiano che ti suggeriamo può essere utilizzato due volte a settimana e, in un mese, ti aiuterà a perdere fino a 4 kg di peso corporeo. Nei rimanenti giorni, occorre seguire una dieta sana ed equilibrata.

Colazione
•1 confezione di yogurt arricchito con probiotici; 4 fette biscottate integrali; tè o caffè dolcificati con miele; mezza papaia

Spuntino (entro le 10,30)
•Un super frullato diuretico: frulla 100 g di ciliegie snocciolate con un bicchiere di linfa di betulla (in vendita in erboristeria in bottiglie da un litro). Bevilo subito.

Pranzo
•Insalata di verdure di stagione cotte a vapore condita con succo di limone e 2 cucchiaini di olio d’oliva extravergine
•80 g di orzo con i zucchine e filetti di petto di pollo (lenticchie per i vegetariani)
•Mezza papaia
•Da bere pasteggiando: tè verde o acqua minerale naturale.

Merenda (entro le 17)
•Un super frullato dimagrante: frulla 3 fette di ananas fresco con un bicchiere di acqua minerale naturale, quindi aggiungi 2 cucchiai di succo di papaia fermentato (in vendita in erboristeria).

Cena
•200 g di arrosto di vitello (di tofu per i vegetariani), verdure miste saltate in padella e 70 g di pane integrale
•Mezza papaia
•Da bere pasteggiando: tè verde o acqua minerale naturale.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dimagrire, Dieta, Cellulite, Ricette su Riza.it

Sì a cappuccino e brioche a colazione! Basta scegliere quelli giusti

Tre italiani su dieci iniziano la giornata con un semplice caffè. Eppure, dietologi e nutrizionisti sostengono già da anni che ciò che si mangia a colazione ha un ruolo chiave nel mantenimento del peso forma. Il primo pasto dovrebbe essere in grado di fornire almeno il 30% del fabbisogno calorico della giornata, sotto forma prevalente di carboidrati, così a pranzo sarà più facile scegliere un monopiatto con verdure e non esagerare con le porzioni.
E se hai bisogno di uno “stimolo” per non saltare la colazione, scegli pure cappuccino e brioche… ma seguendo i nostri suggerimenti che ne riducono gli “effetti collaterali”…

Il latte per una scorta di calcio

Se non hai un’intolleranza al latte, 80-100 cc di latte (più o meno la quantità di un cappuccino da bar) tutte le mattine apportano buone quantità di calcio e 30-80 kcal, a seconda che sia magro o intero.
In alternativa, trovi bar che lo fanno anche con il latte di soia, più raramente con latte di riso.

Il caffè per dare lo sprint

Caffè espresso (circa 40 cc) per svegliarsi completamente e iniziare la giornata con più energia mentale. Se non lo tolleri, puoi chiederlo con caffè d’orzo. Le calorie? Pochissime 4-5 per entrambi.

Lo zucchero non è necessario ma…

Se proprio non puoi farne a meno, meglio quello grezzo di canna, che trovi anche al bar. Una bustina: 40 kcal.

Il cacao: ottima alternativa allo zucchero

Sì, in alternativa allo zucchero è un’ottima scelta, per un apporto calorico intorno alle 30-40 kcal.

La brioche? Integrale e al miele è meglio!

Le brioches del bar spesso contengono grassi vegetali idrogenati che hanno un’azione infiammatoria. Scegli quelle di pasticceria, meglio se integrali e al miele: ti regalano fibre benefiche per l’intestino Oppure opta per brioches confezionate che non contengano grassi idrogenati o trans, olio di palma o palmisto (lo scopri leggendo le etichette).
Una brioches vuota apporta circa 270 kcal.
Una brioche con la marmellata 340 kcal e una alla crema 400 kcal.

E per finire: tre regole d’oro per la tua colazione

•Non saltare la colazione e non limitarti a un solo caffè, sarebbe comunque come non farla!
•Una brioche, una fetta di dolce, del cioccolato o una pizzetta sono comunque preferibili al non fare colazione.
•Non mangiare sempre le stesse cose, ma varia di volta
in volta e non dimenticare di gustare anche un frutto di stagione.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dimagrire, Dieta, Ricette, Cibo su Riza.it

Dimagrisci mangiando e bruciando i grassi con le sostanze giuste

Ti suggeriamo in questo articolo un menu quotidiano da adottare due giorni a settimana per dimagrire fino a 3 chili in un mese. Esso prevede in massima parte alimenti crudi o poco cotti, per salvare enzimi e altri principi nutritivi utili al metabolismo. In particolare gli enzimi aiutano a bruciare più grassi e calorie.
Ti diamo anche le indicazioni per preparare un “supersucco” dimagrante che ti aiuterà a ripulirti meglio da adipe e tossine. I pasti sono facili e veloci da preparare, perché raggiungere il proprio peso forma non deve essere uno stress… Prova e raccontaci i risultati che hai ottenuto! Continua a leggere