Criolipolisi: scioglimento del grasso attraverso il freddo

Oggigiorno le tecniche che possono essere impiegate per il trattamento e l’eliminazione di cellulite e grasso localizzato sono numerossime: elettroterapia, cavitazione, digitopressione, mesoterapia, liposuzione, ecc….

Uno fra questi sfrutta il potere del freddo, e sta riscuotendo molto successo per l’elevata efficacia a fronte di controindicazioni quasi nulle.

Ho intervistato per voi il Dott. Giacomo Urtis, chirurgo plastico presso Dr Urtis Clinic di Milano, e vi  ho riassunto i punti chiave di questo trattamento…
Continua a leggere

Sovrappeso e obesità

L’obesità, uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale, non rappresenta solo un problema estetico, ma anche un importante fattore di rischio per varie malattie croniche, quali il diabete mellito di tipo 2, malattie cardiovascolari e tumori. Si calcola che i decessi attribuibili all’obesità siano almeno 2,8 milioni all’anno nel mondo.

Ne parliamo con la Dott.ssa Silvia Giulia Secchi, specialista agopuntore del Centro Medico Visconti di Modrone. Continua a leggere

Il benessere è nell’acqua: Woga

I benefici dell’allenamento in acqua sono molteplici soprattutto perché si tratta di un ambiente in cui vengono ridotte le pressioni articolari. Risulta quindi particolarmente adatto per evitare tensioni sulle articolazioni sia di persone sane che di quelle che necessitano di ripristinare la funzionalità articolare, quindi in tutte le terapie riabilitative.  Non bisogna però pensare che il lavoro fisico venga vanificato perché è facilitato dal supporto dell’acqua: la sua densità è maggiore di quella dell’area di circa 10 volte, dunque l’allenamento risulta più impegnativo rispetto quello tradizionale. Continua a leggere

Proteggiamo gli occhi dal sole

Le alte temperature e i raggi UV possono provocare secchezza, arrossamenti, persino danni alla retina. Fondamentali sono gli occhiali da sole e i colliri adatti  in caso irritazioni. Che sia mare, montagna, una città d’arte o semplicemente più ore passate all’aperto nel luogo in cui si vive, in estate il corpo è sottoposto a un diverso stress ambientale, e spesso ci si dimentica che questo coinvolge anche gli occhi. Invece sabbia, vento, acqua di mare, cloro o la luce intensa del sole possono causare disturbi di ieri ma che incidono sul relax della vacanza. Per fortuna è facile tenerli a bada con qualche accorgimento. Il caldo estivo può compromettere l’integrità del film lacrimale, causando secchezza oculare. Le temperature elevate, infatti, fanno sì che la componente acquosa evapori e si crei attrito del movimento delle palpebre, con conseguente arrossamento dell’occhio. Soffrono di questo disturbo soprattutto i portatori di lenti a contatto, ma può avere disturbi anche chi assume determinati farmaci come anticoncezionali, antistaminici, ansiolitici, antiipertensivi e antidepressivi. Continua a leggere