Il caffè: un piacere che fa bene alla salute, tonifica, rimodella

L’ azione eccitante della caffeina si protrae da una a due ore dopo averla bevuta, agendo sul sistema nervoso cerebro-spinale, provoca un risveglio delle facoltà mentali, allontana la sonnolenza, la noia, la stanchezza, anche quella psichica, gli stati depressivi, potenzia le capacità della memoria, dell’apprendimento, dell’intuizione e della concentrazione, facilita la percezione degli stimoli sensoriali, attenua le cefalee e le emicranie in genere. E aiuta a perdere peso!

Il caffè appena svegli aiuta la peristalsi intestinale

È una bevanda energetica adatta per il risveglio mattutino.
Bevuta a digiuno, può anche favorire la peristalsi intestinale.

A metà mattina stimola le facoltà cerebrali

Il caffè infonde la carica e favorisce l’attenzione.

Dopo pranzo, aiuta a vincere la sonnolenza postprandiale e accelera il metabolismo

Il caffè preparato con la moka e gustato amaro, sorseggiato dopo i pasti, aiuta il fegato e agisce sulle pareti dello stomaco, favorendo la secrezione dei succhi gastrici, avviando e migliorando il processo digestivo. E in più, stimola una naturale azione bruciagrassi.

Se hai il mal di testa, vince il dolore

La caffeina contenuta nel caffè stimola la produzione delle cosiddette “morfine endogene” (fabbricate dall’organismo): endorfine ed enchefaline che svolgono un’azione antidolorifica soprattutto nei confronti della cefalea. Inoltre il caffè è leggermente diuretico e aiuta a eliminare certe ritenzioni idriche che sono spesso la causa prima del mal di testa.

A metà pomeriggio ti “tira su”

Se alle 5 del pomeriggio gli occhi si cominciano a chiudere (momento “down”), un caffè può diventare un eccitante. Se, al contrario, a quell’ora si è vivaci (momento “up”) non succederà nulla e potremo dormire sonni tranquilli. È certo comunque che una tazzina fumante aiuta la concentrazione.

Alla sera, solo se non sei sensibile…

Il fatto che il caffè contrasti il sonno è soggettivo. Si crede che sia così perché il caffè viene bevuto durante i break per avere una “scossa”. Non è provato, ma è possibile che in persone particolarmente sensibili, prendere il caffè prima di andare a dormire possa influire sulla qualità del riposo notturno.

A metà pomeriggio e alla sera: preferire la qualità arabica 100%, con un minor contenuto di caffeina rispetto alle altre varietà.

Prima della palestra per un’azione snellente più efficace

Per alcuni il caffè è un attivatore della peristalsi intestinale, tanto che lo prendono la mattina a digiuno proprio per facilitare l’evacuazione. Per queste persone, è meglio evitare il caffè prima della palestra… (e non è una battuta!!!).
Per chi non ha questi effetti, il caffè prima della palestra (americano, con più caffeina) favorisce una maggior azione bruciagrassi…  esistono in commercio integratori a base di caffeina, che però vengono considerati dopanti.
A livello della muscolatura il caffè potenzia la capacità di contrazione muscolare, riduce la stanchezza, migliora il coordinamento dei movimenti e il rendimento sportivo.

Dopo la palestra

Allevia la stanchezza, specialmente negli sport di lunga durata, quando maggiormente la fatica si impadronisce del fisico ed i movimenti tendono a farsi pesanti.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Dieta e salute, Dimagrire, Cibo, Integratori su Riza.it

Fitness facile e menu quotidiano per una forma perfetta

Sciogliere i cuscinetti di adipe non è solo una questione di dieta. I migliori risultati si ottengono solo se pratichi attività fisica regolare. Basta una semplice passeggiata quotidiana di almeno 20 minuti e qualche esercizio corporeo facile e divertente per ritornare in forma.

Ecco per te un programma quotidiano da utilizzare tre volte a settimana per almeno un mese. Ridurrai il girovita senza fatica! Continua a leggere

Chi fa sport ha bisogno di un’alimentazione giusta

La dieta per mantenere in forma i muscoli

Dieta e alimentazione sono della massima importanza per chi pratica sport. Per mantenere il perfetto funzionamento delle masse muscolari è sufficiente  un apporto medio giornaliero di 1,1-1,5 grammi di proteine per ogni chilogrammo di peso corporeo. Nella dieta di coloro che svolgono sport a livello agonistico, la dose giornaliera consigliata può salire fino a 1,7 grammi. La dieta dello sportivo deve dunque contenere una serie di alimenti proteici poveri di grassi…

Continua a leggere l’articolo “La dieta dello sportivo” su Riza.it

la torta che riempie di energia chi fa sport

Una ricetta utile per chi fa sport…

Questa ricetta garantisce un apporto di energia di immediato utilizzo, quindi è particolarmente indicata per chi fa attività fisica. Per esempio, una fetta prima dell’allenamento sportivo dà lo sprint e, grazie al contenuto di vitamine B di cui è ricca la ricetta, favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi dal cervello ai muscoli, migliorando la performance sportiva….

Continua a leggere l’articolo “Cheesecake ai mirtilli: una ricetta che dà subito energia” su Riza.it

La torta di carote è ottima per chi fa sport

Con
Una ricetta che sostituisce il primo piatto

Questa ricetta consente di avere un ottimo piatto unico – magari da accompagnare con un’insalata -, adatto anche per chi fa sport. Il piatto, preparato secondo la ricetta che qui vi indichiamo, fornisce un apporto calorico piuttosto elevato (420 kcal a porzione) ma considerandolo come unica portata è nella media calorica di un primo. Inoltre è ben digeribile e fornisce vitamine del gruppo B, rigeneranti del sistema nervoso e dei muscoli…

Continua a leggere l’articolo “Torta di carote: una buona ricetta per chi fa sport” su Riza.it