Evita così il rilassamento della pelle

smagliature

Cosce, braccia, fianchi, seno: sono le zone del corpo più a rischio smagliature. Scopriamo cosa sono e come affrontarle per ridurle in modo naturale…

Alcune zone del nostro corpo sono particolarmente sottoposte a stress di vario tipo. Il seno, l’addome, i fianchi, l’interno coscia e le braccia subiscono forti sollecitazioni da continui movimenti e sfregamenti, quindi possono perdere elasticità, tonicità ed essere predisposti al formarsi di strie atrofiche, dette smagliature. Ma il problema non è legato solo all’invecchiamento cutaneo, poiché è frequente la loro comparsa anche nel periodo della pubertà e durante la gravidanza, soprattutto tra il 6° e l’8° mese.

 

Le smagliature Arrivano anche da giovani

Ci sono due tipi di smagliature: quelle che compaiono sulla pelle giovane e tonica e quelle che si formano in un tessuto molto rilassato. Nel primo caso le strie hanno un colore rossastro e sono in una fase in cui, con un po’ di costanza e i cosmetici giusti, si possono in parte riassorbire. Nel secondo caso le fibre di sostegno, collagene ed elastina, diminuiscono, perdono elasticità e tendono a rompersi, causando quindi delle vere e proprie crepe nel tessuto in cui non c’è più attività cutanea. Le cause non sono del tutto chiare, ma è noto che esistono alcuni fattori predisponenti, come l’ereditarietà, gli squilibri endocrini e le terapie cortisoniche, l’eccessiva attività muscolare che causa uno stiramento dei tessuti, la Sindrome di Cushing (una patologia in cui le strie atrofifiche sono uno dei segni clinici), l’obesità e il dimagrimento troppo rapido.

 

Fai lo scrub rivitalizzante

In una ciotola non di metallo poni 3 cucchiai di germe di grano, 1 cucchiaino di fondi di caffè, 1 cucchiaio di zucchero di canna, 1 cucchiaio di olio di avocado e 2 cucchiai di acqua tiepida. Mescola fino a ottenere un impasto morbido, applica sulle zone da trattare e massaggia con movimenti circolari fino ad avvertire un leggero calore.

 

Regalati un massaggio rigenerante

Risciacqua e sulla pelle ancora umida massaggia fino ad assorbimento una noce di burro di karité a cui avrai aggiunto 3 gocce di olio di soia e 3 gocce di estratto di equiseto. Fai questo trattamento ogni giorno per 2 mesi (per il rassodamento dei tessuti ci vuole pazienza e costanza) e poi continua a mesi alterni. Tre volte a settimana sostituisci lo scrub con un massaggio iperemico fatto con un guanto di lino bagnato in acqua calda e ben strizzato. Il quantitativo descritto è sufficiente per una zona come l’addome, se ne occorre di più, aumenta in modo proporzionale gli ingredienti. Nel periodo della gravidanza e dell’allattamento è necessario usare soltanto oli vegetali puri, come l’olio di mandorle dolci, di argan o d’oliva, senza additivi particolari e di sicura origine biologica controllata

 

Quattro azioni che aiutano a tenere lontane le smagliature

Non è ancora stata inventata una cura sicura per far sparire le smagliature ma, come in tutte le cose che riguardano il benessere e la bellezza, la soluzione migliore è formata da un insieme di buone abitudini.

 

  1. Prevenzione
    Soprattutto per chi ha una predisposizione familiare, è bene cominciare già in adolescenza a nutrire e idratare la pelle delle zone a rischio con un olio vegetale elasticizzate e principi attivi tonificanti. Questo vale anche per chi adolescente non è più.
  2. Alimentazione bilanciata
    Per mantenere la pelle bella ed elastica occorre mangiare in modo sano evitando, soprattutto dopo i quarant’anni, dimagrimenti veloci e diete fai-da-te perché danneggiano gravemente le fibre elastiche e di sostegno.
  3. Attenzione al troppo sole
    Un’esposizione intelligente ai raggi solari che eviti le ore calde e utilizzi sempre protezione evita che il photo-aging aumenti il rilassamento cutaneo.
  4. No a fumo e alcol
    Sono tra le cause maggiori dell’invecchiamento precoce della pelle.

 

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Benessere, Bellezza e Oli Essenziali su Riza.it.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *