Dormire bene

Siamo ben informati sulle scelte comportamentali che contribuiscono al nostro benessere: alimentazione corretta, stili di vita sani, attività fisica moderata ma costante, lotta senza quartiere allo stress. Dovrebbe esserci tutto, a occhio … In realtà non è così, manca un aspetto fondamentale della nostra vita, a cui dedichiamo parecchie ore al giorno: dormire. Continua a leggere

Come fare per mantenere una dieta crudista durante l’inverno?

Come fare per mantenere una dieta crudista durante l’inverno?

In estate è molto più facile alimentarsi esclusivamente, o quasi, di alimenti crudi e sembrerebbe un ostacolo il dover mangiare cose fredde in inverno.

Il fatto di vivere in un clima temperato come quello italiano, dove non si ha scampo a dei mesi freddi, è per me un’ottima ragione per non essere crudisti al 100%! Non tutti abbiamo la possibilità o la fortuna di vivere ai tropici e quindi di godere di una buona temperatura tutto l’anno. Chi sostiene il crudismo al 100%, lo sostiene anche perché lo ritiene più naturale e ottimale per l’uomo. Ma si potrebbe far notare che probabilmente vivere a quel clima non è naturale o ottimale per l’uomo. Dovremmo tutti trasferirci in Tailandia, Costa Rica o altri paesi tropicali? Ma anche no. Che confusione che creerebbe. Siamo troppi! L’essere umano è stato capace di adattarsi a situazioni estreme. Il corpo umano è di per sé una macchina fenomenale, la quale, anche in assenza di cibo o di alimenti “perfetti” ha in se dei meccanismi di sopravvivenza innati a dir poco strabilianti. Pensatevi che possiamo digiunare per giorni, settimane, anche mesi! Siamo stati capaci di alimentarci per migliaia di anni di cibi che hanno poco a che vedere con il nostro patrimonio genetico, eppure siamo ancora qui. Negli ultimi decenni stiamo nuovamente scombussolando la nostra dieta, introducendo non-cibi assolutamente tossici per il nostro organismo, ma, di nuovo, il corpo non demorde! Insomma, anche se non ci alimentiamo al 100% dei cibi più perfetti per noi in Natura, avremo la possibilità non solo di sopravvivenza, ma anche di godere di una vita lunga, serena e in salute.

Ma per chi vuole continuare il suo percorso da fruttariano anche d’inverno può seguire i consigli di Giorgio Bogoni, il nostro esperto di alimentazione fruttariana… Continua a leggere

La Scuola Ideale

“La scuola è fondamentale nella vita di qualunque individuo. Inizia quando siamo piccoli e continua per sempre, per chi lo desidera. Ci sono sempre nuove cose da imparare, ogni giorno porta scoperte e novità, e col tempo si arricchisce il nostro bagaglio culturale. Impossibile negarlo, la scuola è utile, a dispetto di cosa pensi la maggioranza degli adolescenti”, ci racconta Qlara, adolescente in crescita, e continua così… Continua a leggere

L’essere umano è ciò che mangia

“L’essere umano è anzitutto ciò che mangia e sulla base di questo è ciò che pensa.”

L’alimentazione è connessa con la vita emotiva ed assume un significato che va oltre l’aspetto semplicemente fisiologico. Solitamente si parla tanto delle proprietà nutrizionali dei vari cibi e del loro effetto a livello fisico, ma spesso si trascura che ciò che mangiamo contribuisce a nutrire anche la sfera psichica. Mente e cibo sono strettamente interconnessi e si influenzano a vicenda. Il tipo di alimentazione, infatti, determina non solo la nostra salute fisica, ma anche quella mentale, il nostro stato d’animo, la qualità dei nostri pensieri, e persino i nostri comportamenti. Approfondiamo l’argomento con il nostro esperto Giuseppe Tedeschi, laureato in Scienze della Salute, e professionista di Igiene Naturale. Continua a leggere

Neuroni Specchio: implicazioni per la psicoterapia

Quando vediamo qualcuno fare qualcosa, a livello di attivazione neuronale è come se fossimo noi a farla. O meglio, ci predisponiamo a farla, quindi possiamo avvicinarci a comprendere ciò che gli altri percepiscono nel farla.
Matteo Rizzato e Davide Donelli, lo sono il tuo specchio, 2011

Negli ultimi decenni le crescenti scoperte nel campo delle neuroscienze hanno permesso ai ricercatori di applicare più agevolmente i dati all’ambito clinico e di renderli disponibili per implementare nuove strategie terapeutiche. Parallelamente, su un piano epistemologico, si è assistito a una forte spinta verso il superamento dei riduzionismi sul funzionamento mentale (psicologico e biologico) favorendo il dialogo tra studiosi provenienti da ambiti diversi. Il risultato è una progressiva attitudine a investire in ricerche multidisciplinari in cui viene stimolato il confronto, il dialogo e, talora, una vera e propria integrazione di elementi provenienti da paradigmi teorici diversi. Ne parliamo con le Dott.sse Alessandra Del Carlo e Cristina Toni, specialiste in Psichiatria del Centro Medico Visconti di Modrone. Continua a leggere