Viaggi lunghi e trombosi: una relazione pericolosa

Lunghi viaggi in aereo possono mettere a rischio la nostra salute. Per questo si parla di “sindrome da classe economica”, così definita dai media di tutto il mondo, poiché colpisce spesso, a seguito di lunghe tratte, chi viaggia in classe economica. Ne parliamo con la Dottoressa Lidia Rota Vender, specialista in Ematologia del Centro Medico Visconti di Modrone e presidente di ALT, Associazione Lotta alla Trombosi. In realtà, sarebbe più corretto parlare di “sindrome dei viaggiatori”, poiché riguarda non solo chi vola, ma anche chi si muove in auto o in treno, compiendo lunghi viaggi. Il viaggio aereo può far emergere una fragilità su base genetica, quindi ereditata e sempre presente, o funzionale, quindi transitoria, del sistema della coagulazione del sangue che lavora in modo indisciplinato coagulando troppo rapidamente.   Continua a leggere

L’intervento del grasso sottomentoniero

La percezione della bellezza muta con il passare del tempo e ciò che fino ieri non era percepito come un inestetismo, oggi diventa invece causa di malessere e perdita di sicurezza in se stessi. È il caso del doppio mento. Non tanto quello estremamente pronunciato di chi  è in sovrappeso, quanto quello legato a una perdita graduale dell’elasticità cutanea nella zona del collo e lungo il bordo mandibolare e alla presenza di pannicoli adiposi. Anche in soggetti magri. Tra le cause del doppio mento si trovano infatti, oltre al peso, l’età e la postura. Da non dimenticare una certa predisposizione genetica. Il grasso sottocutaneo e la conseguente lassità è considerato un inestetismo difficile da sopportare, per alcuni anche invalidante da un punto di vista psicologico. E il doppio mento preoccupa tanto le donne quanto gli uomini. Continua a leggere

Riflessioni estive

Le vacanze estive ci ritemprano e ci ricaricano in vista della seconda parte dell’anno. Molto spesso sentiamo parlare di buoni propositi all’inizio del nuovo anno, quando siamo pronti a voltare pagina, stabilendo obiettivi e mete da raggiungere per i 365 giorni che ci aspettano.

Lontani dalla routine giornaliera e più aperti a ricevere nuovi stimoli ed idee, l’estate è il momento per fare il bilancio della prima parte dell’anno e stabilire o correggere la rotta nei mesi a venire. La parte più difficile però non è tanto quella di fissare nuovi obiettivi, quanto quella di rispettarli e mantenere la motivazione a lungo nel tempo, soprattutto quando parliamo del nostro benessere. Apparteniamo ad un periodo storico in cui la qualità della vita ha raggiunto un livello più alto rispetto ai tempi passati, e anche la cultura del benessere è sempre più diffusa e condivisa, in ogni fascia sociale. Per cultura del benessere si intende il desiderio di star bene, il piacere di mantenersi in forma, l’attenta cura di sé stessi. Tutto ciò nasce da un approccio positivo verso la vita, dalla voglia di conoscere sé stessi e il mondo circostante, ampliando il bagaglio personale di esperienze. Continua a leggere

Eczema atopico, come ci vestiamo

Anche l’abbigliamento può aiutare a ridurre quel prurito, il sintomo più fastidioso dell’eczema atopico. È importante infatti non irritare la pelle già alle prese con un problema che arriva a colpire fino al 20% dei bambini e che a volte si protrae fino all’età adulta. Come vestirsi allora? Prima di tutto meglio evitare le fibre grossolane come alcune sintetiche o la lana che ha contatto con la cute potrebbero riaccendere l’infiammazione. In secondo luogo, prediligere tessuti che non siano stati tinteggiati. A volte, infatti, l’eczema è scatenato da una reazione allergica ai coloranti  (il più pericoloso pare proprio il colore nero). Oggi come in passato il materiale più consigliato in questi casi è il cotone che non sia stato sottoposto a colorazione. Non è escluso poi che il colpevole sia qualche allergene ambientale, come i pollini o la polvere degli acari  (attenzione dunque a dove e quando si stende la biancheria).  Ne parliamo con il professor Santo Raffaele Mercuri, primario dell’unità di dermatologia del San Raffaele di Milano. Continua a leggere

Le proteine verdi

Per incrementare la massa muscolare, si è sempre pensato che le proteine di derivazione animale avessero un ruolo imprescindibile. Ma è proprio così? Si parla tanto di diete plant-based che possano garantire una massa muscolare possente e scattante, senza peraltro privare l’organismo dei nutrienti necessari.

Le proteine sono un nutriente indispensabile per la costruzione, il mantenimento e la riparazione dei tessuti del nostro corpo. I “mattoni” che le compongono sono gli amminoacidi, che possono essere sintetizzati dall’organismo oppure essere assunti con il cibo. Una parte di questi amminoacidi, quelli chiamati essenziali, provengono esclusivamente dall’alimentazione: quello che mangiamo è quindi di fondamentale importanza. Le proteine contenute nella carne, nelle uova e nei latticini contengono i 9 amminoacidi essenziali, ed è per questo motivo che da sempre viene incentivata una dieta ricca di proteine di derivazione animale. Quello che però spesso non viene detto è che anche molte sostanze vegetali possono essere considerate complete, quindi ricche di tutti gli amminoacidi essenziali al buon funzionamento del nostro organismo. Con però una differenza sostanziale: un’alimentazione ricca di carne, uova e latticini apporta al nostro organismo non solo proteine, ma anche grassi, colesterolo, sostanze acide e metionina. Continua a leggere

Il ruolo della farmacogenetica nella personalizzazione della cura

“…non è l’analisi dei fattori di rischio genetici a rappresentare la promessa più immediata per la salute psichica del genere umano, quanto l’applicazione delle informazioni genetiche per un uso più sicuro ed efficace dei farmaci”
                                                                                                 Caplan, Science 2011

Dott.ssa Cristina Toni

Negli ultimi venti anni la ricerca genetica ha fatto notevoli progressi in medicina con la cosiddetta “rivoluzione genomica”. Grazie alla definizione della sequenza dei geni nel genere umano, sono stati implementati studi cosiddetti di “associazione genoma-wide”, volti a confrontare i geni di soggetti sani con quelli di soggetti affetti da una determinata malattia per evidenziare eventuali differenze da mettere in relazione con la patologia in esame. “Il primo successo di questo tipo di ricerche si ebbe nel 2005, quando si identificò una variante genetica responsabile della degenerazione maculare senile. Negli anni successivi numerose altre malattie sono state messe in relazione con variazioni genetiche nella popolazione”, ci spiega  la Dottoressa Cristina Toni  , specialista psichiatra del Centro Medico Visconti di Modrone.

Continua a leggere