Il benessere in città

Il recente rapporto Istat con la nuova impostazione Bes, benessere equo e sostenibile, mostra come nella popolazione italiana ci sia un indice di fiducia molto basso, verso gli altri e verso il futuro. Mentre esiste ancora una solidarietà forte nella filiera corta, nelle relazioni famigliari e nel contesto sociale stretto. Longevità in aumento e fiducia molto bassa dipingono un possibile scenario critico di qualità della vita specialmente per le persone con fragilità. Bassa fiducia negli altri, forte carico sulle reti familiari, reti sociali importanti, ma non su tutto il territorio. Nel nostro Paese risultano tradizionalmente forti le solidarietà “corte” e i legami “stretti”, in particolare quelli familiari. Sia nei momenti critici sia nello svolgimento delle normali attività quotidiane, la famiglia rappresenta una rete di sostegno fondamentale, un punto di riferimento importante che – con tutti i limiti e le difficoltà imposti dalle recenti trasformazioni sociali ed economiche – sembra ancora funzionare e soddisfare in misura rilevante gli italiani. Intorno alla famiglia si sviluppa una rete di relazioni con parenti non conviventi e amici che svolge un ruolo fondamentale nella dotazione di aiuti sui quali individui e famiglie sono abituati a contare. L’inclusione sociale e la qualità della vita delle persone con fragilità hanno mosso l’interesse di una piccola rete associativa a Milano di cui voglio parlarvi oggi. Continua a leggere

Più frutta e verdura rendono felici

Non sembra essere solo teoria ma un dato di fatto: mangiare, ogni giorno, più frutta e verdura renderebbe più felici. La dimostrazione arriverebbe da un grande studio della University of Leeds e University of York, entrambe in Gran Bretagna, pubblicato sulla rivista Social Science and Medicine, che ha coinvolto ben 45 mila persone, ci spiega la Dott.ssa Carla Lertola, specialista in Scienza dell’Alimentazione del Centro Medico Visconti di Modrone. Continua a leggere

Il potere dei rituali

Diciamo la verità: la maggior parte di noi trova molto difficile migliorare alcuni aspetti del proprio stile di vita, che si tratti di nutrirsi correttamente, fare esercizio fisico, abbandonare qualche abitudine dannosa o dare avvio ad un progetto che ci sta a cuore.

La sola forza di volontà non ci permette di cambiare il nostro comportamento, poiché essa richiede attenzione cosciente. Supponiamo, ad esempio, che tu voglia iniziare a fare esercizio fisico o ad introdurre una quantità maggiore di frutta e verdura cruda nella tua dieta. Se fai affidamento unicamente sulla tua forza di volontà, è probabile che tu riesca a mantenere i tuoi propositi solo per un breve periodo di tempo. Pensaci: devi ricordare a te stesso di lavarti i denti, prima di andare a dormire? Hai bisogno di attaccare un promemoria allo specchio del bagno per essere sicuro di lavarti i denti ogni sera? È probabile che la risposta sia no, e che tu lo faccia automaticamente. Perché? Perché lavarti i denti prima di andare a dormire è diventata un’abitudine sub-conscia. È diventato un “rituale”. Continua a leggere

Fervida, fermenti di vita

Cresce anche in Italia l’interesse per le lunghe fermentazioni fatte in casa. I benefici per la nostra salute sono numerosi. In particolare i Fervida: derivano da fermentazioni lunghe e complesse e, benché molto antichi, sono giunti in Italia soprattutto grazie alla storia di Pa Cheng, una donna thailandese  che afferma di essere guarita da una malattia molto grave proprio grazie ai Nam Mai, loro nome originario…

Da fare in casa con pochi e semplici ingredienti- acqua, zucchero e un vegetale- i loro benefici sono oggi avallati anche da ricerche scientifiche. Occorre sicuramente prestare attenzione al processo di fermentazione  ma chi li ha provati giura di non potersene più separare. Continua a leggere

Alluce valgo addio… Facciamo chiarezza!

Alluce Valgo – Cosa è

“L’alluce valgo è una delle patologie più diffuse e conosciute a carico del piede e su cui vengono dette e scritte le spiegazioni delle cause di comparsa e le soluzioni terapeutiche, conservative e/o chirurgiche, più disparate … delle quali molte però false o addirittura fuorvianti …

Ne parliamo con il Prof. Luca Avagnina, podologo del Centro Medico Visconti di Modrone

È  una patologia caratterizzata da una deformità del primo dito che comporta una deviazione laterale più o meno accentuata dell’articolazione dell’alluce. Continua a leggere

Lo yoga integrale

L’essenza di questa antica pratica si esprime nella fusione dell’Hatha Yoga e del Raja Yoga con il Tantra. Questo implica un lavoro integrale sulla struttura psicofisica, in un percorso che si struttura attraverso un’intensa pratica fisica e una consapevolezza degli stati mentali ed emotivi. Il punto di contatto e l’anello di congiunzione tra le tre vie è il respiro, ed è per questo che la pratica dello Yoga Integrale si fonda su una profonda e strutturata educazione alla respirazione consapevole. In una lezione di Yoga Integrale le diverse Asana (posizioni del corpo) non sono mai affrontate come mero esercizio ma diventano un mezzo per accedere a una stabile concentrazione mentale oltre che a una più profonda coscienza di se stessi. Tutto ciò si ottiene attraverso la consapevolezza del respiro. È necessario accorgersi che stiamo respirando e come lo stiamo facendo . Il respiro è un ritmo sempre presente che esprime tante variazioni quante sono le situazioni che viviamo dentro e fuori di noi. Il nostro respiro è l’indicatore più veritiero su come ci sentiamo e su come stiamo vivendo la nostra vita . Lo yoga t’insegna a esserne consapevole e ti insegna delle tecniche per regolare la tua respirazione, questo fa si che la tua energia non si disperda inutilmente, ma al contrario accresca concedendoti un meraviglioso benessere psicofisico. Continua a leggere